GinoRamaglia.it - Materiali per l'arte
.
GinoRamaglia.it - Tecniche, materiale e risorse per artisti
GinoRamaglia.it - Tecniche, materiale e risorse per artisti
  GinoRamaglia.it il Catalogo dei prodotti per Belle Arti Eventi e mostre d'arte Esponi le tue opere in Galleria I consigli sulle tecniche e i prodotti per l'arte  
 
 

Forum di discussione

 Benvenuto Ospite    Register  Login cerca  lista utenti

 Tutti i Forum
  Mostre ed Eventi Artistici

stampa Post reply  Post New Topic

Subject Mostre ed incontri artistici - Settembre 2006
Messaggio di Gino il martedì 29 agosto 2006 alle 09:29   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

Gulay Alpay Solo Exhibition
September 8 - 17, 2006
 
 
 
Opening: September 8, 2006
 
Curator: Tchera Niyego
 
Location: Turkish Center - Culture and Tourism Office Gallery, 821 United Nations Plaza - New York, NY 10017
 
more details: www.gulayalpay.com
 
Gulay Alpay’s work displays delicacy and fragility, revealing a deep respect for something fundamental, some primal, indigenous sense of shape and color, yet she creates with bursts of contemporary idioms. Her paintings are playful, spirited, freeform and deceptively complex. There’s not a single corner, hard edged, geometric line to be found in her composition, instead the shapes are as fluid as the submerged sounds that fuel her imagination.
There are connections to Sigmar Polk, Arshile Gorky, Kandinsky, Pollock, De Kooning, and less obvious, Josef Beuys.
Alpay’s oeuvre is organic, her shapes biomorphic. In her latest series, she’s inspired to save the whales, but the images are part of the abstract motifs with occasional words and phrases that are distractions from an otherwise controlled, well-articulated, passionate technique. It has been ten years since Alpay was initially inspired by the songs of whales, and her work has become freer and more experimental since this point.
The fact that almost all of her work is on silk is itself a trademark, a signature. Some of the work is unframed, hung like a banner suggesting freedom of material and color; the form does not confine them. On the other hand, when the works are framed, she places a layer of foam behind them that stretches the silk into deeper curves, extending the shape and colors. This method gives it a playful, satirical, even Pop-arty, dimension. Like taking a piece of exotic tapestry or embroidered pillow case fabric and framing it to the wall, Alpay plays with the boundaries between craft and fine art. It is humorous and ironic, and in the end you take notice: you are surprised by its beauty and grace. (Abraham Lubelski)
 
writer-criticer-artist: Yilmaz Zenger
I have seen the paintings of Gülay the first time in New York in Broadway Gallery’s archive. At first glance the material used have confused my mind: Silk. Besides, it carried me to my own past, to the silky dresses we have produced with Güler Umur. They had been hand-painted. Painting silk is inister. It is completely different from painting on canvas. It is a must on dressings, but here why as a peinture? First I thought maybe Gülay expects a kind of experimentalism for the form of the painting. But, where it reaches now -in her own words- the transparency and light-reflect ability of silk gives value to the painting as one can look at the paintings both from inside and outside. Gülay finds her material special and valuable due to its thin transparent texture, reflect ability of light, hard to get wrinkled, easy going with silk ink, openness to the spontaneous surprises… giving opportunity and freedom for big scale works, being light and easy to transform… presenting different material choices from canvas… easy to exhibit and most of all the best for the things Gülay wants to show. She loves her material, and thinks about it as a magical material upon which she can reflect her spontaneous expressions of her energy and spirit immediately.
 
It is obvious that she doesn’t intend to present paintings in the ordinary way.  The carriers of art objects aren’t considered important, we don’t put them in the design process. Gülay turns this upside down and gives the best place to the carrier. Thus her paintings take the long way till she gets her brush in her hand. Besides, she says that she finishes the painting in her head before she begins to paint with brush. She says she works very fast and without break once she begins. Her paintings approve this speed and continuity as well. The paintings define the needs as they appear. Forms appear, articulate in this process and the content is vowen just like a silk. As a result, this extraordinary speed takes her mind after her hand and the paint produces itself by almost being woven on Gülay’s loom. An orgasm with all spontaneous sensitivities out of will -colours, calligraphy, but under control by the experience. Almost a physical satisfaction. A sharp conflict between the material and the content.
 
According to Gülay, her last work is an illuminated, transparent painting room for her paintings. Well. This definition clears her analysis upon the painting and audience relation. The two dimension of painting follows another here in this image-carousal surrounding the audience where she arrived with her instinct of passing over of the painting plane. In short, this micro cosmos which have been formed by the differentiation of relations with the paintings, forms a 3rd dimension which the relations call a mental benefit into being. She says that there will be the sounds of whales in the room -the original recordings of Jim Nollman. The audience will be able to walk in and around the art object. I think that music is the right support for this 3rd dimension. The desire for painting big scales is like an emulation to the productivity of a documentary camera. The so-called space is a clear definiton, almost cinematographicaly.... In short these are her dreams on the projection of painting.
 
If we come to the content of the paintings of Gülay, I am afraid that my knowledge of perception and design will be out of service. I feel in a place where I m not totally competent and I can tell about my feelings in the name of being an audience.
 
She is a professional painter who have stabilized, completed her way of painting, in the literal sense. When it comes to the content of the painting, experimentalism have been pushed back where it had to be. The analogy in her paintings is a product of this dignity. Why she says that “my painting involves concepts beyond the classical senses of time and space.. It is as if there is more than one space and time and where one finishes, the other begins is also unknown’’, and why she tightly holds on to the two dimension is maybe because of the pressure of our traditional art. It is also possible to say that her effort for third dimension is also a reaction to this pressure. Abraham Lubelsky defines her position in the painting cosmos as playful, satirical, even Pop-arty and he adds "Like taking a piece of exotic tapestry or embroidered pillow case fabric and framing it to the wall, Alpay plays with the boundaries between craft and fine art. It is humorous and ironic’’, “There are connections to Sigmar Polk, Arshile Gorky, Kandinsky, Pollock, De Kooning, and less obvious, Josef Beuys."
 



Messaggio di Gino il martedì 29 agosto 2006 alle 09:34   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

Temporary Cities
Klaipeda, Lithuania
 
 
Dates: September 20-22, 2006
 
Director: Luca Curci
 
Location: Cultural Communication Centre of Klaipeda, Lithuania
 
 
A new event organized by International ArtExpo Group is another occasion for the public to share with international artists the major questions of the avant-garde thinking\art. This festival is a multimedia story on TEMPORARY CITIES with temporary workers&lovers with temporary identities&dreams.
The possible emergence of the temporary cities in the future will be based on the aesthetics of speed&nomadism, flexibility&reconfigurability. The trans-architecture of such amazing cities is an intimate fusion of space with light, sound, colours and virtual reality, focused on conceptualism, minimalism, happening, irony&urban phantasy. Such a ''Citta Intermedia'' becomes a net where people are free to express their temporary trans-culture, creativity&identity, a place where even time is a creativity matrix. But the loss of the center, horizon, natural, normal, even human, will contribute to a diminution of the role of the ego&history. A culture dominated by temporary cities will be a post-historical and post-literary culture. (Constantin Severin)
 
General Information.
The Cultural Communication Center of Klaipeda has functioned from 2004, when The Artists’ House of Klaipeda, which was established in 1987, was reorganized.
The Cultural Communication Center of Klaipeda is a cultural institution of the Klaipeda municipality. It promotes cultural exchange programs, and gives living and creating facilities in the town of Klaipeda to the artists of Europe and world. The Center initiates and inspires artistic–cultural dialogue between Klaipeda and other towns of Lithuania and at the same time provides artistic and cultural training to foreign artists. Klaipeda is a unique city in Lithuania and probably in all the Baltics because of its half-timbered house building style, a style that was popular in the Western Europe. Half-timbered house is a construction style when the shell is built wooden and the gaps are filled with bricks or clay. Such buildings are lighter and they don’t need firm substructure. That’s why it was very applicable to Klaipeda that was being built in a low and swampy place by the fall of river Dange. Temporary Cities festival will be in the Artists' yard, which is surrounded by half-timbered houses.
 
ArtExpo coordinator: Sarah Tremlett
Project coordinator: Skaiste Kazarauskaite
Address: Cultural Communication Centre of Klaipeda, Baznyciu street 4/ Darzu street 10 - 91246 Klaipeda, Lithuania
 



Messaggio di Gino il martedì 29 agosto 2006 alle 09:36   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

SYMPOSIUM
3-7 October 2006
Venues: Centro Cultural Estación Mapocho, Museo de Arte Contemporáneo, University ARCIS, Santiago.
 
TRANS VERSA
4 October – 4 November 2006
Venues: Museo de Arte Contemporáne, Galeria Metropolitana, Matucana 100, Santiago.
 
Launched in Melbourne with the inaugural South 1: The Gathering, the South Project emerges as a five year artistic programme designed to cultivate and engage in cultural exchange across the southern region.
 
Reflective of the increasingly strong lateral relationships between Australia, New Zealand and Chile, the South Project will host its third Gathering in Santiago from the 3-7 October 2006. Following on from the success of the New Zealand Gathering in 2005 the South Project has turned its attention to Latin America, before heading to South Africa in 2007. The Gathering will feature a symposium titled Crossing Horizons: context and community in the south, bringing together leading critical arts thinkers from Australia, Chile and across the south. Including South African curator Khwezi Gule, who will co-curator the pan African exhibition CAPE 06, New Zealand curator and art historian Christina Barton, Paraguayan curator Ticio Escobar, renowned Australian artist Pat Hoffie, Uruguayan artist Carlos Capelán and Mai Abu ElDahab, co curator of Manifesta 6, among others.
 
Crossing Horizons context and community in the South, will provide speakers and a Chilean audience the opportunity to debate and explore issues concerning contemporary art practice in the south, particularly notions of translation, political activism in the arts, conditions of exile, alternative structures and collective practices. Whilst predominantly art focused, the symposium will also raise poignant socio-political concerns affecting the wider communities of the south.
 
To compliment the symposium a comprehensive artistic programme will feature at venues through out Santiago. The South Project will present its first international exhibition to be developed under the South Project banner. TRANS VERSA, conversing across the south, co-curated by Zara Stanhope, Senior Curator and deputy Director of Hiede Museum of Modern Art (Aus) and Danae Mossman, Director of the Physics Room (NZ), features the work of thirteen established and emerging artists from Australia and New Zealand including Maddie Leach, Daniel Malone, Tom Nicholson, Selina Ou, Brook Andrew and Ash Keating. All avid contributors to the Australasian art scene, these artists’ practices are firmly grounded by a local vernacular yet progressively outward looking in their attempts to explore the tenants and threads of lateral connections, migration, travel and modes of communications. Developing from the vision to engage and connect artists and audiences with art and in dialogues addressing our cultures, TRANS VERSA supports artists to respond to the locale of Santiago and culminates with work made during the project exhibited in three of the leading venues in Santiago; the Museo de Arte Contemporáne, Galeria Metropolitana and Centro Cultural Matucana100.
 
Gathering programme is now available online, and registrations are being accepted. Visit website for further information. www.southproject.org.
 
For all media enquires please contact:
Nicola Harvey
nharvey@craftvic.asn.au
Tel: +61 3 9650 7775
Fax: +61 3 9650 5688
31 Flinders Lane, Melbourne, Victoria 3000 - Australia
 



Messaggio di Gino il martedì 29 agosto 2006 alle 09:41   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

"Omaggio a Giordano Bruno"

opere di Ettore Le Donne

Sarà inaugurata martedì 5 settembre 2006, alle ore 20, e resterà aperta sino a martedì 2 gennaio 2007, l’esposizione, curata dal critico Maurizio Vitiello, intitolata "Omaggio a Giordano Bruno", con opere recenti e studi ultimi, imperniati sul codice "iperspazialista", dell’artista abruzzese Ettore Le Donne, nello "Studio Bunker" (Corso Umberto, 450 bis 65016 Montesilvano – Pescara; cell. 349/527.81.66).

Orario: martedì-giovedì, ore 19-21; per appuntamento telefonico.

Con viva preghiera di cortese pubblicazione e sollecita diffusione. Grazie!

 

Scheda della mostra a cura di Maurizio Vitiello

Giordano Bruno è stato il sostenitore della infinità dell’Universo, dell’esistenza cioè di infiniti Soli e infiniti mondi.

Il suo pensiero ha contribuito alla teorizzazione della poetica "iperspazialista", che proclama l’avvento dell’uomo cosmico, un nuovo Ulisse che, abbandonato i flutti marini, viaggia nell’immensità degli oceani cosmici.

Attualmente gli iperspazialisti che hanno intrapreso tale "viaggio" immaginario sono: Luisa Bergamini, Giovanni Boldrini, Fabrizio Campanella, Alessandro Carlini, Isabella Ciaffi, Maria Pia Daidone, Andrea P. Damiani, Anna Donati, Umberto Esposti, Maria Cristiana Fioretti, Giovenale, Cesare Iezzi, Ettore Le Donne, Giuseppe Masciarelli, Nabil, Innocenzo Odescalchi, Antonio Paciocco, Giorgio Pahor, Monica Pennazzi, Alessandro Perinelli, Massimo Pompeo.

Distinguono i recentissimi altri lavori di Ettore Le Donne soluzioni ardite e combinazioni estreme, nonché particolarismi astratti, ma anche tensioni abbinate a costruzioni segnico-geometriche, che determinano strutturazioni e dettagliano investigazioni cromatiche.
Riferimenti epocali e/o a persone che hanno determinato il peso della storia sono nettamente inseriti in veste didascalica e si possono cogliere riferimenti espliciti al mondo conflittuale contemporaneo.
Ha realizzato un ciclo sui "Bunker", vere "dimore inossidabili dello spirito", per Enzo Pagani, Giordano Bruno, Carlo Rubbia, Isaach Asimov, Stephen Hawking, Margherita Hack, ma anche per Beuys, Licini, Burri, Barisani, Dorazio, Cucchi, Mastroianni, Vedova, Afro, Ray, Calder, Janco ...
Rsultano sentiti omaggi di un artista a chi ha fatto grande l’arte, la storia dell’arte, la cultura e la civiltà, perché l’artista sembra suggerire che le nostre vite si sono incrociate, s’incrociano e s’incroceranno felicemente con i destini e le carriere di artisti e di intellettuali dei secoli passati e contemporanei.
Il lavoro di Ettore Le Donne, impegnato operatore del "Movimento Iperspazialista", ha interessato molti critici, ma ci sembra particolarmente importante sottolineare che il bravo critico abruzzese Leo Strozzieri ha scritto in modo esaustivo sull’artista, tra l’altro, nel catalogo "Iperspazialismo e sue radici storiche", che fece da corredo alla mostra "Movimento Iperspazialista e sue radici storiche" realizzata a Popoli, in provincia di Pescara, alla Sala Comunale "Corradino D’Ascanio", inventore, per chi non lo sapesse ancora, dell’elicottero e della vespa.
Infine, precisiamo che Ettore Le Donne merita sempre più una maggiore attenzione da parte della critica che conta e che i suoi lavori misuratissimi, severi e serrati sostanziano detonazioni linguistiche e conservano memorie, che devono restare doti inalienabili del patrimonio umano; perché, altrimenti, non avremmo più coordinate chiare e chiarificatrici.
Ettore Le Donne continua un lavoro accorto, meditato sulla dimensione del viaggio spaziale, potenziale, ipotetico e virtuale, dell’uomo nel suo atelier, colmo di tele e di ritagli giornalistici.


Maurizio Vitiello

 



Messaggio di Gino il martedì 29 agosto 2006 alle 09:51   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

Pittura e scultura astratta, informale e concettuale a Crema

L'ARTE CONTEMPORANEA NELLE ANTICHE DIMORE. 24° EDIZIONE

inaugurazione 1 settembre 2006 | ore 17,00 | ex convento di sant'agostino, museo civico | crema


Con il Patrocinio del Comune di Crema, della Provincia di Cremona e della Regione Lombardia si inaugura il 1° Settembre 2006 la 24° Rassegna di Pittura e Scultura Astratta, Informale e Concettuale negli spazi dell'ex Convento di Sant'Agostino a Crema presso il Museo Civico di Crema, prossima Cittadella della Cultura. La Rassegna fa parte di un ciclo itinerante che si sposta tra i siti monumentali più antichi e prestigiosi d'Italia e giunge alla sua 24° Edizione alla vigilia del suo decimo anno di vita.
Le Rassegne del ciclo si propongono di riqualificare nonché di ricollocare storicamente le Arti della Pittura e della Scultura all'interno di un contesto storico monumentale che ne giustifica l'ormai raggiunta "classicità" in un confronto dialettico e costruttivo con quegli aspetti dell'espressione artistica agita con mezzi e strumenti totalmente altri dalla Pittura e valutati nell'ottica dell'attualità storica dalle Istituzioni di tutto il mondo (in Italia: la Biennale di Venezia e le Gallerie Civiche del circuito G.A.M.)
Gli Artisti che hanno aderito al Progetto sono maestri professionisti, riconoscibili su pubblicazioni ufficiali e sono stati individuati nell'ambito di un ampio lavoro di ricerca sviluppato in decenni di attività da Giulia Sillato, Storico dell'Arte di scuola longhiana, lavoro che si è prefisso un indagine scientifica sui percorsi evolutivi dell'Arte.
Le Rassegne sono autofinanziate, ma godono del sostegno degli Enti Pubblici di tutta Italia e risultano totalmente esenti da fini di lucro. Le Rassegne, regolate da uno Statuto che ne fissa la destinazione socio culturale, hanno la funzione di sostenere il Patrimonio Artistico Nazionale attraverso la pubblicità prodotta dalle Mostre e dalla pubblicazione dei Cataloghi, i cui proventi vanno all'Istituzione del Monumento ospitante.

Gli Artisti: Pietro Alberto, Bruno Antonazzo, Emilio Belotti, Natalia Berselli, Marisa Bonazzi, Martino Brivio, Marc Chiassai, Rosetta D'Alessandro, Enzo Devastato, Filly Fiordaliso, Massimo Fumanti, Saverio Magno, Marcello Mancuso, Angelo Mazzoleni, Giulietta Paolini, Francesco Pezzuco, Livio Politano, Liana Rover, Mario Salvo, Annalisa Silingardi, Laura Sartori, Tibaldi, Anil Tei, Osvaldo Trombini, Marco Tulipani



L'Arte Contemporanea nelle Antiche Dimore 2006
Dal primo al 24 settembre 2006
Apertura Museo: da martedì a venerdì 9-12; 14,30-18,30. sabato e domenica 10-12; 16-19. Lunedì chiuso
Museo Civico
Via Dante Alighieri 49 (26013)
+39 0373257161 (info)
museocrema@crema.unimi.it
www.crema.unimi.it/museo/
La mostra è patrocinata da: Comune di Crema, Provincia di Cremona, Regione Lombardia
Il Catalogo della 24° Edizione è distribuito presso: Museo di Stato Russo di San Pietroburgo, MAN Museo d'Arte della Provincia di Nuoro, Stato Maggiore dell'Esercito di Roma, Regione Autonoma Trentino Alto Adige, Regione Autonoma Valle d'Aosta, Ministero per i Beni e le Attività Culturali di, Ufficio per il Turismo di San Marino, Centro Alti Studi Difesa di, Comunità Montana Mugello di Firenze, Regione Campania, Regione Lazio, Banca di Roma (sede centrale), Poste Italiane di Roma, Guggenheim Warehouse, Kunstforum di Vienna, Wunderman di Milano, Technip di , MART di Rovereto, Galleria Civica di Spoleto, Galleria Arturarte di Viterbo, Galleria Sapone di Nizza, Galleria Romberg di Roma, Massa Editore di Napoli, Abbazia di Montecassino, Artificio di Firenze: i proventi delle vendite del Catalogo saranno devoluti all' Amministrazione del Museo Civico di Crema




Messaggio di Gino il mercoledì 30 agosto 2006 alle 10:18   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

GENESI

I QUADRI DI ELISABETTA ROGAI IN MOSTRA ALLA GALLERIA SCHUBERT

dal 12 al 24 settembre 2006

Si inaugura il giorno 12 settembre la prima mostra italiana della pittrice Elisabetta Rogai dopo il successo della personale tenutasi a Kyoto in ottobre 2005.

20 olii su tela di cui 10 inediti di grandi dimensioni saranno protagonisti di una personale dal titolo Genesi, che aprirà il calendario di eventi della nuova stagione, nella prestigiosa cornice della galleria Schubert, location esclusiva, scelta dall’artista per la prima mostra nella città di Milano.

La donna, le sue forme e l’universo femminile nelle sue sensazioni sono il tema centrale dell’opera dell’artista fiorentina, da sempre dedita ad una pittura figurativa, che in questo particolare momento si lascia sfumare verso linee indefinite, colori umidi che tendono a idealizzare la forma a favore del contenuto psicologico e umano del soggetto rappresentato, senza però confonderne i tratti, come un viaggio di andata e ritorno verso una dimensione ideale fuori e dentro il corpo.

Il titolo Genesi rappresenta appunto la nascita di un nuovo momento artistico, "più informale", come lo definisce l’artista stessa, che con questa mostra apre di fronte agli occhi del visitatore un panorama nuovo sulla produzione di Elisabetta Rogai.

Galleria Schubert

Nuovo indirizzo

v. Fontana 11
20122 Milano
Tel. 02 54 10 16 33

 

 



Messaggio di Gino il mercoledì 30 agosto 2006 alle 16:36   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

Comune di Anacapri

Assessorato alla Cultura e Turismo

ARTISTE NELL’ INCANTO DI ANACAPRI

" GLI AMICI DEL COLORE IN ROSA "

Espongono Arte Contemporanea:

Maria BELLUCCI, Renata BOCCHETTI,Ione De ROSA,

Patrizia IOVINE, Renata PAGANO, Maria PETRACCONE, Rita RAGNI, Alma SAURO Ena VILLANI.

 

E i disegni di Maresa Sottile per le poesie "L’altra CAPRI " di Yvonne CARBONARO

Presenta Prof. Yvonne CARBONARO

Critico d’Arte

Coordinatrice Alma SAURO

Accademico d’Europa

Zonta International Area Napoli

Presidente Comm. Prof. Annamaria SCARDACCIONE

Inaugurazione

2 Settembre 2006 ore 18,00

SALONI EDEN PARADISO

Anacapri

La mostra resterà aperta fino al 6 Settembre

ore 10,00 - 12,30 / 18,00 -22,00



Messaggio di Gino il venerdì 1 settembre 2006 alle 09:08   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

gli eventi di oggi: (1/9/2006)



...vernissage di oggi
Bondeno, Limina: confini spazio-temporali e soglie di transizione info...
  [rocca possente]

Borgomanero, Oreste Sabadin - Segni, macchie, figure info...
  [palazzo tornielli]

Corchiano, Omaggio pittorico a Gabriella Ferri info...
  [galleria piccolo angelo]

Crema, L'Arte Contemporanea nelle Antiche Dimore 2006 info...
  [museo civico]

Fiesole, Romano Innocenti info...
  [museo civico archeologico]

Frascati, Frammenti 2006 - Territori in via di trasformazione. Creatività e lavoro info...
  [villa sciarra]

Imperia, Biennala dei Giovani Artisti 2006 info...
  [sedi varie]

Milano, Andrea Del Pesco - Patatrac! info...
  [gadgets/mc kenzy]

Milano, Byung ju Kim - Nature in Mind info...
  [milarte]

Monfalcone, Andrea Galvani info...
  [gc.ac - galleria comunale d'arte contemporanea]

Palermo, Giuseppe Gargano info...
  [atelier la lucciola]

Pietrasanta, Giuseppe Ciccia info...
  [galleria del palazzo - enrico coveri]

Roma, Dahmane - Nude Mood info...
  [mondo bizzarro gallery]

Rovereto, Oriente Occidente 2006 info...
  [sedi varie]

San Giovanni Al Natisone, Enzo Valentinuz info...
  [biblioteca comunale - villa de brandis]

Sant'Agata De' Goti, Movi|mentale info...
  [sedi varie]

Savignano Sul Rubicone, Luciana Ubietti - Pitture info...
  [ugc cine' cite' romagna]

Schio, Urban Signs info...
  [palazzo fogazzaro]

Trieste, Francesco Giusti - Hotel Industria info...
  [studio tommaseo]

Venezia, Giampaolo Balbetto info...
  [venice design art gallery]

Venezia, Ida Barbarigo - I terrestri info...
  [palazzo fortuny]

Venezia, Paolo Piacentini - Fughe, Impulsi fugaci come riflessi del vero. Scene, possibilità e istanti info...
  [antica osteria ruga rialto]

Venezia, Tiepolo e il suo tempo info...
  [scola dei battioro e dei tiraoro]

Vico Equense, Francesca Pacelli - Lacrime di gioia info...
  [le axidie resort]




Messaggio di Gino il sabato 2 settembre 2006 alle 09:32   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

 

New Entry:

Arte Figurativa

Sergio Giannattasio

Miriam Cojocaru

Lonving Asbjorn

Elenco completo Artisti mda

Libri

Gwenhwyfar 

 

 

in programma PeacePerformances

OPENING: 17 Set. h. 18,00 Maison Espana via Montegani 69,  Milano

 

Circuito mda event milano

Come partecipare, intervenire, promuoversi:

Azienda

Location

Mdaevent è una realizzazione mda milano. Entrare nel circuito è semplice.

Dalla partecipazione gratuita, alla realizzazione diintero evento dedicato.

 

Per non ricevere più le news mda, rispondi CANCELLA con lo stesso indirizzo di ricezione.



Messaggio di Gino il sabato 2 settembre 2006 alle 09:34   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

Antony Gormley al Parco di Scolacium. A Catanzaro

INTERSEZIONI 2.
ANTONY GORMLEY. TIME HORIZON

fino all'8 ottobre 2006 | a cura di alberto fiz | parco archeologico di scolacium roccelletta di borgia | catanzaro


Gormley e Scolacium ovvero il respiro di un artista dentro una città scomparsa. L'ambizioso progetto a cura di Alberto Fiz prenderà forma tra gli ulivi e le antiche rovine del Parco Archeologico di Scolacium, tra Catanzaro e le spiagge joniche, tra il 25 giugno e il 8 ottobre. Time Horizon è il titolo dell'installazione che Antony Gormley ha realizzato appositamente per Scolacium. Saranno 100 sculture in ferro di 189x53x29 centimetri, dal peso di 650 chili ciascuna che l'artista inglese ha creato partendo dai calchi del suo corpo; le opere appaiono come una serie di varianti rispetto al processo di respirazione.
L'evento espositivo organizzato dall'Assessorato alla Cultura della Provincia di Catanzaro con la collaborazione dell'Assessorato alla Cultura della Regione Calabria e della Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Calabria, propone, accanto all'installazione che dà il titolo alla rassegna, una mostra personale di Gormley nei suggestivi ambienti del Museo del Frantoio, all'interno del Parco di Scolacium, con una selezione di opere che vanno dalla fine degli anni Ottanta sino a oggi, in grado di ripercorrere la ricerca linguistica e le innovazioni stilistiche dell'artista.
Time Horizon caratterizza la seconda edizione di Intersezioni, la rassegna nata nel 2005 con l'obiettivo di proporre una nuova fruibilità dell'arte, sottolineando la relazione tra il patrimonio archeologico e l'esperienza dei maggiori scultori contemporanei. Tony Cragg, Jan Fabre e Mimmo Paladino sono stati i protagonisti della prima edizione. "Dopo il successo dello scorso anno il Parco Archeologico di Scolacium è al centro di un altro impegnativo progetto internazionale particolarmente innovativo dove l'arte di oggi instaura un inedito dialogo con la memoria e la storia", afferma Maurizio Rubino Assessore alla Cultura della Provincia di Catanzaro. Ed è il Presidente della Provincia di Catanzaro Michele Traversa a confermare che "con Intersezioni la Calabria della cultura non solo valorizza uno dei suoi luoghi storici di maggior fascino ma diventa un punto di riferimento per la comprensione dei linguaggi più attuali promuovendo un nuovo approccio con i maggiori maestri della contemporaneità".

Per quanto riguarda il progetto espositivo è Alberto Fiz a spiegare come "in questo caso Gormley abbia messo a disposizione il proprio corpo per compiere un'indagine sull'universo fisico e sensoriale che interagisce con il territorio e con l'architettura del luogo". Tutto ciò, ribadisce il critico, "consente di ampliare la nostra percezione e di sviluppare un percorso visivo completamente nuovo ponendoci in continua relazione con la moltitudine del nostro essere e del nostro agire. L'uomo diventa, allo stesso tempo, contenitore e contenuto dello spazio infinito". Le sculture occupano il Parco di Scolacium disponendosi sull'intera area sia nella zona archeologica del Foro, ovvero la piazza principale della colonia Minervia Scolacium dove un tempo erano situati i monumenti più importanti, sia nell'immenso uliveto circostante. Sono state collocate ciascuna su una base differente alla stessa altezza creando un'unica linea dell'orizzonte. "E' la prima volta che posso utilizzare un luogo così affascinante e così ricco di riferimenti alla memoria storica e alla realtà del presente", afferma Gormley. "Il mio progetto si sviluppa su due assi, quello orizzontale della storia e quello verticale della natura e della terra. Le mie sculture, che richiedono la presenza diretta dello spettatore, si possono considerare come una sorta di agopuntura in grado di ridare energia allo spazio evidenziando aspetti che prima sembravano nascosti".
L'installazione dello scultore inglese va considerata come un innesto sul territorio dove archeologia e geologia trovano nuovi punti di connessione e lo spettatore che giungerà al Parco Archeologico di Scolacium si troverà a compiere un percorso esplorativo affascinante e misterioso dove le opere di Gormley attendono in silenzio di essere scoperte creando un rinnovato dialogo con chi osserva.

Accanto a questa complessa installazione ci sarà, come s'è detto, una mostra allestita negli spazi del Museo del Frantoio che per la prima volta viene utilizzato per un'esposizione d'arte contemporanea. In una cornice di archeologia industriale formata da macine, presse e mole degli anni Trenta per la lavorazione delle olive, sono state collocate alcune opere come Seeing and believing del 1988, Sovereign State del 1989/90, Transfuser III del 2002 e Concentrate I del 2003 da cui risulta con chiarezza l'originalità dell'indagine di Gormley che ha rivitalizzato la figura umana nella scultura contemporanea attraverso una radicale indagine sul corpo, inteso come luogo di memoria e di metamorfosi in una ricerca sull'individualità ma anche sul corpo collettivo e sulla relazione tra sé e gli altri. A questo proposito appaiono emblematiche le due opere della serie Quantum Cloud, ovvero Quantum Cloud XVII e Quantum Cloud XXIV, entrambe del 2000, dove la figura appare nascosta all'interno di filiformi strutture in acciaio che ne impedisce una reale percezione, come se chi osserva fosse costretto ad un continuo processo di avvicinamento e di allontanamento. Nel caso di Transfuser III del 2002, il corpo sospeso è avvolto da un involucro in acciaio, quasi una navicella spaziale, che sembra custodire il feto. Nella piccola piazzetta che porta all'ingresso del Museo del Frantoio lo spettatore sarà accolto invece da Present Time del 2001, una grande scultura in ferro di tre metri e mezzo d'altezza basata sulla sovrapposizione di due calchi dell'artista divisi da una linea orizzontale dove si crea una stretta relazione tra l'elemento fisico e quello spirituale, tra lo spazio interno e quello esterno in una indagine tesa a metterci in contatto con l'aspetto più recondito e segreto dell'esistenza.
La mostra è accompagnata da un catalogo in italiano e inglese edito da Electa che rappresenta la prima importante monografia dell'artista pubblicata in Italia. Accanto al saggio del curatore Alberto Fiz, sono raccolti contributi critici di Maria Grazia Aisa, Bruno Corà e Colin Renfrew. Il volume, inoltre, è accompagnato da un'intervista di Antony Gormley con Alberto Fiz.



Intersezioni - Seconda edizione
Time Horizon. Antony Gormley al Parco Archeologico di Scolacium: un'installazione di 100 sculture e una mostra personale di grandi opere
Dal 25 giugno all' 8 ottobre 2006
Organizzazione: Assessorato alla Cultura della Provincia di Catanzaro con la collaborazione dell'Assessorato alla Cultura della Regione Calabria e della Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Calabria
Orari: tutti i giorni 10-21,30; ingresso libero
Catalogo: Electa con testi in italiano e inglese
Parco Archeologico di Scolacium Roccelletta di Borgia (Catanzaro)
Info: 0961. 391356-84342-741257
www.provincia.catanzaro.it

Ufficio Stampa: Studio Esseci-Sergio Campagnolo
tel. 049 663499; fax 049 655098
info@studioesseci.net
www.studioesseci.net
Ufficio Stampa Electa
tel. 02.21563433- 250; fax 02.21563314
elestamp@mondadori.it
imaggi@mondadori.it
www.electaweb.it




Messaggio di Gino il sabato 2 settembre 2006 alle 09:41   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote



Messaggio di Gino il sabato 2 settembre 2006 alle 09:46   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote
 
 
 
 
Mario Loprete
 NO FLY ZONE olio su tela  150 x 100
 
vi invito a votare il quadro in concorso compilando il form all'indirizzo :
 
 
I invite you to vote the picture in contest compiling the form to the address
 
 
 
 


Messaggio di Gino il sabato 2 settembre 2006 alle 09:47   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

notizie del 1/9/2006



IL B&B? A NAPOLI È HIGH TECH
Metti un weekend a casa di Valeria. Giovani artisti internazionali, di passaggio a Napoli, trovano un posto speciale dove dormire e lavorare. Cucina, camera da letto e studio professionale in un colpo solo. Nato da un'ingegnosa intuizione, questo bed and breakfast per videoartisti è già un luogo di successo. Intelligente, divertente, economico, pieno di risorse. Un rifugio full-comfort per viaggiatori con la voglia di creare... [leggi]

fino al 30.IX.2006
Giardino - Luoghi della piccola realtà
Napoli, Pan

A casa per le vacanze, sfogliando l'album dei ricordi. Anzi, con questo caldo, dopo i lavori domestici meglio stare in Giardino a calpestare le aiuole, a zonzo tra "piante" e varie amenità. [leggi]

fino al 8.X.2006
Cuba - Avanguardie 1920-1940
Torino, Palazzo Bricherasio

Donne e lavoro, nella Cuba prima di Fidel. E un gruppo di intellettuali che inizia a guardare oltre i confini dell'isola. Per cercare altrove suggestioni artistiche e non solo... [leggi]

fino all'8.X.2006
Giuseppe Penone
Caraglio (cn), CeSAC

Cinque opere per una riflessione sul rapporto tra l'uomo e la natura. A firmarle, manco a dirlo, Giuseppe Penone, alle prese con lo spazio del Filatoio di Caraglio... [leggi]

fino al 10.IX.2006
Premio Pino Pascali 2006 - Lida Abdul
Polignano a Mare (ba), Palazzo Pino Pascali

L'artista nomade Lida Abdul vince il Premio Pascali 2006. E mette in scena il silenzio assordante dell'assenza, tra desolati scenari post bellici. In video e immagini di intenso lirismo... [leggi]

fino al 3.IX.2006
57° Premio Michetti - Laboratorio Italia
Francavilla al mare (ch), Museo Michetti

Un'analisi antropologica applicata alle "tribù" dell'arte che abitano il nostro paese. Un progetto che rilancia l'arte italiana contemporanea. Per dimostrare che il made in Italy c'è, altro che declino. [leggi]

resoconto
Biennale Adriatica di Arti Nuove - Contagio
San Benedetto del Tronto (ap), Palazzina Azzurra

Attenzione, l'arte contemporanea può contagiare. E non è facile trovare un antidoto. Questo almeno è quanto sostengono gli ideatori della Biennale Adriatica di Arti Nuove... [leggi]

resoconto
Gino Sabatini Odoardi
Nocciano (pe), Museo delle Arti

Un "filo bianco" si srotola lungo le pareti delle quattro sale del Castello e un video ne racconta la sua origine. Sculture che con disinvoltura diventano quadri, realizzate con una tecnica completamente nuova per l'arte. [leggi]

fino al 10.IX.2006
Saverio Ruiu / Massimo Ruiu
Monopoli (ba), Studio d'arte Fedele

La forza e il mistero del mare tramandati di generazione in generazione. In una mostra che espone le opere del nonno e del nipote. A Monopoli, affascinante città marinara a sud di Bari... [leggi]


gli eventi di oggi: (2/9/2006)



...si svolgono in giornata
Codroipo, Papiers Collés info...
  [villa manin di passariano]

Pesaro, Terry May - All'ombra della Sfera Grande info...
  [piazza della liberta']

Rosignano Marittimo, Kairo-Vada info...
  [artfactory gaspare o. melcher]

Teramo, Corazón partío info...
  [piziarte]



...vernissage di oggi
Acicastello, Angela Cacciola - L'altra parte di me info...
  [museo civico - castello normanno]

Anacapri, Stile Libero info...
  [isola pedonale]

Aosta, Rosalia Zutta - Passion info...
  [torre dei signori di sancti ursi]

Baronissi, Pasquale Petrucci - Nuraghe Contemporanee info...
  [frac - convento francescano della santissima trinità]

Bergamo, Collettiva di settembre info...
  [new artemisia gallery]

Bergamo, Roberto Barcella info...
  [libreria fabula]

Biella, Paolo Facchinetti - Auto Biografie info...
  [circolo culturale orto degli angeli]

Bolsena, Zweiart - Werkstadt Roma info...
  [cafe' libreria le sorgenti]

Bolzano, Dietro le quinte dell'ospedale info...
  [ospedale]

Borgomanero, Grand Tour info...
  [fondazione achille marazza]

Cascina, Carmine & Franco Cisternino - Gemelli in arte info...
  [bellini arte]

Castel San Pietro Terme, I primi cinquecento anni di Monna Lisa info...
  [galleria comunale d'arte contemporanea]

Cesenatico, Stefano Ronconi - Tutti gli istanti del mondo info...
  [galleria comunale d'arte leonardo da vinci]

Chions, Arti nel bosco 2006 info...
  [parco delle fonti]

Cisternino, Pietro Spadafina - Alla ricerca delle ali interiori info...
  [torre civica]

Cormons, Art,Cor. Espressioni sul territorio info...
  [museo civico del territorio]

Forlì, Le Opere e i Giorni info...
  [rocca di ravaldino]

Genova, Natalie Saiph Massone - Children info...
  [biblioteca berio]

Ghiffa, Rodolfo Aricò - La prospettiva elusa info...
  [sala esposizioni panizza]

Livorno, Clover Vail - painting&sculpture info...
  [galleria peccolo]

Locarno, Aldo Bertolini - Paesaggi urbani info...
  [galleria il salice]

Modena, Ernesto Tuliozi - L'uomo dei pesci info...
  [west village gallery]

Padova, Kronos info...
  [bastione santa croce]

Quiliano, 5 artisti per Quiliano info...
  [villa maria]

Rapallo, Rapallo Fotografia Contemporanea Festival 2006 info...
  [antico castello sul mare]

Roma, Roma d'insonnia info...
  [galleria crispi]

Scheggia E Pascelupo, Viaggiatori sulla Flaminia info...
  [abbazia di santa maria di sitria]

Soave, Luigi Terrini - La trave info...
  [ristorante enoteca amleto]

Strà, Franco Batacchi info...
  [museo nazionale villa pisani]

Torino, André Ethier - Stag Party info...
  [galleria glance]

Udine, Mauro Reggiani info...
  [galleria nuovo spazio - palazzo manin]

Venezia, Alessandra Carraro - MakeMoka info...
  [imagina cafe']

Venezia, Fran Bobadilla info...
  [la fenice gallery]

Verbania, Alessia Zucchi - Di fiore in fiore info...
  [biblioteca pietro ceretti]

Vicenza, Antonella Parisotto - Nudo maschio info...
  [primo piano arte studio]

Vicenza, Giacomo Alberto Caregnato info...
  [spazio arte vicenza - chiesa dei santi ambrogio e bellino]




Messaggio di Gino il sabato 2 settembre 2006 alle 09:51   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

IL B&B? A NAPOLI È HIGH TECH

Metti un weekend a casa di Valeria. Giovani artisti internazionali, di passaggio a Napoli, trovano un posto speciale dove dormire e lavorare. Cucina, camera da letto e studio professionale in un colpo solo. Nato da un'ingegnosa intuizione, questo bed and breakfast per videoartisti è già un luogo di successo. Intelligente, divertente, economico, pieno di risorse. Un rifugio full-comfort per viaggiatori con la voglia di creare...


pubblicato venerdì 1 settembre 2006
C'è un luogo, nel cuore antico di Napoli, fatto apposta per artisti viandanti in cerca di un rifugio temporaneo. Ne sono passati decine, ormai, da questo singolare headquarter partenopeo: gente in arrivo da ogni angolo del mondo, con un progetto in cantiere o semplicemente in viaggio.
Beds in Art è un bed & breakfast d'artista, laboratorio vacanziero in cui sperimentare dinamici soggiorni con risvolti creativi. Frutto dello spirito imprenditoriale della napoletana Valeria Borrelli, lo spazio nasce nel settembre 2005, proponendosi come una vera e propria casa-officina, attrezzata specificamente per il campo dell'audio-visivo.
Videoarte, fotografia, cinematografia documentaria sono l'anima pulsante della art house napoletana. Artisti e professionisti del settore sbarcati a Napoli trovano così, in un'unica soluzione, ospitalità a costi allettanti (tra i 50 e gli 80 euro per camere singole o doppie) e un'adeguata offerta di servizi e tecnologie d'avanguardia.
Ma partiamo da questa giovane donna intraprendente che ha realizzato un sogno così speciale dentro casa propria. Valeria è un'artista, anzi una "videasta con formazione al DAMS di Bologna", come ci racconta. "Ho alle spalle un'esperienza decennale in ambito bolognese", continua. "Insieme agli Autocostruttori, gruppo da me fondato all'Università, ho partecipato a festival con installazioni site specific e opere tra arte, performance e video. Abbiamo contribuito all'apertura di una tv indipendente nei primi anni '90 e lavorato con gente del calibro di Mutoid Waste Company o con il Link, lo storico centro sociale". Valeria poi, ci tiene a precisarlo, è "anche un tecnico. Faccio riprese in digitale e in super 8, video compositing con final cut e creazioni grafiche. Ho imparato il mestiere collaborando con giovani cineasti indipendenti o facendo da assistente".
Un dettaglio dello studio di Beds in Art
E non è tutto. Artista, ma anche collezionista alle prime armi: "Spesso le opere che possiedo" racconta ad Exibart "sono frutto di collaborazioni con altri artisti, come nel caso dei napoletani Pierre-Yves Le Duc, Riccardo Albanese, Antonio Sacco, Agata Monti e Betty Bee".
Dopo l'esperienza emiliana, sciolti gli Autocostruttori, Valeria torna a Napoli. È allora che pensa di aprire una casa-studio dove vivere e lavorare, per poi decidere di dividerla con altre persone. Attitudine al lavoro di gruppo, amore per le esperienze di ricerca collettive e anche senso degli affari. Beds in Art è una passione, un modo diverso per vivere il proprio quotidiano e un'intelligente soluzione per ammortizzare i costi delle apparecchiature e dello spazio. Così, la piccola casalbergo viene concepita come un nucleo operativo destinato a raccogliere flussi di energie creative in transito, mettendole in relazione con realtà significative del territorio.
Nello spazio office si trova un'attrezzata work station per lavori di editing digitale, postproduzione e masterizzazione. Tecnologia rigorosamente Apple, internet veloce, possibilità di assistenza tecnica, accesso gratuito ai macchinari di base. Un servizio eccellente... giusto accanto alla propria stanza da letto. Non sono solo gli ospiti in affitto, però, a poterne giovare. Le postazioni di lavoro, su prenotazione, sono aperte a chiunque. Unica condizione: proporre progetti interessanti, capaci di conquistare la padrona di casa.
Utilissimi anche i link con le realtà produttive locali, messi a disposizione degli artisti. Musei e gallerie d'arte contemporanea, atelier, studi privati, centri di assistenza tecnica hardware, service di attrezzature per lo spettacolo. La rete di contatti è fitta, costruita per offrire un supporto valido e allargato all'elaborazione di film, video, installazioni, performance. Niente di più seducente, infine, del contesto geografico, ottima quinta scenografica per artisti che vogliano ambientare i propri set tra le bellezze naturali e storiche della Campania.
Alcuni ambienti di Beds in Art
Ma torniamo alla casa. L'ubicazione? Perfetta. "Beds in Art si trova nella centralissima Via Chiaia" spiega Valeria, "un'area pedonale che da piazza del Plebiscito porta alla villa comunale. Il palazzo è una piccola costruzione anni '50, l'appartamento è grande circa centosettanta metri quadri". E il design? "Ho optato per un arredo semplice, essenziale, volutamente ridotto al minimo. Gli alloggi privati sono tre stanze doppie indipendenti, a cui si accede da un ingresso in un cortile privato. Ogni stanza ha un suo bagno e la possibilità di utilizzare una cucina comune. Le camere convergono tutte nello studio".
L'idea, così congegnata, decolla subito. Valeria inizia a ricevere giovani artisti stranieri di passaggio a Napoli per le loro prime mostre personali in gallerie locali.
Gli ospiti? Ecco qualche nome, tra quelli che hanno realizzato progetti grazie anche a Beds in Art: Willem Weisman, londinese; Jen DeNike, da Nyc, con i suoi Vampire portraits; Peter Coffin, newyorkese, con il lavoro Hello Headspace presentato alla Galleria Fonti; Birgit Megerle, di Berlino, accompagnata dall'amica artista Lucy McKenzie, con il progetto Zona grigia, anche questo per Fonti. E poi sono passati da qui Erika Samogyi, Evan Greenfield, Roberto Granoff, Maximilian Linz. E molti altri sono già in lista d'attesa.
Tra giugno e luglio, a casa di Valeria si è fermata anche Jessica Seigel, giornalista del New York Times assistente alla New York University. Siegel sta svolgendo una ricerca sulla bellezza femminile, dall'arte classica fino alla contemporaneità, e a Napoli ha scelto di trascorrere il suo soggiorno di lavoro nel più attrezzato hitech-hotel della città.
Contemporaneamente lo studio di Beds in Art ha aiutato la regista e producer partenopea Maria Totaro ad organizzare lo shooting di un documentario per Historical Channel: la troupe è arrivata dritta da Nyc per girare Inside Vulcano, un film sui vulcani più affascinanti del mondo. Tra i protagonisti, ovviamente, l'austero Gran Cono del Vesuvio. Una parte dello staff, manco a dirlo, ha alloggiato nel B&B d'artista di via Chiaia.
Di tutta questa fervida attività, sarebbe certo un peccato perdere le tracce. E così nasce fin da subito l'Archivio Documentario, una raccolta in progress di foto, video, super8, audiointerviste che testimoniano il passaggio degli artisti e gli step delle loro ricerche. In più, due blog curati da Valeria permettono di seguire on line la storia della casa, dei suoi ospiti, dei progetti realizzati o in corso.
Beds in Art, Napoli
Napoli, quindi, crocevia dell'art system internazionale? Napoli piazza cosmopolita, capitale di un Sud Italia in odore di 'renaissance'? Valeria Borrelli non ha dubbi: "Napoli rappresenta da sempre una tappa obbligata per gli artisti. È una miniera creativa inesauribile. Forse negli ultimi tempi le istituzioni e gli addetti ai lavori stanno solo prendendo maggiore consapevolezza di queste potenzialità. Ed ecco che si cominciano a realizzare cose di respiro internazionale".
Ma siamo sempre al Sud e i giochi non sono semplici per chi di arte vorrebbe vivere. "Non è facile qui riuscire a sviluppare sinergie interne", sottolinea Valeria. "Purtroppo molti artisti napoletani continuano ad emigrare all'estero, impoverendo la città. E proprio per questo credo nell'importanza di Beds in Art, un progetto non solo imprenditoriale ma soprattutto 'relazionale', che mi permette di restare qui vivendo la complessità del contemporaneo, senza essere costretta ad emigrare".
Occorre fare sistema, in una parola. Creare punti di convergenza verso cui convogliare talenti e idee provenienti da ogni parte del mondo. "Io ci sto provando, con la mia casa ed i miei Mac, divertendomi e lavorando sodo". E tra amicizie che nascono, nuove produzioni, intense collaborazioni, passeggiate in città con gli artisti, l'impressione è che Valeria ci stia pure riuscendo...

helga marsala

*articolo pubblicato su Exibart.onpaper n. 31. Te l’eri perso? Abbonati!


Beds in Art
Napoli, via Chiaia 111
Tel 081 401024 Mob 335 434284
valeria.borrelli@fastwebnet.it
www.badsinart.blogspot.com
www.cantieri-larealtaindivenire.blogspot.com




Messaggio di Gino il sabato 2 settembre 2006 alle 09:56   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

fino al 4.IX.2006
Jannis Kounellis
Napoli, MADRE

Terzo atto per il MADRE di Napoli. La mostra di Kounellis prende il via dove finisce l’Atto Secondo: la collezione del museo in cui compaiono Burri e Fontana, Klein e Twombly. É da qui che l’artista greco prende le mosse…


pubblicato martedì 6 giugno 2006
Si configura come un terzo atto denso, affollato e poco strutturato, quello dedicato a Jannis Kounellis (Pireo, Grecia, 1936; vive a Roma) dal Museo d’Arte contemporanea Donna Regina. Le sale, spesso troppo piccole per le opere che sono destinate ad accogliere, sono organizzate in ordine rigorosamente non cronologico, cosa che per un’antologica che spazia con opere dal 1957 –le bottiglie vuote posate su di un foglio di cartone, presenti nell’ultima sala– ad installazioni del 2006 –le brandine fasciate di bende intrise di vernice color sangue, presentate alla Galleria Bonomo di Roma– risulta particolarmente disorientante.
Ma, ricordando le parole dello stesso Kounellis, secondo cui “ogni mostra è un atto unico”, scritto per il luogo nel quale deve essere rappresentato, sembrerebbe che questa mostra sia stata concepita come una valigia dei ricordi. Gli oggetti prendono posto lì dove c’è spazio, stringendosi un po’, facendosi posto a vicenda, accavallandosi anche, ma con grande coesione.
E di ricordi, nella sua valigia di viaggiatore, Kounellis ne ha parecchi, stipatisi durante i suoi cinquant’anni di attività: sin dal ‘56 quando sbarca a Roma per iscriversi all’Accademia di Belle Arti, convinto di fare pittura, convinzione che lo accompagnerà per tutta la vita; le sue lastre d’acciaio, che si appendano alla parete o che si conformino al suolo, che supportino pappagalli o che contengano carbone, sono, per l’artista, rigorosamente quadri.
Jannis Kounellis - Veduta parziale dell’installazione: Senza titolo, 2006, 14 cavalli vivi, Courtesy Museo MADRE, Napoli
Nella mostra napoletana sono presenti molti importanti pezzi tirati fuori dalla valigia magica di Kounellis: il trenino del 1977 che si inerpica a spirale lungo una colonna, o la Tragedia civile, oramai mitica installazione presentata alla Galleria Amelio di Napoli nel ’75. Ancora, l’installazione della prima mostra di Kounellis da Amelio, quella del ’69, così come il primo lavoro con le lettere presentato al pubblico, in mostra nel 1960 presso la galleria la Tartaruga di Roma.
Un altro aspetto, inoltre, emerge da questa mostra, un dato che i critici italiani non hanno mai voluto troppo sottolineare: il debito, tutto linguistico, all’opera di Joseph Beuys, che risulta palese proprio passando dalle sale della collezione stabile del Madre con le opere dell’artista tedesco. L’installazione, che chiude la mostra, presentata nel 2000 al Castello di Genazzano, con i letti e le coperte di guerra, con le lamiere metalliche martoriate a simulare la presenza di corpi sofferenti, non può non ricordare i lavori più direttamente ispirati alla guerra, di beuysiana fattura.
Infine, circa la presenza dei cavalli, che ha fatto infuriare gli ambientalisti, nella riproposizione della performance presso la galleria l’Attico di Roma del ‘69, l’interrogativo sorge spontaneo: se la performance è, nell’arte contemporanea, un atto unico e contestualizzato nel tempo e nello spazio, che senso ha riproporla? Non sarebbe bastata la tecnologia -quella sì contemporanea- semplicemente per rievocarla?

articoli correlati
L’installazione alla Galleria Bonomo
Atto secondo: la collezione. Napoli, MADRE

giovanna procaccini
mostra visitata il 22 aprile 2006


Jannis Kounellis
Museo MADRE, Via Settembrini, 79 – (Centro Storico) 80139 Napoli
Info: tel. +39 0815624561- web site: www.museomadre.it
Orari: dal lunedì al giovedì e domenica ore 10.00 – 21.00, venerdì e sabato ore 10.00 – 24.00, martedì chiuso
Biglietti: intero 7,00 euro, ridotto 3,50 euro
Catalogo: Jannis Kounellis, ed. Electa, 30 euro (prezzo in mostra)


Fonte exibart www.exbart.com



Messaggio di Gino il sabato 2 settembre 2006 alle 09:59   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

fino al 15.IX.2006
Max Neumann
Napoli, Mimmo Scognamiglio

Volti impalpabili e scenari essenziali. Si succedono lungo sequenze silenziose. Neumann coglie la solitudine del suo tempo. E la esprime in una suggestiva ricerca cromatica…


pubblicato lunedì 10 luglio 2006
Veri e propri archetipi letterari, costruiti sul motivo fondamentale dell’essere e dell’esistere. Per Max Neumann (Saarbruecken, 1949) la figura umana non è che una sagoma vuota ritagliata. Un testimone muto e solenne che attraversa la mostra e dice tutto, senza un gesto e senza bisogno di commento.
Alla sua terza personale nella galleria partenopea, l’artista tedesco presenta cinque dipinti che pongono l’osservatore al centro di un’atmosfera beffarda e surreale. Nelle sue vaste e solitarie tele il clima artistico e letterario del Novecento si rivela un punto di riferimento estremamente suggestivo: la sua ricerca è come una stretta di mano tra le forme pure e impersonali della scultura di Brancusi e l’atmosfera magica della pittura metafisica. È un immaginario quasi drammaturgico; fatto di volti che nascondono ironicamente la propria natura e, pur nelle loro forme così assolute ed essenziali, si offrono come metafora della presenza umana nel mondo.
Ieratici, stilizzati, appena umanizzati dagli abiti borghesi; ecco apparire ad uno ad uno i personaggi senza vita di un universo familiare, attuale, eppure stranamente inquietante. Del resto, il richiamo ad elementi di cultura italiana extrapittorica non è azzardato: il motivo dell’ombra, l’incomunicabilità, il tipo di personalità effimera fanno pensare al Nessuno di Max Neumann - Senza Titolo – 2005 - olio su tela cm.130 x 130 Pirandello; la scelta, quasi ossessiva, per un autore che ha fatto della perdita d’identità dell’uomo moderno il tema centrale della sua produzione.
Nel ricorso a simili fantasmagorie, dunque, Neumann realizza i suoi quadri: colti, raffinati, con un sentimentalismo ben padroneggiato e con una voluta equivocità che sembra al contempo turbare e deliziare. Ma sono anche i densi e sonanti rapporti di colore a risultare particolarmente felici nelle sue opere: campiture che, senza fusioni né sfumature, diventano struttura; tinte che, nonostante i segni marcati, rendono un continuum cromatico assoluto (attraverso la giustapposizione di toni rossastri e grigio-blu o con la gradazione di tinte chiare). Una sorta di equilibrio interno, increspato da mosse e torsioni bloccati al momento giusto e che rievocano un silenzio così arcaico da rendere la sua figurazione non solo narrativa ma anche simbolica e fortemente enigmatica.

link correlati
www.maxneumann.com

marianna agliottone
mostra visitata l’8 giugno 2006


Max Neumann
Mimmo Scognamiglio Arte Contemporanea, Via Mariano D’Ayala 6 (chiaia) –
80121 Napoli - info tel. +39 081400871 – orari dal lunedì al venerdì ore 15.30-19.00 - info@mimmoscognamiglio.com - www.mimmoscognamiglio.com


Fonte exibart


Messaggio di Gino il sabato 2 settembre 2006 alle 10:00   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

fino al 8.IX.2006
Eric Wesley
Napoli, Galleria Fonti

Una fitta trama di citazioni in uno spazio frammentato. E due coordinate alla base della creazione. Wesley medita sull’addizione e sulla sottrazione. Una mostra a metà strada tra concettualismo e filosofia…


pubblicato giovedì 6 luglio 2006
Per chi conosce il lavoro di Eric Wesley (Los Angeles, 1973) è chiaro che sia lo stile che gli oggetti realizzati per la sua personale napoletana appaiono un po’ sfuggenti rispetto a tutte le esperienze precedenti caratterizzate da più rigore e precisione. La giovane promessa americana ha capito che oggi l’arte può essere individuata anche all’interno di una formula e, per questa via, rispolvera i vecchi principi alla base della creazione e lavora con la coscienza regolata sulla fisica aristotelica.
Addizione/sottrazione della materia, dunque, è il comune denominatore di questi recentissimi lavori, ma sostanzialmente diversi sono gli esiti della sua applicazione. L’itinerario della mostra è infatti pieno di sorprese. Sorprendente è l’analogia delle due sculture all’entrata con la precedente mostra di Nicola Gobbetto: strutturate per “occupare lo spazio” e realizzate con un assemblage di forme di polistirolo. Il processo di Wesley, però, gioca con due movimenti: uno di addizione delle forme, l’altro di sottrazione attraverso un gesto che taglia, spiana e frattura il nucleo solido della materia. Tutta l’operazione nasce in situ (come è evidente dal reportage fotografico che scandisce le pareti del corridoio) e, parodiando l’Hollywood Balls di Frank Gehry, risente dello spirito provocatorio e intenzionalmente monumentale dell’architetto canadese.
Nel susseguirsi di citazioni, anche il titolo della mostra (questa volta il riferimento è il leit motiv di una canzone di George Gershwin: “You say tomato. I say tomato. You say potato. I say potato”) può essere un utile richiamo. All’ironia si sovrappone l’illusionismo. Il coinvolgimento diretto del visitatore in un semplice (ma sempre efficace) gioco di punti di vista che, nell’installazione fotografica, avvia la ricostruzione del pomodoro e della patata, e proclama la percezione come fatto mentale.
Eric Wesley. Untitled, 2006, poliuretano polistirolo PVC 3 metri (diam.), Courtesy Galleria Fonti
La mostra, però, per l’occasione si conclude al secondo piano dove, nel vacillare di un appartamento in ristrutturazione, la ragion dialettica di Wesley dalla scultura di estende anche alla pittura. Nel rimando continuo a matrici e modelli culturali, l’artista da un lato sovrappone e dall’altro diluisce. Prima assume il motivo tipico del simbolismo europeo, la stella dorata, e la moltiplica fino a riempire la superficie della tela. Poi, con un gesto svelto e risolutivo, riesprime la pittura in privazione e sottrazione entro spessi contorni; trasformando quello ch’era massa e volume in velata, e un po’ acquosa, atmosfera.

articoli correlati
La personale da Franco Noero nel 2002
Top 100 Future Greats

marianna agliottone
mostra visitata l’8 giugno 2006


Eric Wesley - You say tomato. I say tomato
Galleria Fonti, Via Chiaia 229 – 80132 Napoli
Info tel/fax +39 081 411409 – orari: dal martedì al venerdì ore 16.30-19.30
info@galleriafonti.itwww.galleriafonti.it


Fonte exibart


Messaggio di Gino il sabato 2 settembre 2006 alle 10:02   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

fino al 15.IX.2006
Dacia Manto
Caserta, Studio Legale

Ricostruire la realtà, vederla trasmutata come nel mondo dei sogni. Il bisogno di rendere etereo ed evanescente ciò che è logico e matematico. Bisogna aspettarsi questo ed altro dalla ricerca di Dacia Manto...


pubblicato martedì 18 luglio 2006
Le tre installazioni presentate a Caserta da Dacia Manto (Milano, 1973; vive a Bologna) sembrano stagliarsi perfettamente all’orizzonte tra il cielo e la terra, in bilico tra la razionalità e la fantasia.
Deneb (costellazione del cigno), composizione di prismi fatti di stoffa di panni in simil-pelle, è una surreale fotografia di un paesaggio africano. Da quest’aerofotogrammetria artistica si scorgono tante case in fango; osservandola per un po’ sembra quasi di sentire lo scirocco del deserto, tanto l’effetto percettivo è reale.
Il paesaggio rovente di Deneb, per una sorta di discrasia, dialoga con Inlandis, il ghiaccio continentale. Quest’installazione glaciale, che riproduce la planimetria del paesaggio antartico, è stata ottenuta sovrapponendo ritagli di zanzariere. Le eteree superfici sovrapposte danno l’idea dell’acqua, che a tratti sommerge e fa emergere il ghiaccio stratificato. La realtà antartica è perfettamente riprodotta, ma anche qui si assiste ad una manipolazione tattile che trasforma la planimetria da strumento di controllo del territorio a strumento conoscitivo e, soprattutto, interpretativo. La realtà viene manipolata per essere approfondita, ne deriva una conoscenza intima e cerebrale.
Le installazioni sono accompagnate da disegni, vere e proprie note didascaliche che approfondiscono la ricerca. I quadri sono ottenuti sovrapponendo della grafite in modo da rendere la superficie specchiante e donarle una vibrazione argentea. Spesso le stesure di grigi vengono arricchite da tocchi di acrilico per creare macchie opache simili ad aloni. Spettacolare è il disegno che completa Inlandis, nel quale l’artista contrappone al ghiaccio uniforme che emerge dalle acque il substrato algoso movimentato e floreale.
Dacia Manto – Sine Macula
Inlandis si confronta non solo con Deneb, ma anche con l’ultima delle tre installazioni, Bed rock, un letto di roccia rappresentato attraverso la lavorazione di quattro grandi porzioni di spugne. Mentre precedentemente il paesaggio è stato ottenuto sovrapponendo materiali, in questo caso il materiale viene sottratto. Le spugne sono tagliate e scavate.
In tutte e tre le installazioni, cartografie e viste aeree di paesaggi perdono il controllo matematico e divengono sculture oniriche. L’osservatore percepisce così una realtà in bilico tra il sonno e la veglia, tra il soffice e il solido. Prima il luogo viene metabolizzato in maniera tale da riuscire a plasmare qualsiasi materiale a sua immagine e somiglianza, anche quello più disparato. Il paesaggio visto dall’alto è riprodotto perfettamente, sine macula. Poi, attraverso la manipolazione creatrice, l’artista lo arricchisce di una sua visione introspettiva. È così che dalla crosta terreste, con tutte le sue increspature, Dacia Manto scende in profondità. Nell’animo.

luigi rondinella
mostra visitata l’8 luglio 2006


Dal 23 giugno al 15 settembre 2006
Dacia Manto – Sine Macula, Galleria Studio Legale, Via Cesare Battisti 76
81100 Caserta, Italia - T. +39 0823 279715 - F. +39 0823 353606
gslegale@tin.it - www.galleriastudiolegale.it - ingresso libero
dal martedì al venerdì dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 20.00
(possono variare, verificare sempre via telefono)


Fonte exibart


Messaggio di Gino il sabato 2 settembre 2006 alle 10:03   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

fino al 15.IX.2006
Nagasawa
Ischia (na), Torre di Guevara

Dalla Manciuria in bicicletta. Per arrivare ad un'antica torre con un giardino pensile sul mare. La leggerezza geometrica di ferro e rame in strutture extra large. Quando gli odori diventano opera d’arte...


pubblicato venerdì 21 luglio 2006
Nella torre cinquecentesca velata dalla leggenda, che narra della presenza di Michelangelo ai tempi della sua amicizia con la nobildonna Vittoria Colonna, si apre uno squarcio sull’opera complessiva di Hidetoshi Nagasawa (1940, Tonei - Manciuria). La precisione scientifica di un architetto, la capacità inventiva dell’artista, la pazienza zen: sono questi i diversi volti di un peregrino ciclista che, partito da Tokyo nel 1966, rimase a Milano a causa del furto del proprio unico mezzo di locomozione, la bici appunto.
Dal clima di sperimentazione vissuto vis à vis con Castellani, Fabro, Nigro e Trotta, Nagasawa ha selezionato bustine di materiali poveri miscelandole con quelle dell’imprevedibile gutai, che aveva apprezzato già durante l’adolescenza, traendone una sintesi artistica vicina al concettuale.
Una quindicina di opere installate tra il giardino e le stanze squadrate della casa-fortezza, prendono il via da Nicchia (1975), un’incuriosita Venere che lancia il suo personalissimo sguardo d’interni verso il calco rovesciato e lucidato del suo pube. Ma da quest’opera -che sa di déjà-vu- il suo autore si stacca e con metodo cartesiano costruisce sculture dalle grandi dimensioni in cui elementi rigidi come oro, bronzo, legno e marmo si piegano al di sopra di coordinate matematiche. La pesantezza dei materiali subisce una mutazione, divenendo plasmabile. Come nella Stanza di Melissa (opera site specific), dove nove tronchi d’abete, piallati e levigati, levitano verso l’alto in un procedimento che è equivalente ed inverso in Pozzo nel Cielo del 1995. È l’insostenibile leggerezza del piombo questa volta a far sprofondare in laghi saturnini lo sguardo indirizzato dalle lastre, disposte a due a due in simmetria.
Hidetoshi Nagasawa, Ipomee, rame, 480x480x500 cm, installazione temporanea
E se in Compasso di Archimede tre aste di ferro intrecciate si flettono come stuzzicadenti ingabbiati dalla stessa scatola, che nello studiato contraccolpo si solleva, Nagasawa dedica inoltre uno spazio anche al gioco leonardiano di Aquila del 1989. Il principio delle eliche che si muovono per definizione vive infatti la sua contraddizione nell’averle fissate (attraverso delle catene di ferro) al tubo a cannocchiale imperniato al soffitto.
Contraddicendo le funzioni dei materiali nascono nuove realtà, di cui il sentire diviene proprietà olfattiva. È il caso del grande cubo in cera vergine di Zenobia, dal profumo concentrato e svelato al di là della tenda di seta che lo protegge. Oppure si formano nuove geometrie stilizzate. Come in Ipomee, un fiore bianco con sette petali vedersi cristallizzare in una lunga stella di rame dalla ritmica angolare delle sottilissime sfoglie, realizzate con la collaborazione di artigiani ischitani.

irene tedesco
mostra visitata il 15 luglio 2006


fino al 15.IX.2006 – Hidetoshi Nagasawa
Torre di Guevara, via Nuova Cartaromana. Tel./Fax +39.081. 3333247;
www.torrediguevaraischia.it
orari: dal martedì alla domenica dalle 17.30 alle 21.30; chiuso il lunedì


Fonte exibart


Messaggio di Gino il sabato 2 settembre 2006 alle 10:04   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

fino al 23.IX.2006
Pittura elettrica #1
Vitulano (bn), Giamaart Studio

Nel cuore del Sannio, una nuova galleria pronta ad aprirsi ed investigare. Il confronto, l’azzardo, la contaminazione. In altre parole: arte e tecnologia. Reinventate per una partenza in due capitoli…


pubblicato martedì 30 maggio 2006
Pittura elettrica #1 è la prima delle due mostre che, all’interno di un progetto nato in collaborazione con Lorenzo Canova, si dedicano ad esplorare il continuo confronto tra pittura e tecnologia; l’inevitabile ricaduta della nuova imagerie dei media sulle forme d’arte più tradizionali che affascina, attira, potenzia (e qualche volta riduce a poche mosse) il panorama artistico contemporaneo. Alessandro Bazan, Marco Colazzo, Fulvio di Piazza, Stefania Fabrizi e Luca Matti sono i primi cinque artisti invitati, che si fronteggiano all’interno della mostra e presentano le diverse modalità di una pittura ormai al bivio tra immaginazione e simulazione, tra tradizione e futurologia.
Così, da un lato, l’arte intende marcare le proprie differenze ed assume nei dipinti di Alessandro Bazan (Palermo, 1966) il brivido di un immaginario a bassa definizione; una sensualità maliziosamente suggerita dal ritmo di un colore che prolifica, ma che non si definisce e che ritrova la vivezza della pittura-azione malgrado sembri ricalcare effigi e sequenze filmiche o fotografiche. Analoghi, seppur stilisticamente diversi, sono i risultati ottenuti da Fulvio di Piazza (Palermo, 1969) che sul ponte gettato tra surrealismo e metafisica è passato per far proprie la descrizione attenta e l’enigmatica combinazione degli oggetti; un realismo a volte ipnotico che rientra appieno nella logica dell’estetica corrente ma che conserva il suo carattere narrativo, un po’ fiabesco, e crea un corto circuito tra visibile ed invisibile, tra realtà e sogno.
Marco Colazzo (Roma, 1963) e Stefania Fabrizi (Roma, 1958), invece, licenziano i colpi di pennello e i messaggi visionari per una pittura fatta di sagome luminescenti ed ingannevoli. La mimesi illusionista che vive nella vivacità dei colori, negli effetti cangianti di luci ed ombre e nell’ambiguità spaziale e percettiva degli oggetti.
Fulvio di Piazza – Boschetto – tempera su carta – 2006 – cm.42x28
Più che un dipinto il quadro sembra un diaframma, uno schermo vibrante di un’energia quasi elettrica che attira l’occhio dello spettatore, lo seduce, e gli rivela l’immaginario illusionistico, spettacolare, e un po’ nauseabondo della realtà mediatica quotidiana.
Al quadro come immagine fissa, poi, si affiancano le potenzialità narrative del lavoro di Luca Matti (Firenze, 1964): nei territori ibridi fra pittura e lavoro d’animazione, su pochi e scarni segni monocromatici, s’innesta il dinamico e talvolta ripetitivo movimento dei due lottatori. Una sequenza d’azioni che diventa lo spunto per reinventare un mezzo e per infondere alla pittura la vivacità visiva e descrittiva delle immagini elettroniche.

articoli correlati
Bazan e di Piazza da AndreA ArtecontemporaneA
Marco Colazzo – Eterno Presente Primordiale
link correlati
www.lucamatti.it

marianna agliottone
mostra visitata il 29 aprile 2006


Pittura elettrica (capitolo primo)
GIAMAART STUDIO – via Iadonisi 14 - 82038 Vitulano [bn]
info tel/fax +39 0824 878665 - +39 338 9565828
orari: dal martedì al sabato 17.00-20.00 (possono variare, verificare sempre via telefono) - info@giamaartstudio.itwww.giamaartstudio.it


Fonte exibart


Messaggio di Gino il sabato 2 settembre 2006 alle 10:05   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

fino al 9.IX.2006
Sergio Vega
Napoli, Umberto Di Marino

Tristi tropici. Ma non troppo. In un lungo excursus che ripercorre le tracce delle cronache seicentesche, l’artista latino americano è alla ricerca del suo personale “paradiso”…


pubblicato giovedì 8 giugno 2006
Sergio Vega, di origine argentina ma trasferitosi nel sud degli Stati Uniti per motivi di lavoro, è stato universalmente benedetto dalla folla oceanica che si è riversata a Venezia nel corso della passata edizione della Biennale. La sua installazione alle Corderie dell’Arsenale ricreava un piacevole ambiente tropicale dove la gente si ristorava tra una tappa forzata e l’altra di una delle mostre più dislocate mai prodotte dall’ente veneziano. Vega ha la capacità di ribaltare tutti i luoghi comuni sui tropici, di guardare aldilà della gradevole facciata turistica conosciuta nel mondo per cercare quelli che sono i presupposti di una cultura comune a tutto il Sud America. Il problema dell’integrazione nel contesto economico e tecnologico si è posto prima di tutto, e in termini più precisi, per l’architettura e il design industriale. La progettazione estetico-industriale che nei paesi in via di sviluppo è praticamente nulla, in quelli capitalisti è invece accuratissima: appoggiata su metodiche analisi di mercato e su precisi accertamenti psicologici e sociologici. È dunque indispensabile studiare gli sviluppi della ricerca estetica in relazione a situazioni concrete. Il problema che Vega si propone di affrontare è quindi di natura intellettuale: riguarda il rapporto tra cultura e potere. Le origini di questo rapporto sono per lui da ricercarsi nelle prime cronache che descrivono la scoperta del Nuovo Mondo e in particolare quella di Antonio De Leon Pinelo, consigliere portoghese del re di Spagna. Alla visione storica e nostalgica dei primi esploratori che credevano di aver trovato il mondo favoloso di Eldorado, il giardino dell’Eden sulla terra, l’artista contrappone il paradosso della situazione attuale: le megalopoli prive di pianificazione, la mancanza di studio dei sistemi di comunicazione, l’arresto della ricerca estetica.
Sergio Vega, Modernist butterflies, 2006, video (frame), Courtesy Umberto Di Marino Arte Contemporanea, Napoli
Nel corso di un viaggio, che ha ripercorso a tappe un itinerario che attraversa i diversi paesi del Sud America, Vega ha tratto alcuni scatti e fatto delle considerazioni sotto forma di cronaca diaristica. All’ingresso della mostra, su una parete dipinta a vivaci colori, c’è la foto di un edificio frutto della speculazione immobiliare in cui è più che mai evidente la dissociazione tra forma e qualità estetica. L’architettura, ispirata al razionalismo europeo, è interamente dipinta con i colori del piumaggio di un pappagallo, per renderla più fruibile esteticamente, per fare in modo che l’individuo possa riconoscersi e integrarsi. È quello che l’artista ha ribattezzato con il termine Modernismo tropical, una visione eccessiva e barocca che reinterpreta il minimalismo e il concettualismo dell’arte dei paesi a capitalismo avanzato.
Nei due video in mostra è la natura che prende il sopravvento su tutto. Su uno degli schermi c’è un volo di farfalle che si alzano dalla sponda del fiume dopo essersi abbeverate; l’effetto è astratto, la sua ripetizione crea un ritmo lieve, quasi musicale. Sulla parete di fronte, un secondo video mostra l’assalto delle formiche ad un pezzo di sapone lasciato nella doccia: l’uomo imita la natura con il sapone al sapore di frutta, ma la natura è più forte e se ne riappropria. Nella stanza successiva sono esposte le foto scattate sui sentieri che attraversano il Mato Grosso sulle tracce del mito.
Sergio Vega, Building as Rodin’s Balzac Installation, 2006, foto, video, wall-drawning, Courtesy Umberto Di Marino Arte Contemporanea, Napoli
Sono il frutto di una racconto “epistemologico” dove c’è una perfetta coincidenza tra il pensare per immagini e il pensare per concetti, tra la via che il mito dischiude e il metodo che la logica persegue. C’è una connessione tra filosofia e mitologia, che oltre a restituire la verità sull’essenza dei luoghi, dischiude quella molteplicità dei registri espressivi, tra loro intercambiabili e complementari, in cui la parola antica trova la sua autentica sorgente espressiva.

maya pacifico
mostra visitata il 9 maggio 2006


Sergio Vega – Utopian paradises: modernism and the sublime - A cura di Luigi Fassi - Napoli, Umberto Di Marino Arte Contemporanea, via Alabardieri 1(Piazza dei Martiri)
Orario: dal lunedì al venerdì dalle ore 15.00 alle ore 20.00 sabato dalle ore 11.00 alle ore 14.00 e dalle ore 16.00 alle ore 20.00
Luglio : dal lunedì al venerdì dalle ore 16.00 alle ore 20.00 Agosto : chiusura estiva fino al 3 settembre - Per informazioni: tel. 39 081 0609318 fax 39 081 2142623 - email : umberto.dimarino@fastwebnet.it


Fonte exibart



Messaggio di Gino il sabato 2 settembre 2006 alle 10:06   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

fino al 23.IX.2006
Fresco Bosco
Padula (sa), Parco della Certosa

Tutto in una notte a Padula. Veglionissimo di San Giovanni a occhi nudi nel Parco, dove fischia il vento della Gesamtkunstwerk. Un lavoro certosino, con un Oberon (o Aragorn?) d’eccezione: Achille Bonito Oliva…


pubblicato venerdì 7 luglio 2006
Venghino signori venghino. Il termometro saliva, l’estate divampava, ma al di là del muro e tra gli alberi spirava la brezza della fantasia al potere. Regista Achille Bonito Oliva, re per Una notte di arte totale –precisamente quella tra il 23 e il 24 giugno- del Fresco Bosco della Certosa di Padula. Primo risultato: aver attirato il popolo dei vernissage a 160 km e rotti dalla capitale del Vicereame. Secondo: aver riportato l’attenzione sul gioiello del Vallo di Diano e, soprattutto, sulla carenza di infrastrutture che lo condanna tragicamente all’isolamento, meta irraggiungibile se non con mezzi propri. Terzo con riserva: la risposta dell’“intero paese” che, se a valle affollava incuriosito la corte esterna della “casa bassa” e i loci ameni teatro dell’operazione, a monte, contrariamente agli auspici e al battage, dichiarava indolente la serrata, in un abitato silenzioso e spettrale. Vieppiù deludente l’inaccessibilità del magnifico complesso, dalla chiesa alle cucine, dai chiostri allo scalone ellittico, comprese quelle cellette dei frati in cui, promotore il medesimo ABO, negli anni scorsi si sono susseguite Le Opere e i Giorni, recentemente acquisite nella collezione permanente della Certosa. Peccato davvero, perché una full immersion avrebbe integrato significativamente un progetto che, soprattutto nei momenti “live”, è stato inevitabilmente costellato di intoppi, ma che pure sul piano espositivo ha evidenziato qualche smagliatura. Perché, in definitiva, quello che avrebbe dovuto essere il punto di forza, ovvero il contesto, si è rivelato una buccia di banana, contenitore di un percorso dispersivo e a tratti mortificante: il parco ha infatti ridimensionato drasticamente anche soluzioni che, sulla carta, promettevano ben altro arrembaggio visivo, risolvendo la “mostra” in una serie di incontri con ospiti non tutti a proprio agio, vuoi per posizione defilata, vuoi per debolezza formale ed espressiva.
Giuseppe Gallo, Prospettive in-naturali, sculture in bronzo su supporto ligneo, 2006 (foto Giulio Buono)
La ribalta se la sono assicurata Gianni Dessì, col suo cogitabondo golem, Angelo Plessas, i cui vistosi stendardi non hanno fatto certo gridare al capolavoro, e l’efficace installazione percorribile di Giuseppe Gallo. E se Luisa Rabbia cantava con grazia le “foglie morte” cadute da alberi “crettati” nel porticato decrepito, la Crepuscolare Madonna di Alfredo Romano e il propinquo Calamaro di montagna di Ernesto Tatafiore cercavano l’armonia tra assenza e presenza con toni non sempre adeguati. La cornice agreste stroncava l’impatto dell’aureo dazebao concettuale di Braco Dimitrijevic, mentre l’intervento di Costas Varatsos si dissolveva come un ectoplasma sul muro di cinta.
Chi invece non sbiadiva, anche per la ponderosa presenza scenica, era Hermann Nitsch, monumento nel monumento per l’occasione in versione soft, edulcorato in una frugale eucaristia a pane e damigiane (con poco liturgica opzione bianco o rosso) e depurato negli aspetti più truculenti delle sue celebri azioni, documentati dalla carrellata antologica in onda su due megaschermi. Brillava altresì la pila di ex-voto ideata da Matteo Basilé per la sua performance, cuori metallici che calamitavano come gazze ladre gli spettatori. Che erano tanti. Interessati, divertiti, ma un po’ disorientati.
Un momento della performance di Matteo Basilè, Per grazia ricevuta (Foto di Giulio Buono).
E che niente è perfetto e tutto è perfettibile, specie quando si tratta di un “numero zero”, lo sperimentava l’infaticabile supercritico-autore, trottolando tra i prati per tenere il polso della situazione, cui poco ha giovato l’apporto del pur volenteroso “pifferaio” Alessandro Bergonzoni il quale, armato di megafono piuttosto che di flauto magico, sventolava la bandiera bianca dell’improvvisazione. Meglio, allora, non indurre il pubblico a sbandare in itinerari prefissati e, soprattutto, non imporgli l’assillo gracchiante degli altoparlanti, obici acustici disseminati a tradimento in mezzo al “desertum” dove, beati loro, i seguaci della regola di San Bruno meditavano in santa pace. A suonare il “silenzio”, con largo anticipo rispetto al ruolino di marcia, provvedeva il condottiero: è giunta mezzanotte, s’accendono le fiaccole. E poi che si fa? L’alba è lontana quando si rompono le righe. Tutti a casa. Lontano lontano.

anita pepe
mostra visitata il 23 giugno 2006


Fresco Bosco. Certosa di Padula (Sa), fino al 23 settembre. Biglietti: 4 euro (gratuito fino ai 18 anni e oltre i 65, ridotto al 50% sotto i 25). Visite guidate al Parco: gratuite. Visitate guidate alle celle de “Le Opere e i Giorni”: solo su prenotazione (ingresso compreso nel biglietto della Certosa). Info: 0975.778608; 089.2573.219/222

Fonte exibart



Messaggio di Gino il lunedì 4 settembre 2006 alle 09:21   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

gli eventi di oggi: (3/9/2006)



...vernissage di oggi
Barletta, Zoom info...
  [centro culturale zerouno]

Buggiano, Sauro Tinelli info...
  [villa pichi sermolli - la cella d'arte]

Ferrara, Adelchi Riccardo Mantovani - Il Po sotto il cielo di Berlino info...
  [galleria del carbone]

Finale Ligure, Luciano Fiannacca - Il gesto arcaico info...
  [fortezza castelfranco]

Manzano, Sophie Franza info...
  [casa furlan]

Pietrasanta, Miscellanea Uno info...
  [saletta neri]

Prato, Giorgio Ulivi - Hotel info...
  [hotel datini]

Roma, Vittorio Pavoncello - Parole e cose da Genesi info...
  [crer - casa di riposo ebraica di roma]

Treviglio, Claudio Bottura info...
  [sala ex upim - museo civico]




Messaggio di Gino il lunedì 4 settembre 2006 alle 09:22   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

gli eventi di oggi: (4/9/2006)



...vernissage di oggi
Milano, Asya Nemchenok - Akhmatova. Poems info...
  [galleria open mind]

Napoli, Paolo Conte - Razmataz info...
  [galleria dell'accademia della bussola - palazzo doria]

Roma, Opere scelte degli artisti della A.A.M. info...
  [a.a.m. - architettura arte moderna]

San Lazzaro Di Savena, Vito Ferrari info...
  [banca popolare di milano]

Torino, Ugo Malvano info...
  [archivio di stato]

Venezia, Paola Volpato - Omaggio ad Emily D. info...
  [ristorante ai pirati]

Venezia, R.G. Brown - Opere info...
  [galleria il sotoportego]




Messaggio di Gino il lunedì 4 settembre 2006 alle 09:48   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

A Bologna il Festival del Libro d'Arte

ARTELIBRO. FESTIVAL DEL LIBRO D'ARTE

inaugurazione giovedì 14 settembre 2006 | ore 17,30 | sala farnese di palazzo d'accursio | piazza maggiore 6 | dal 15 al 17 settembre | palazzo re enzo e del podestà | bologna


Artelibro, il festival del libro d'arte giunto alla terza edizione, anche quest'anno si terrà in settembre, dal pomeriggio di giovedì 14, momento inaugurale, a domenica 17 settembre compresa. Grazie alla straordinaria disponibilità delle istituzioni cittadine, e in particolare del Comune di Bologna, ad ospitarlo sarà ancora una volta il cuore storico della città, dove accanto alla Mostra-mercato di Libri d'arte in Palazzo di Re Enzo e del Podestà, per la prima volta, si terrà anche quella del Libro da collezione e d'antiquariato nel Cortile della Biblioteca dell'Archiginnasio. Ma Artelibro non sarà un appuntamento soltanto per bibliofili ed addetti ai lavori. Saranno numerosi gli eventi culturali che si svolgeranno negli stessi giorni nei musei, nelle biblioteche e nelle più prestigiose sale cittadine, che concorreranno a fare di Bologna ancora una volta una città d'arte e una "biblioteca d'arte diffusa".
Il programma culturale del Festival, articolato in filoni di trattazione secondo criteri d'interesse professionale, divulgativo e didattico, sarà ricco d'incontri e mostre, frutto sia delle proposte d'attualità e d'elezione degli editori, sia del lavoro di proposizione e raccordo svolto dal nostro Comitato scientifico. Veri e propri percorsi trasversali, che condurranno i visitatori in un viaggio attraverso l'arte, i libri e la cultura.
Questi i principali filoni:Antiquariato e Bibliofili, Architettura, Arte Antica e Arte Contemporanea, Arte e Comunicazione, Artelibro per i Ragazzi, Binomi Illustri, Design, Brevetti, Collezioni e Biblioteche Fotografia, Iconografie e Simboli Artistici e Religiosi, Presentazioni di Cataloghi, Libri ed Inediti

Tra le mostre vogliamo segnalare: Indice Scultura III, percorso di scultura all'interno di Palazzo Re Enzo e del Podestà, promosso da ASCOM-Associazione Gallerie d'Arte Moderna e Contemporanea di Bologna. Le mostre fotografiche Somewhere there is music del fotografo americano Larry Fink, a cura di Valerio Dehò, promossa da GAM e Damiani Editore; Pierluigi. On Cinema di Photology, mostra sul cinema degli Anni Cinquanta, con catalogo e testi di Claudia Cardinale; Omaggio a Bologna dei Fratelli Alinari, un prezioso insieme di 40 significative immagini della città di Bologna dagli Archivi Villani; Areaprotetta. Parchi e riserve naturali nel bolognese di Gabriele Basilico, a cura della Fondazione Villa Ghigi e promossa dalla Fondazione Carisbo e dalla Provincia di Bologna. Nella Cappella dei Carcerati in Palazzo Re Enzo la videoinstallazione di Silvia Camporesi promossa da Artelibro.
Nel Quadriloggiato dell'Archiginnasio la mostra "Rilegare l'immaginario. Libri rari da una collezione", curata da Marco Vallora, presenta preziose rilegature d'epoca liberty e déco. Le Istituzioni museali e le Biblioteche cittadine partecipano con importanti iniziative, dalla mostra Bologna 1935: la scoperta del Settecento bolognese a cura di Carla Bernardini, promossa dai Musei Civici d'Arte Antica, alla presentazione del libro Fulgores Bononiae promossa dall'Archivio di Stato di Bologna con la partecipazione di Salvatore Italia, capo del Dipartimento per i Beni Archivistici e Librari del Ministero dei Beni Culturali; dalla mostra Hebraica Veritas. Edizioni ebraiche del XVI secolo, promossa dal Museo Ebraico di Bologna, ad Arte e scienza nei libri di Ulisse Aldrovandi, promossa dalla Biblioteca Universitaria Bolognese, per concludere con la mostra Navigar fra libri e carte geografiche, realizzata dall'Opera Pia dei Poveri Vergognosi e dal Collegio San Luigi.
Nel suggestivo spazio della Galleria d'Accursio in Piazza Nettuno le Edizioni della Laguna espongono l'intera collezione di Ver Sacrum, la rivista d'arte della Secessione viennese, mentre Ilisso Edizioni presenta un'esposizione insolita e originalissima di 300 progetti per segnalibro realizzati da 100 artisti della Sardegna. Dalla collaborazione con importanti musei - Castello di Rivoli, MART e Fondazione Arnaldo Pomodoro - nascono mostre di "libri d'artista" di altissimo profilo: Libri Books Bücher, Primo amore. La passione di un collezionista e Pomodoro. In Chartis. Si completa così il percorso espositivo relativo all'arte moderna e contemporanea, già avviato con la Galleria d'Arte Moderna di Bologna, prossima a trasferirsi nella nuova sede del MAMbo.
Accanto alla possibilità di acquistare Riviste Internazionali d'Arte Contemporanea (Postmedia Books), al pubblico di Artelibro sarà consentito consultare i numeri recenti di testate d'arte e cultura contemporanea italiane - dalle freepress alle riviste storiche, da quelle distribuite solo in alcuni musei a quelle vendute in edicola - che aderiscono al progetto online Magazines di UnDo.Net.

Nel corso di Artelibro, inoltre, Silvia Evangelisti, Direttore Artistico di Artefiera, illustrerà l'edizione 2007 dell'evento fieristico dedicato all'Arte.
Artelibro è un Festival gratuito per il pubblico grazie agli Enti e Istituzioni che lo promuovono e agli sponsor che ne sostengono la realizzazione.



Artelibro Festival del Libro d'Arte
Palazzo di Re Enzo e del Podestà, Bologna
www.artelibro.it
info@artelibro.it
Conferenza stampa nazionale: Giovedì 22 giugno 2006 ore 11.00. Milano, Fondazione Arnaldo Pomodoro
Conferenza stampa locale: Mercoledì 6 settembre 2006 ore 12.00. Bologna, Palazzo d'Accursio

Comitato Promotore: Associazione Artelibro, Associazione Italiana Editori, Comune di Bologna , Provincia di Bologna, Regione Emilia-Romagna , Alma Mater Studiorum Università di Bologna, Camera di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura di Bologna, Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna, Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna
Con il patrocinio di: Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, Ministero degli Affari Esteri, ABI - Associazione Bancaria Italiana, ACRI - Associazione Casse di Risparmio Italiane
Partner ufficiale: UniCredit Group
Sostenitori Istituzionali: ASCOM - Associazione dei Commercianti della Provincia di Bologna, Confindustria Bologna, Banca Popolare dell'Emilia Romagna, Banca Popolare di Milano, Bologna Fiere, Consorzio Cooperative Costruttori, Collegio Costruttori Ferrovie dello Stato, IBACN - Istituto per i Beni Artistici Culturali e Naturali della Regione Emilia Romagna, IMA Lottomatica, Poste Italiane, PromoBologna, Soprintendenza per il Patrimonio Storico Artistico e Etnoantropologico, Unicredit Banca
In collaborazione con: Istituto Nazionale per il Commercio Estero
Sponsor Tecnico: Cartiere del Garda - Carta GardaPat 13
Si ringraziano inoltre: Fondazione Arnaldo Pomodoro, MACRO - Museo d'Arte Contemporanea di Roma, Solomon R. Guggenheim Foundation, Mart, Castello di Rivoli
Comunicazione e promozione: Studio Pesci
Tel. 051.269267
Fax 051.2960748
info@studiopesci.it
Segreteria Organizzativa: Noema srl - Bologna
Tel. 051.230385 - Fax 051.221894
info@noemacongressi.it




Messaggio di Gino il lunedì 4 settembre 2006 alle 09:50   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

FMR. La rivista d'arte più bella al mondo

FMR14

La Rivista FMR
Definita da Federico Fellini la perla nera dell'editoria mondiale, da oltre vent'anni la rivista FMR rappresenta un appuntamento fisso con l'arte e la bellezza di tutto il mondo. Rinnovata nella forma e nei contenuti, la rivista FMR mantiene viva e attuale la propria tradizionale funzione di laboratorio del gusto per un pubblico sempre più colto, raffinato ed esigente.
La rivista FMR è realizzata in quattro lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo ed è distribuita in abbonamento in oltre 110 paesi al mondo. Gli abbonati a FMR ricevono ogni due mesi, assieme alla rivista la "Guida del viaggiatore curioso", panoramica delle mostre, aste e fiere antiquarie.

FMR 14
Racconta Man Ray che "Duchamp passò la maggior parte della settimana del viaggio di nozze a studiare problemi di scacchi, e sua moglie per la disperazione si vendicò alzandosi una notte mentre egli dormiva e incollò tutti i pezzi alla scacchiera. Divorziarono tre mesi dopo". Mi è sovvenuto questo aneddoto a proposito dell'articolo che l'amico Claude Lemoine dedica al "nobil gioco" su questo numero di FMR. Perché non solo gli scacchi sono un'arte, ma anche l'arte che ci circonda - ci ha rivelato Marcel Duchamp - è una grande partita a scacchi: così, almeno, la intende il nostro secolo che ha svuotato il progetto artistico di ogni valore diverso dal puro e gratuito gioco dell'intelligenza, in una sorta di algida astrattezza della quale il museo è la rappresentazione plastica. Certo non giocavano con il loro genio, né con l'altrui, gli artisti dei bronzi di Siddharta Gotama, il Buddha; all'estremo opposto, vivere la vita e sognare un sogno era l'alimento che nutriva lo sguardo di Diego Rivera e di un Messico che voleva nascere...

Vai a vedere il numero 14 di FMR.



FMR
Anno di fondazione: 1982. Periodicità: bimestrale
www.fmrspa.it
Numero verde: 800-019632 (dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 18.00)
Fax verde: 800-279343
fmr@artespa.it
Distribuzione: abbonamento postale, rivenditori autorizzati FMR in Italia e nel mondo, fiere e manifestazioni di settore, spedizione mirata e capillare su territorio nazionale e internazionale.
Abbonamento annuale (6 numeri) Italia ? 95 - Abbonamento per due anni (12 numeri) ? 180
Abbonamento annuale (6 numeri) Europa ? 118 - Abbonamento per due anni (12 numeri) ? 213
Abbonamento annuale (6 numeri) USA/Canada (via aerea) ? 130 - Abbonamento per due anni (12 numeri) ? 235
Abbonamento annuale (6 numeri) Resto del mondo (via aerea) ? 169 - Abbonamento per due anni (12 numeri) ? 285
Per conservare la rivista in biblioteca FMR ha previsto per gli abbonati un elegante cofanetto atto a contenere i sei numeri annuali (? 20).
Per abbonarsi con il coupon elettronico

Editore:
FMR SpA - Gruppo ART'E'via Cavour 2, 40055 Villanova di Castenaso (BO)
Numero verde 800-019632 (dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 18.00)
Fax verde 800-279343
fmr@artespa.it
www.fmrspa.it




Messaggio di Gino il martedì 5 settembre 2006 alle 09:25   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

notizie del 4/9/2006



ANTIPASTO DI LIDO
Opere plastiche libere di vivere lo spazio aperto ci accompagnano alla kermesse cinematografica. Grandi nomi e giovani promettenti da tutto il mondo mostrano le loro più recenti creazioni nello spazio urbano. Un antipasto -al Lido, durante la Mostra del Cinema- in attesa dell'inaugurazione della Biennale d'Architettura... [leggi]

fino al 10.IX.2006
Dean Tavoularis - Un mito di Hollywood
Napoli, PAN

Una mostra sui segreti di Hollywood. Lo scenografo preferito da Francis Ford Coppola svela i suoi trucchi. Niente effetti speciali, tanta attenzione ai dettagli e ricostruzioni full size. [leggi]

resoconto
David Smith - Sculptures 1933-1964
Parigi, Centre Pompidou

Sono poche le occasioni di vedere i lavori di David Smith, padre della scultura americana contemporanea. In un allestimento arioso ma tortuoso, le sue opere riservano ancora oggi molte sorprese. [leggi]

fino al 10.IX.2006
Aldo Marinetti
Matera, Museo Nazionale della Basilicata

Un reportage attraverso la Basilicata. Decine di raffinate fotografie raccontano l'amore per una terra e per la bellezza della natura. A Matera, una piccola mostra svela dettagli, paesaggi, luoghi, memorie... [leggi]

fino al 15.IX.2006
Fausto Melotti - Disegni 1978-1985
Assisi, Museo Pericle Fazzini

Quindici disegni di Melotti. Un piccolo ma prezioso evento che si inserisce in una serie dedicata agli amici del artista marchigiano. Per capire Fazzini attraverso la visione delle opere dei suoi colleghi... [leggi]

fino al 5.IX.2006
Giuseppe Pirozzi
Napoli, Castel Nuovo

Un'unica sala per raccontare la scultura di Giuseppe Pirozzi, dagli anni '50 ad oggi. Un'arte dove si fondono antico e contemporaneo, essenzialità e complessità. Per dar vita ad opere dall'intensa carica emotiva. [leggi]

fino al 31.X.2006
Debora Hirsch
Pietrasanta (lu), Galleria Flora Bigai

Dialettica continua tra icone apparentemente tra loro distanti. Visione odierna del mito. Analisi sui linguaggi della comunicazione. E la pittura che continua a gridare con forza la propria esistenza... [leggi]


gli eventi di oggi: (5/9/2006)



...si svolgono in giornata
Benevento, I fantasmi e la carne info...
  [piazza santa sofia]

Montesilvano, Ettore Le Donne - Omaggio a Giordano Bruno info...
  [studio bunker]

Venezia, Argentina Verderame - Sposa-Star, predatrice di momenti assoluti info...
  [lido di venezia]



...vernissage di oggi
Bologna, Vino o colore? info...
  [hostaria don camillo]

Camogli, Pillino Donati info...
  [galleria la passion de l'art]

Genova, BAG - Flashes info...
  [loggia della mercanzia]

Milano, Dalmazia nelle opere dei grandi maestri croati ed europei info...
  [galleria the new ars italica]

Milano, Le Scale del Paradiso info...
  [studio d'ars]

Roma, Nicolaj Pennestri - Il Cielo di Beslan info...
  [fondazione pastificio cerere]

Venezia, Anna Moro-Lin - Wolferl: dieci leggii lo raccontano info...
  [palazzo mocenigo - centro studi di storia del tessuto e del costume]




Messaggio di Gino il martedì 5 settembre 2006 alle 09:28   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

"L'immagine del vuoto" al Museo Cantonale d'Arte di Lugano

L'IMMAGINE DEL VUOTO. UNA LINEA DI RICERCA NELL'ARTE IN ITALIA 1958-2006

conferenza stampa venerdì 6 ottobre | ore 11.00 | inaugurazione venerdì 6 ottobre | ore 18.00 | museo cantonale d'arte | lugano


L'esposizione L'immagine del vuoto (1958-2005) intende indagare i molteplici aspetti della rivoluzione linguistica attuatasi nell'arte in Italia a partire dalla fine degli anni Cinquanta. A tal fine, appare irrinunciabile esplorare affinità, contaminazioni e contrasti tra il contesto sperimentale italiano - animato all'epoca da Fontana, Manzoni e Castellani - e Yves Klein, in quegli anni "attore" ben presente a Milano, sia sul piano espositivo che nell'intensità dello scambio dialettico. L'obiettivo è quello di far emergere, attraverso la ricerca di artisti quali Lucio Fontana, Yves Klein, Piero Manzoni, Enrico Castellani, Agostino Bonalumi, Francesco Lo Savio, Gianni Colombo, Dadamaino, Giulio Paolini, Alighiero Boetti, Giovanni Anselmo, Luciano Fabro, Michelangelo Pistoletto, Gino De Dominicis e Ettore Spalletti una specificità tutta italiana, una linea sotterranea, quasi un'anomalia che percorre in modo sottile questa linea di ricerca nel panorama europeo del secondo Novecento. La mostra intende individuare quella linea che contrappone alla componente "espressiva" più praticata e diffusa, una matrice "evocativa" di segno metafisico. Ovvero l'esigenza, comune a questi artisti, di porre tra parentesi la propria identità psicologica e soggettiva per formulare la nozione impersonale e assoluta di artefice dell'opera. Dopo la stagione informale, caratterizzata dalla centralità dell'Io, dal primato del soggetto, la nuova generazione ambisce a oltrepassare la frontiera dell'immateriale, dove il vuoto come spazio pittorico autentico, l'infinito come dimensione, il colore assoluto, i codici della pratica artistica diventano elementi essenziali per configurare una nuova visione dello statuto dell'opera e della stessa identità dell'arte. Si analizza quindi una linea di ricerca che, pur nella sua portata innovativa, nel suo azzeramento radicale, sembra conservare la consapevolezza della necessità irrinunciabile dell'immagine. Immagine che si presenta "senza corpo", evitando peraltro di arenarsi nelle secche di un'arte di matrice analitica, dichiaratamente concettuale di tipo anglosassone, che rifiuta l'immagine per scelta pregiudiziale. Un'ottica che mai si affida a punti di vista puramente teorico-speculativi, ma che sceglie invece di tener fede al primato dell'immagine. L'esposizione giunge infine ad esplorare l'eredità lasciata da questi protagonisti del secondo Novecento all'ultima generazione, individuando - nel panorama attuale - quali aspetti di quella stagione permangono tutt'oggi nel vocabolario artistico italiano. Saranno presentate in tal senso opere di artisti quali Mario Airò, Francesco Barocco, Gianni Caravaggio, Martino Coppes, Daniela De Lorenzo, Chiara Dynys, Francesco Gennari, Eva Marisaldi, Amedeo Martegani, Sabrina Mezzaqui, Diego Perrone, Luca Trevisani, Francesco Vella e Italo Zuffi.

STRUTTURA DELLA MOSTRA
L'esposizione si articola in diverse aree di ricerca, in una ideale progressione che dallo spazio infinito del cosmo conduce allo spazio finito dell'immagine. Le sezioni tematiche, precedute da un antefatto e da un capitolo introduttivo, si articolano in "Spazio e cosmo", "La concretezza dell'infinito", "L'io incorporeo" "L'architettura del vuoto", "I codici della visione". Il fine è quello di visualizzare i diversi ambiti che concorrono alla configurazione di questa nuova concezione artistica, nonché alle sue complesse evoluzioni fino ad approdare all'orizzonte più recente.
Antefatto
Finita la seconda guerra mondiale, si afferma dovunque nel mondo un linguaggio artistico comune, una koinè dagli accenti tardo-romantici che si propone di dare libero sfogo alle emozioni. Si manifesta l'urgenza di dar voce all'interiorità con toni vibranti, spesso gridati, affidando alla materia bruta e al gesto, svincolato da ogni controllo formale, il messaggio angoscioso e liberatorio insieme che si vuole trasmettere. Gli anni Cinquanta del Novecento, nei quali si formano tutti i protagonisti della mostra, sono la stagione del "tutto pieno"; del "troppo pieno", anzi, agli occhi di questa generazione, che reagisce a quell'altissima temperatura emotiva raffreddando all'estremo la propria arte e scegliendo, all'opposto, il "tutto vuoto".
Introduzione
La sezione introduttiva indica i tre momenti "storici" dai quali discende l'intero progetto espositivo. Un "buco" di Fontana, un "monocromo" di Klein e una "linea" di Manzoni fissano i termini da cui la mostra si sviluppa. Fontana stesso ci fornisce una traccia con queste sue parole riferite a Carla Lonzi - con l'abituale tono colloquiale - in occasione della stesura del volume di interviste Autoritratto, 1969: ". Incomincia a essere valido Klein quando fa tutto bleu, che è una dimensione... Lui l'ha intuito lo spazio, però, te lo dico io, quelli, proprio, che l'hanno capito siamo io e Manzoni: Manzoni con la linea all'infinito e, fino adesso nessuno l'ha raggiunto, guarda, con tutte le sperimentazioni che stan facendo, è la scoperta più grande che ci sia, e io col buco.."
Spazio e cosmo
La vertigine dell'idea di universo provoca la perdita di dimensione dell'opera: una Natura di Fontana, una Sculpture éponge di Klein, il Senza titolo di De Dominicis concorrono ad aprire nuovi confini che oltrepassano i limiti convenzionali del quadro. Domina la tensione verso una concezione assoluta dell'immagine che superi ogni forma di condizionamento relativizzante per raggiungere la massima libertà spirituale e la purezza dell'essenza cosmica.
La concretezza dell'infinito
Il quadro non è più una composizione di elementi, lo spazio entro cui si mette in scena la lotta tra forme e colori nel dominio emozionale, bensì una rappresentazione visibile e concreta dell'assoluto nell'immagine. Un taglio Concetto Spaziale (Attese) di Fontana, una Superficie di Castellani, una carta quadrettata (Cimento dell'armonia e dell'invenzione) di Boetti fissano i termini di una nuova concezione dell'opera.
L'Io incorporeo
Il processo di smaterializzazione dell'immagine arriva a sottrarre sostanza alla stessa figura dell'autore o del soggetto rappresentato. Nove xerox Anne-Marie di Alighiero Boetti, o Alias di Martegani, non corrispondono alla testimonianza della loro immagine, ma abbandonano la consuetudine della tradizione e intraprendono la via dell'impersonale eliminando qualsiasi residuo di riflesso figurativo.
L'architettura del vuoto
Pone l'accento su una ricerca spaziale orientata verso la tridimensionalità, intesa non più come scultura, ma come integrazione reciproca tra spazio e oggetto. Un Filtro di Lo Savio, una Strutturazione pulsante di Colombo testimoniano di questa esperienza.
I codici della visione
È il capitolo che affronta, infine, la rivoluzione linguistica provocata dalla consapevolezza che l'autore assume nei confronti degli strumenti e dei termini di linguaggio della pratica artistica, intesa come effettivo soggetto dell'opera. Vedo (l'opera completa di Edouard Manet come decifrazioni del mio campo visivo) di Paolini o Da mille a mille di Boetti configurano visioni al contempo individuali e universali, manifeste e cifrate, dettate dall'osservanza dei codici formali della rappresentazione.
Le sezioni tematiche sopra delineate sono visualizzate in mostra attraverso circa 100 opere, di cui quelle qui nominate costituiscono il riferimento essenziale ed ideale. Le opere, generalmente concesse in prestito da Musei, Archivi, Fondazioni e privati, sono in alcuni casi provenienti dalle collezioni degli artisti stessi. Particolare attenzione viene rivolta, infatti, alle opere a loro appartenute all'epoca, al fine di tentare di ricostruire le reciproche relazioni, attestazioni di stima, affinità intellettuali.



L'Immagine del vuoto
Dal 7 ottobre 2006 al 7 gennaio 2007
Orari: martedì 14-17, da mercoledì a sabato 10-17, domenica 11-18. Chiuso lunedì
Ingresso: Fr. 10.- , ? 7,00, anziani, studenti e gruppi Fr. 7.-, ? 5,00
Mostra a cura di Marco Franciolli, Direttore Museo Cantonale d'Arte, Bettina Della Casa, Curatrice Museo
Catalogo: Introduzione di Marco Franciolli. Testi di Bruno Corà, Bettina Della Casa, Marcello Ghilardi, Tony Godfrey, Ada Masoero, Giulio Paolini, Annemarie Sauzeau, Dieter Schwarz e Elena Volpato. Schede di Simone Menegoi. Italiano/inglese. Skira

Museo Cantonale d'Arte - via Canova 10 - 6900 Lugano
tel. + 41 91 9104780 - fax + 41 91 9104789
decs-mca@ti.ch
www.museo-cantonale-arte.ch



Messaggio di Gino il martedì 5 settembre 2006 alle 16:40   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

Marcus Antonius Jansen
URBAN-EXPRESSIONISM
 
 
 
 
 
 
A leader since 1997 in modern urban expressionism, bringing a new sophistication to urban art - Marcus Antonius Jansen Book Release 2006
 
 
Date: August 31, 2006
 
Contact: Michaela Jansen, 239-369-0846
 
 
"Marcus understands the language of Contemporary Art. His work is loose and spontaneous. I have been in many Galleries and Museums and good work catches my eye, so did his". - Jerome A. Donson, Director of the Long Beach Museum and American Vanguard Exhibitions Europe 1961.
 
Modern Urban Expressionism, is renowned artist Marcus Antonius Jansens first solo book release showing a collection of the artists famous "Lifescape" urban paintings that cross urban graffiti elements with sophisticated abstract expressionistic brsuhstrokes in mostly full page spreads and offers a biographical overview about the artists world travels and  experiences transforming his life from a soldier to the visual arts.
 
Viewers will find, photos and a critical essay by Florida resident and Author/Art critic Gerri Reaves Ph.D “From Exile to Redemption in the ‘Prairies of Stone’ as well as Testimonials by Renowned Digital artist Laurence Gartel, former instructor to Andy Warhol on computers and fellow classmate of Graffiti artist Keith Haring. Special reviews by Monty Montgomery - President of the American Academy of the Arts Florida and Jerome A. Donson, Museum Director and in charge of the American Vanguard Exhibitions Europe 1961, that included artists such as (Jackson Pollack, Robert Rauschenberg, Willhelm De Kooning and many from the abstract expressonist movement).
 
The Jansen book, follows three other releases this year were Jansen was chosen be featured in. Otherbooks include: Famous Contemporary artists by World of Art Books London and Illuminations book, supported by Nobel Prize winner Desmond Tutu. Jansen was selecte among over 180 artists from 43 different countries in the world. The book, (printed 1000 copies first run) will be available through Jansens representing Galleries in New York City, Naples, Paris France, Los Angeles California, Ft. Myers and Atlanta Georgia as well as online book stores accessible worldwide.
 
Jansen will appear on FOX 4, NBC 2 News and WGCU Radio. For Museums, Bookstores, Galleries, TV media, Radio and organizations wanting to schedule book signings with the artist in attendance or who would like to carry the book, after scheduled book release on November 19th 2006.
 
You may contact us anytime for wholesale prices. Preorders are now being accepted!
 
Between now and September 29th save $10.00, only pay $39.95 for your signed copy available November 2006. Book retail after September 29th 2006: $49.95. Only limited signed copies available!
 
Visit Marcus Antonius Jansen online to get on our (preorder list now!) and see preview and more: www.marcusjansen.com or write info@marcusjansen.com
 
Marcus Antonius Jansen TEAM
A Leader in Modern Urban-Expressionism
Fort Myers, Florida (U.S.A)
t: 239.369.0846
f: 239.369.0846
www.marcusjansen.com
info@marcusjansen.com



Messaggio di Gino il mercoledì 6 settembre 2006 alle 09:01   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

notizie del 5/9/2006



fino al 29.X.2006
Girolamo Romanino
Trento, Castello del Buonconsiglio

A quarant'anni dall'ultima -e unica- mostra dedicata al Romanino, un articolato percorso espositivo che ha come scenario il più vasto e celebre dei suoi cicli affrescati nel castello di Trento. [leggi]

fino al 7.X.2006
Tony Cragg - Nothing but material
Pesaro, Centro Arti Visive Pescheria

L'uomo indagato attraverso forme pure e sovrapposizioni di piani. La materia come sorgente di vita e veicolo di nuove esperienze. Natura e artificio, materia ed energia in un dialogo serrato che non si esaurisce... [leggi]

fino al 24.IX.2006
Ciancimino&Tammaro / Nardi_Scopetta
Palermo, Francesco Pantaleone

Arte contemporanea, karaoke e punkabbestia. Scontro delirante tra culture? No, una divertente mostra nel cuore della Vucciria. E parte dello spazio espositivo si trasforma in una pizzeria di borgata... [leggi]

fino al 24.IX.2006
Corrado Bonomi
Finale Ligure (sv), Santa Caterina

Carri armati rosa, dinosauri fatti di pneumatico e libellule da ospedale. È il concettualismo ironico di Corrado Bonomi. Tra ready made e giochi di prestigio... [leggi]

fino al 9.IX.2006
Mariateresa Sartori
Venezia, Galleria Michela Rizzo

Può il silenzio diventare comunicazione? Può prendere il posto della parola? L'ultimo lavoro video dell'artista veneziana analizza il dialogo del silenzio, dove ogni pausa contiene un messaggio... [leggi]


Exibart.radio del 5/9/2006



> sempre più internazionale videominutopoptv, festival di corti. anzi di... cortissimi.
> pochi giovani al museo? e la tate modern gli abbina anish kapoor con il rap dei roll deep.
> costruire un edificio pubblico in italia è impossibile". se lo dice l'italiano richard rogers.
> diesel wall, a milano si inaugura l'installazione di sabrina moi, seconda vincitrice 2006.
> iniziato il countdown per artelibro, l'annuale focus bolognese alla terza edizione.


gli eventi di oggi: (6/9/2006)



...si svolgono in giornata
Roma, Arte contemporanea cinese info...
  [accademia di belle arti]

Venezia, Luigi Ontani - VetriEtereiEterocliti info...
  [collezione peggy guggenheim]



...vernissage di oggi
Bologna, Rilegare l'immaginario info...
  [biblioteca comunale dell'archiginnasio]

Ercolano, L'ultima dei molti cani info...
  [b&b fiume di pietra]

Mantova, Arte sull'acqua 2006 info...
  [rio di mantova]

Milano, Sabrina Moi - InOut info...
  [diesel wall]

Milano, Sergio Sansevrino - Le jardin d'histoire info...
  [museo civico di storia naturale]

Milano, Stefano Soddu - Guardiani dell'Universo info...
  [societa' umanitaria]

Montepulciano, Dove sono gli attori 2006 info...
  [teatro dei concordi]

Padova, Andrea Contin - Lu Pisce info...
  [palazzo moroni]

Padova, Quotidiana 2006 info...
  [museo civico al santo]

Pavia, Dadada. Dada e dadaismi del contemporaneo. 1916-2006 info...
  [castello visconteo - musei civici]

Prato, Paolo Gubinelli - Il segno, la piega, il taglio, il colore info...
  [antiche stanze di santa caterina]

Roma, Alessandro Fais info...
  [zen sushi restaurant]

Roma, Coloro i quali info...
  [casa dei teatri - villino corsini]

Suvereto, Extempore - IX Simposio della Accademie di Belle Arti info...
  [centro storico]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - CZ_VPI2006 info...
  [cz95 - centro zitelle]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Paradise Revisited: Micro Cities & Non-Meta Architecture in Taiwan info...
  [palazzo delle prigioni]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Your Black Horizon info...
  [isola di san lazzaro degli armeni]




Messaggio di Gino il mercoledì 6 settembre 2006 alle 09:04   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

Sculture in vetro al MMKK Museum Moderner Kunst Kärnten di Klagenfurt in Austria

FACING 1200°C. SCULTURE IN VETRO DALLA COLLEZIONE BERENGO, VENEZIA

vernissage 9 settembre | ore 19.00 | MMKK museum moderner kunst kärnten |klagenfurt (austria)


La tradizione del vetro d'arte di Murano e la modernità: un incontro sognato e realizzato da Adriano Berengo attraverso la Collezione Berengo, di cui si celebra quest'anno il quindicinale, che rappresenta una delle esperienze più innovative dell'arte contemporanea veneziana.
La mostra "FACING 1200 °C. Sculture in vetro dalla Berengo Collection, Venezia", in programma dal prossimo 9 Settembre presso l'MMKK, Museo di Arte Moderna di Klagenfurt (Austria), testimonia della suggestione esercitata dal vetro su numerosi artisti contemporanei provenienti da oltre 20 paesi.

Germogliato alla fine degli anni 80, il progetto ha dato i suoi frutti nel 1990, quando i primi artisti invitati da Berengo hanno affiancato i maestri vetrai di Murano nel tentativo di liberare il vetro dalla tradizione veneziana, senza dimenticarne l'eccezionalità, e di renderlo materia viva per opere al contempo plastiche e pittoriche.
L'amore di Adriano Berengo per il vetro ha conferito dignità a questa materia e ne ha sostenuto l'utilizzo come mezzo artistico ed espressivo. Con risultati straordinari, ha supportato il lavoro di numerosi artisti, già conosciuti ed emergenti, nell'ideazione delle loro opere in vetro, incoraggiandoli a trasformare arti bidimensionali, quali la pittura e il disegno, in eccezionali sculture in vetro.
L'approccio dell'artista contemporaneo alla tradizione artigiana di Murano ruota attorno alla centralità del vetro non come materiale e sostanza di un manufatto, ma come vettore inimitabile di una serie di implicazioni tecnologiche, concettuali ed emozionali che il vetro, come pochi altri materiali, rappresenta.
L'unicità di questo materiale, le cui qualità, la lucentezza, la fluidità e la trasparenza costituiscono la sua stessa sostanza, è il punto di partenza di una esperienza artistica che sposa alla perfezione alcune delle istanze e delle utopie dell'arte contemporanea: l'esplorazione del limite, lo studio del linguaggio, la rappresentazione della luce e il rapporto, più o meno conflittuale, con la tradizione.
Il supporto e l'incoraggiamento di Berengo verso la creatività prevede la soluzione di complessi problemi tecnici per trasformare il vetro secondo le richieste degli artisti, per far sì che i sogni e le idee più difficili si materializzino attraverso il vetro.

Peggy Guggenheim, nei lontani anni '50 aveva intuito già tutto ciò ed aveva riunito nella "Fucina degli Angeli" i più famosi artisti dell'epoca, che ancora oggi restano gli indiscussi protagonisti della storia dell'arte moderna quali Picasso, Chagall, Ernst, Braques e Fontana, tanto per citarne alcuni.
Seguendo "le orme di Peggy" ed elaborandone l'intuizione artistica in maniera più strutturata (presenza dell'artista durante la realizzazione dei prototipi, approvazione dell'artista mediante firma sulle opere stesse ed edizione di certificato di autenticità e catalogo a corredo di ogni scultura prodotta) Berengo ha continuato, dal lontano 1990, a proporre l'idea di realizzare vetri d'autore.
La nuova e vulcanica fucina di interpreti che continua a ruotare attorno alla personalità di Adriano Berengo ha cambiato il volto della produzione vetraia tradizionale, rivitalizzando la linfa di un settore in crisi, che per anni si è riprodotto uguale a sé stesso senza riconoscere le istanze del mercato e del mondo moderno.
È dunque l'intuizione poetica di questi artisti, unita alla perizia artigianale dei maestri vetrai di Murano l'alchimia da cui nascono le splendide sculture esposte per la prima volta al MMKK (Museo d'Arte Moderna) di Klagenfurt. Nelle 14 sale del museo, su una superficie di oltre 1000 m.q., si snoderà un affascinante percorso che toccherà i principali artisti della Collezione Berengo, con un omaggio speciale a Kiki Kogelnik e Robert Zeppel-Sperl.

Artisti in mostra
Christoph Kiefhaber, Kiki Kogelnik, Robert Zeppel-Sperl, Paul Flora (Austria ), Adi Holzer (Austria/Denmark), Gerda Gruber (Austria/Mexico), Jan Van Oost, Koen Vanmechelen, Mark Brusse, Reinhoud D'Haese (Belgium), Claude Venard, James Coignard (France), Elvira Bach, Irene Rezzonico (Germany), Dusciana Bravura, Luigi Benzoni, Ursula Huber, Pino Castagna, Riccardo Licata Sandro Sergi, Sergio Bovenga, Silvio Vigliaturo, Roberto Matta, Aldo Mondino, Luciano Zarotti (Italia), Imai Toshimitsu, Shozo Shimamoto, Teruo Onuma, Koji Kinutani (Japan), Lolita Timofeeva (Latvia), Marya Kazoun (Lebanon/Canada), Hannes Van Es, Michael Van Overbeeke (NL), Tatiana Zhurkov (Russia), Juan Ripollés (Spain), Irene Naef (Switzerland), Bengt Lindstroem, Ernst Billgren, Henrik Allert, Erik Dietman (Sweden), Paul Bradley (UK)

La mostra è resa possible dal sostegno del Dipartimento alla Cultura del Governo Regionale Carinziano. L'auspicio degli organizzatori è di trasmettere al pubblico tutto lo stupore, la curiosità e l' immaginazione che il vetro contiene e l'arte sublima.



FACING 1200 °C. Sculture in vetro dalla Berengo Collection, Venezia
Dal 10 Settembre al 5 Novembre 2006
ORARI: Martedì - Domenica 10.00 - 18.00 / Giovedì 10.00 - 20.00
MMKK Museum Moderner Kunst Kaernten
Burggasse 8/ Domgasse - 9020 Klagenfurt (Austria)
T ++43(0)50.536.30542 - F ++43(0)50.536.30514
office.museum@ktn.gv.at
www.mmkk.at



Messaggio di Gino il mercoledì 6 settembre 2006 alle 09:06   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

Gestire e valorizzare le risorse culturali. I percorsi della Luiss Business School

RISORSE CULTURALI E SVILUPPO DEL TERRITORIO
ARTS & HERITAGE MANAGEMENT

RISORSE CULTURALI E SVILUPPO DEL TERRITORIO
in programma dal 18 ottobre
Corso destinato a: Assessori, funzionari e dirigenti delle Regioni e degli Enti Locali preposti alle aree cultura, sport, spettacolo, politiche giovanili, politiche sociali, comunicazione e istruzione; progettisti, valutatori e professionisti che operano in Fondazioni e Associazioni culturali; consulenti esterni delle amministrazioni locali.
Al termine del corso i partecipanti avranno sviluppato e acquisito: competenze in materia di finanziamento, progettazione, gestione, organizzazione e nuove tecnologie; approcci innovativi al disegno dell'azione pubblica in materia di arte e cultura; competenze analitiche ai fini del monitoraggio e della valutazione dell'impatto economico della cultura.

ARTS & HERITAGE MANAGEMENT
in programma dal 23 ottobre
Corso destinato a giovani laureati e laureandi in tutte le discipline universitarie, che ha l'obiettivo di trasferire competenze gestionali, progettuali e imprenditoriali, per operare all'interno di Istituzioni Pubbliche e Aziende Private nella gestione del patrimonio artistico e culturale.
L'attività didattica troverà completezza nella possibilità di partecipare ad uno stage presso strutture pubbliche o private del settore quali musei, pinacoteche, gallerie, centri espositivi, palazzi, fondazioni, associazioni culturali, istituzioni pubbliche e aziende. L'iscrizione al Corso è subordinata al superamento della prova di selezione, costituita da un test psicoattitudinale e da un colloquio tecnico/motivazionale.



Per maggiori informazioni sui programmi e sulle modalità di iscrizione:
lbs@luiss.it
Tel: 0685222.256 - 240
www.lbs.luiss.it
Luiss Business School
Divisione di Luiss Guido Carli
Via Yser, 18
00198 Roma




Messaggio di Gino il mercoledì 6 settembre 2006 alle 13:23   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote
 mda
milan mda event
2006 

mdaevent ti invita all’Opening dello speciale evento
della rassegna Week-Art 2006
abbinata al concorso VOTA ARTISTA 2006

PeacePerformances

Art/Cocktail/Mixer - VideoArtPerformance - CriticalInterview
Calendario   Archivio



Location: Via Montegani 68 - Milano
Opening : dom. 17 Settembre h.18.00
Ingresso: libero
Parcheggio: interno


MM2 - Fermata Abbiategrasso
Tram: 3

Testimonianze di pace universale rappresentate dalle opere d'arte figurativa di Paola Campi e Antonino Passeggiato, presentate dal prof. Franco Migliaccio, esposte fino a fine ottobre in contemporanea al Makia e Maison España di Milano.
È prevista proiezione ArtVideoPerformance, Cocktail-Vernissage e momenti d'incontro con il pubblico e la stampa.
Interverranno,
Claudio Elli che presenterà il suo ultimo libro "Gwenhwyfar", il prof. Gabriele Mandel Vicario generale per Italia della Confraternita Sufi Jerrahy Halvetie, con la proiezione di filmato: "Il sufismo: la via verso la pace", e la partecipazione straordinaria del prof. Fakhraddin Gafarov (direttore emerito del Conservatorio di Stato di Baku), che presenterà dei brani inediti eseguiti con gli antichi strumenti tar e saz.
 credits info join 
Per non ricevere più queste news rispondi CANCELLAMI, con lo stesso indirizzo mail col quale le ricevi.


Messaggio di Gino il giovedì 7 settembre 2006 alle 10:27   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

Per la Notte Bianca Jean-Baptiste Ganne a Villa Medici

CHE FARE? INSTALLAZIONE LUMINOSA DI JEAN-BAPTISTE GANNE

a partire dall' 8 settembre, 5 giorni non-stop | visibile in particolar modo dopo il tramonto e tutta la notte | accademia di francia | roma


Sarà dalla finestra di una camera dell'Accademia di Francia, di fronte alla città di Roma, che una lampada rossa leggerà, a partire dall'8 settembre 2006, in codice morse luminoso, "Che fare ?", il testo che Lenine scrisse nel 1902 per rispondere alla propria interrogazione. Riconosciamo che la questione si pone, politicamente e esteticamente.

Il cinema di Godard ("Che cosa posso fare ? Non so cosa fare.") e quello di Moretti ("Che cosa significa, oggi, essere comunisti ?") tentarono di riformulare questa stessa domanda ma omisero il fatto che il "comunismo è il potere ai sovietici più l'elettrificazione". Conserveremo quindi l'elettrificazione, più lenitiva (e altrettanto leninista). Si tratta di chiedersi cosa può diventare questo ideale rivoluzionario in un mondo macchina dove il gigantesco progetto di elettrificazione sarebbe ridotto ad un timido lampeggiamento da una finestra isolata (e cosa dire del potere ai sovietici menzionato sopra?). Sarà quindi un'alternanza di segnali corti e lunghi che leggerà questa risposta alle domande brucianti che si pone ogni rivoluzionario che sa decifrare il morse. Per gli altri, questo potrebbe evocare loro o l'impossibilità stessa di questa rivoluzione, o la bellezza delle lettere che Gramsci scrisse dal carcere à Tatiana, Julca o Tania.

Le attività culturali dell'Accademia di Francia a Roma sono realizzate sotto l'alto patrocinio del Ministère de la culture et de la communication e grazie al sostegno di Air France.



Che fare?
venerdì 8 e sabato 9 settembre 2006
Académie de France à Rome - Villa Medici
Viale Trinità dei Monti, 1 - Roma
www.villamedici.it
Ufficio stampa: Avril Cassanas
Tel +39 06 67 61 291
Fax fax +39 06 67 61 243
stampa@villamedici.it
Ufficio Comunicazione: Muriel Sautour
communication@villamedici.it





Messaggio di Gino il giovedì 7 settembre 2006 alle 10:28   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

notizie del 6/9/2006



CITTÀ AL MICROSCOPIO
Al via la decima edizione della Biennale di Architettura. Venezia diventa il luogo della riflessione sul costruire come atto sociale, sul rapporto tra le città e chi le abita, sulle dinamiche di sviluppo e sulle esigenze di sostenibilità. Il DNA dello spazio umano urbanizzato viene messo al microscopio. L'analisi sarà accurata? E quali saranno i risultati? [leggi]

fino al 24.IX.2006
XII Biennale Internazionale di Scultura
Carrara, sedi varie

Torna la Biennale di Scultura a Carrara: la patria del marmo e dell'anarchia. E finalmente si abbandonano le polemiche per lasciare spazio all'arte. Grazie ad una buona regia e ad una "provvidenziale" alluvione. [leggi]

fino al 1.X.2006
Ugo Malvano
Torino, Archivio di Stato

Una nuova presenza all'interno della storia dell'arte della fine dell'Ottocento e i primi cinquant'anni del Novecento. Un'antologica a Torino consacra Malvano tra i grandi nomi dell'ambito torinese... [leggi]

libri_architettura
Architettura e urbanistica dell'età di Murat
(electa napoli 2006)

Quando eravamo progressisti. Per davvero. Un riformismo a passo di carica, quello dei napoleonidi napoletani, cui bastarono dieci anni per cambiare i connotati alla città... [leggi]

fino al 26.IX.2006
Salento Negramaro. Africani in Africa
Lecce, San Francesco della Scarpa

Partendo da Lilanga, il Picasso d'Africa, attraverso la più accattivante arte selvaggia. Un variopinto viaggio nell'Africa Nera sposa lo splendore delle architetture leccesi. [leggi]

in fumo_vitamina f
Il ritorno di Snake Agent

Stefano Tamburini aveva usato già la fotocopiatrice per riprodurre gli sfondi dei primi episodi di Rank Xerox apparso su Il Cannibale e poi su Il Male e Frigidaire. Gli esperimenti continuarono. E nacque il capolavoro... [leggi]


Exibart.radio del 6/9/2006



> la tate modern presenta destricted, viaggio di sette videostar fra arte e pornografia.
> anche le arti visive festeggiano il decennale del festivaletteratura di mantova.


gli eventi di oggi: (7/9/2006)



...si svolgono in giornata
Venezia, Massimo Capo - Proiezioni info...
  [quotamare]



...vernissage di oggi
Cagliari, In-Sedia-menti info...
  [exma']

Firenze, Andrea Dami - Leonardo: The Lake That Never Was info...
  [saci - palazzo dei cartelloni]

Jesolo, Damiano Fasso info...
  [ristorante lido 18]

Lugano, Arte Contemporanea Africana info...
  [nerart]

Milano, Goya - I Capricci info...
  [galleria bellinzona]

Milano, Le visioni del corpo info...
  [galleria 9 colonne spe]

Napoli, Lawrence Weiner info...
  [galleria alfonso artiaco]

Padova, Domenico Polato - Sarajevo 1996 immagini post guerra info...
  [godenda photo gallery]

Potenza, Nove artisti Nove - Matera info...
  [santo graal]

Prato, Corrispondenze info...
  [c.arte prato - centro per l'arte contemporanea luigi pecci]

Prato, Videominutopoptv 2006 info...
  [c.arte prato - centro per l'arte contemporanea luigi pecci]

Roma, Metamorphoseon info...
  [neo art gallery]

Rovereto, Una relazione possibile. La vicenda del rapporto arte/artigianato info...
  [mart]

Teulada, Primo Pantoli info...
  [casa baronale]

Torino, Dario Lanzardo - L'eterno gioco del doppio info...
  [sala bolaffi]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Argentina info...
  [arsenale]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Armenia info...
  [palazzo zenobio - collegio armeno]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Australia info...
  [giardini di castello]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Austria info...
  [ikona gallery - international school of photography]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Belgio info...
  [giardini di castello]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Brasile info...
  [giardini di castello]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Canada info...
  [giardini di castello]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Celebrazione delle Città 2: Un'idea per la Città info...
  [unesco - palazzo zorzi]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Chinascape_Shanghai info...
  [arsenale]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Cile info...
  [palazzo zenobio - collegio armeno]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Città. Architettura e società info...
  [arsenale]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Colombia info...
  [palazzo zenobio - collegio armeno]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Croazia info...
  [giardini di castello]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Dalla Favela alla Città Parametrica info...
  [ikona gallery - international school of photography]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Danimarca info...
  [giardini di castello]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Egitto info...
  [giardini di castello]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Finlandia info...
  [giardini di castello]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Georgia info...
  [chiesetta di san gallo]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Giappone info...
  [giardini di castello]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Gran Bretagna info...
  [giardini di castello]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Grecia info...
  [giardini di castello]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Irlanda info...
  [giardini di castello]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Israele info...
  [giardini di castello]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Lettonia info...
  [arsenale]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Lussemburgo info...
  [archivio del contemporaneo - asac]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Macedonia info...
  [palazzo zenobio - collegio armeno]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - MAXXI cantiere d'autore - Workscape info...
  [giardini di castello]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Olanda info...
  [giardini di castello]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Paesi Nordici info...
  [giardini di castello]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Polonia info...
  [giardini di castello]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Portogallo info...
  [giardini di castello]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Repubblica Ceca e Repubblica Slovacca info...
  [giardini di castello]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Repubblica del Sudafrica info...
  [giardini di castello]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Repubblica di Cipro info...
  [libreria mondadori]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Repubblica di Corea info...
  [giardini di castello]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Repubblica Popolare Cinese info...
  [giardini di castello]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Romania info...
  [giardini di castello]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Russia info...
  [giardini di castello]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Serbia e Montenegro info...
  [giardini di castello]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Singapore info...
  [chiesa e istituto di santa maria della pieta']

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Spagna info...
  [giardini di castello]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Stati Uniti d'America info...
  [giardini di castello]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Svizzera info...
  [giardini di castello]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Ungheria info...
  [giardini di castello]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Uruguay info...
  [giardini di castello]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Venezuela info...
  [giardini di castello]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Vice Versa: displacing Acts, Lives & Thresholds of a Hyper City from Hong Kong, China info...
  [arsenale]

Venezia, Judi Harvest - Venetian Satellite info...
  [caffe' florian]

Venezia, Venezia Immagine info...
  [isola di san servolo]




Messaggio di Gino il giovedì 7 settembre 2006 alle 10:35   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

Mostra in evidenza



Messaggio di Gino il giovedì 7 settembre 2006 alle 16:37   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

Martedì 12 settembre
Bruno Agolini, mostra di pittura
"Tra parentesi trasparenti".



Bruno Agolini, napoletano, nato in Scozia nel 1954, residente in Francia, ha sviluppato un linguaggio artistico spontaneo e molto personale.

Una grafica minuziosa fa da supporto a complesse rappresentazioni oniriche e magiche, nelle quali oggetti e personaggi apparentemente banali tessono una fitta rete di relazioni, inattese e sorprendenti.

Espone in Italia e in Francia. Le riviste Artesian, Le Journal des amis d’Ozenda, Raw Vision, hanno parlato di lui. Una delle sue opere fa parte della collezione parallela del Museo L’Aracine di Lille. La raccolta recente di opere, Parentesi trasparenti, che espone alla Picagallery, realizzate su carta, tra il 2005 e il 2006, sempre con lo stesso stile compositivo, quasi da antico miniatore, si lascia ammirare sia per la trasparenza del colore che per l’assemblaggio di simboli complessi e affascinanti ad un tempo da scoprire meglio con una lettura più attenta.

La mostra si chiude il 26 settembre 2006

 

Picagallery - via Vetriera 16, 80132 Napoli
081426507 - 3337388329

pick@picagallery.it



Messaggio di Gino il giovedì 7 settembre 2006 alle 19:07   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

FLASH ART NEWSLETTER

Una fiera che è una grande festa dell'arte, riservata ad artisti singoli e a gallerie private a un costo simbolico:

Sardegna Arte Fiera 2 (seconda Edizione)
dal 6 all'11 Ottobre 2006

Cagliari, Stabilimento balneare il Lido


Dopo il successo della scorsa edizione, la Sardegna Arte Fiera (SAF) si ripropone con la stessa freschezza e originalità: infatti più che una fiera è una festa dell'arte e della cultura in uno scenario unico, Il Lido, storico stabilimento balneare di Cagliari, trasformato anche quest'anno in un immenso atelier sul mare.

Lo staff di Sardegna Arte Fiera è già all'opera per creare anche quest'anno una proposta che si apra ai linguaggi contemporanei più diversi: pittura, scultura, installazioni, video, musica, teatro e poesia.

La manifestazione prevede la partecipazione di gallerie d'arte, associazioni culturali, Accademie d'arte, singoli artisti, allievi di accademie. Una particolare attenzione sarà posta ai Progetti curatoriali.

Sardegna Arte Fiera si svolgerà dal 6 all' 11 ottobre (orario di apertura: 10.00-22.00), con ingresso gratuito, nell' area dello Stabilimento balneare Il Lido. Si prevede un'affluenza di almeno 10 mila persone.

La formula è molto curiosa e divertente: una cabina a ogni artista.
Ciascuno potrà essere presente con una piccola personale, disponendo di 18 mq di pareti e 6mq di superficie coperta calpestabile.
Inoltre saranno messi a disposizione spazi esterni alle cabine (tunnel o spiaggia) dove poter realizzare performnaces o installazioni speciali..
Sarà curata la pubblicazione di un catalogo ad ampia diffusione ove ogni artista sarà presente con una scheda informativa ed una foto a colori di una delle opere esposte.


LE MODALITA' DI PARTECIPAZIONE
Gli interessati dovranno presentare una proposta espositiva corredata da un breve curriculum artistico e da foto di proprie opere.
Una volta selezionati, i partecipanti dovranno compilare ed inviare il modulo di partecipazione disponibile sul sito internet (www.sardegnaartefiera.it.) con allegata copia della ricevuta del versamento della quota d'iscrizione, pari a 300 euro per l'utilizzo di una cabina o 100 euro per l'utilizzo degli spazi esterni (tunnel e spiaggia).

Quest'anno è previsto uno sconto per tutti gli studenti, che potranno usufruire della cabina al modico costo di 100 euro.

Il versamento dovrà essere fatto sul c.c.p. n. 61582417- ABI 07601- CAB 04800 intestato ad Associazione Culturale Artegiovane Via dei Genovesi 48 - 09124 Cagliari.

INFORMAZIONI E ADESIONI

Per ulteriori informazioni contattare la segreteria all'indirizzo email segreteria@sardegnaartefiera.it o consultare il sito internet www.sardegnaartefiera.it.


Coordinatrice SAF:
Francesca Sassu
Cell. 3402640505 email: francescasassu@sardegnaartefiera.it



Messaggio di Gino il venerdì 8 settembre 2006 alle 08:50   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

notizie del 7/9/2006



VENEZIA vs ORLEANS
La critica architettonica ha ancora poche ore per pianificare il proprio trasloco in massa sulla laguna. E solo qualche giorno per rendersi poi disponibile al cambio di punto di vista che verrà offerto da Archilab-Orléans 2006. Vademecum per l'autunno in mostra. [leggi]

fino al 24.IX.2006
Superstar. 99 miti del '900
Milano, Palazzo Reale

A Palazzo Reale a Milano una grande rassegna fotografica ripropone gli eroi, le icone e i personaggi mitici del Novecento. Novantanove immagini uniche e inconfondibili. Stampate nella memoria collettiva... [leggi]

fino al 22.X.2006
I Turchi in Europa
Palmanova (ud), Caserma Montesanto

Una città storica commemora l'evento dell'anno: l'avvicinamento politico alla Turchia. E come lo fa? Ricordando i tempi in cui Palma venne eretta a difesa contro il pericolo ottomano. [leggi]

fino al 26.IX.2006
Pedro Cano - Omaggio a Calvino
Andria (ba), Castel del Monte

L'immaginario si materializza, per poi smaterializzarsi nelle velature di 55 acquerelli. I sogni di Cano sposano lo spazio immaginato da Calvino, in un possibile viaggio senza meta, di odori e colori. [leggi]

decibel_ascoltàti
Urkuma / Vegetable Orchestra / Gregg Kowalsky

Favole di animali che suonano l'arpa, cavolini di bruxelles e patate soniche, texture ambientali e drones sottili. Queste alcune novità discografiche più e meno recenti. Tra Europa e Stati Uniti... [leggi]

sezioni_didattiche
Pinacoteca Provinciale di Bari

In un panorama che si arricchisce ogni giorno di nuove proposte ed iniziative, c'è chi fa didattica da oltre trent'anni. Siamo a Bari con Clara Gelao, responsabile del servizio educativo della pinacoteca provinciale. [leggi]


gli eventi di oggi: (8/9/2006)



...si svolgono in giornata
Napoli, Senza censura info...
  [lanificio 25]

Roma, Giuseppe Chiari e Piero Mottola - performance info...
  [studio stefania miscetti]

Torino, Miele #14 info...
  [cafe' liber]

Venezia, Artexperience 2006 - City-Sense. Perceptual Landscapes/Sensorial Saturation info...
  [telecom italia future centre]

Venezia, Lucio Fontana - Catalogo ragionato info...
  [collezione peggy guggenheim]



...vernissage di oggi
Bellinzona, Giulia Fonti info...
  [galleria balmelli arte contemporanea]

Benevento, Mario Ciaramella info...
  [pescatore architettura e design]

Bolzano, Transart 2006 info...
  [sedi varie]

Bolzano, Transart 2006 - Michael Fliri info...
  [goethe2]

Conegliano, Lino Dinetto - Elegantia info...
  [palazzo sarcinelli]

Firenze, Manfredi - Autobiografia della Memoria info...
  [archivio di stato]

Grizzana Morandi, I Trionfi dei Tarocchi nel mondo info...
  [centro di documentazione giorgio morandi - fienili]

Isola Delle Femmine, IsolaVideo info...
  [sedi varie]

Marina di Massa, Collettiva info...
  [apt]

Pescara, Pablosax - Album di famiglia info...
  [ecoteca]

Roma, angeli & angeli info...
  [castel sant'angelo]

Roma, Angelo Bonello - Il Luxometro info...
  [riva ostiense]

Roma, Floriano Ippoliti - Tratti dell'anima info...
  [palazzo venezia]

Roma, Generazionalmente II info...
  [galleria d'arte contemporanea edarcom europa]

Roma, Hugo Pratt - Corto Maltese info...
  [complesso del vittoriano]

Roma, Imper-attori romani info...
  [studio rovo arte contemporanea]

Roma, Jean-Baptiste Ganne info...
  [villa medici - accademia di francia]

Roma, Kimono: tradizione e contaminazione info...
  [atelier gloria gobbi]

Roma, Lorenzo Casali - Hungária Fürdõ info...
  [spazio senzatitolo]

Roma, L'idea prende forma info...
  [galleria il narciso]

Roma, Massimo Fiorini / Emiddio Aloia - Là giu nel mare scorgo delle sirene info...
  [invisible sun pub]

Roma, Tra-monti 2006 - Emergenti info...
  [rione monti]

Roma, Vespe nella Notte info...
  [pancaldi artecontemporanea]

Traversetolo, Goya e la tradizione italiana info...
  [fondazione magnani-rocca]

Trieste, Massimo Gardone - Black flowers info...
  [galleria minimal]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Austria info...
  [giardini di castello]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Cile info...
  [palazzo zenobio - collegio armeno]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Città di Pietra info...
  [arsenale]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Francia info...
  [giardini di castello]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Germania info...
  [giardini di castello]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Islanda info...
  [chiesa e istituto di santa maria della pieta']

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Italia-y-2026. Invito a Vema info...
  [arsenale]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Premio Internazionale Dedalo Minosse alla Committenza di Architettura 2005-2006 info...
  [giardini di castello]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Repubblica di Cipro info...
  [libreria mondadori]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Repubblica di Slovenia info...
  [galleria a+a]

Venezia, GlasDressing info...
  [ca' rezzonico - museo del settecento veneziano]

Venezia, Il Paradiso di Tintoretto. Un concorso per Palazzo Ducale info...
  [palazzo ducale]

Venezia, Joyce Kozloff - Voyages + Targets info...
  [spazio thetis]

Venezia, MADe in China info...
  [museo diocesano d'arte sacra - ex convento sant'apollonia]

Venezia, Teste di fantasia del Settecento veneziano info...
  [galleria di palazzo cini]

Venezia, Valentina Poggi - L'esperienza sulla pelle info...
  [slinky gallery]

Vitulano, I tre moschettieri info...
  [giamaart studio]




Messaggio di Gino il venerdì 8 settembre 2006 alle 08:53   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

Continua la retrospettiva di Thomas Ruff alla Fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia

THE GRAMMAR OF PHOTOGRAPHY

fino al 15 ottobre 2006 | a cura di filippo maggia | fondazione bevilacqua la masa | galleria piazza san marco | palazzetto tito, dorsoduro | venezia


La Fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia sta ospitando la prima importante mostra retrospettiva in Italia del fotografo tedesco Thomas Ruff. La rassegna è curata da Filippo Maggia, responsabile per la Fotografia della Fondazione Bevilacqua La Masa. La duplice esposizione si svolge nelle due sedi della Fondazione, la galleria di piazza San Marco e lo spazio espositivo di Palazzetto Tito.
La mostra si presenta come il primo appuntamento ad offrire una visione complessiva del lavoro dell'artista tedesco e si propone, come già quella dedicata a Philip Lorca di Corcia e la prossima retrospettiva su Yasumasa Moritura (2007), come ulteriore dimostrazione dell'interesse che la Fondazione Bevilacqua La Masa sta sviluppando per il linguaggio fotografico.
La retrospettiva comprende una sostanziosa selezione di opere tratte dalle sue più celebri serie, fra cui i "Portraits" in piccolo e grande formato, con la variante dei "Blue Eyes", i notturni metallici da "Nights", i cieli stellati di "Stars", i più recenti "Nudes" e "Machines", fino agli utlimi "Jpeg" presentati alla 51ma Biennale di Venezia. Tra opere in piccolo, medio e grande formato sono previste a Venezia circa 120 opere.
Noto al grande pubblico fin dalla metà degli anni Ottanta per i grandi ritratti di studenti suoi coetanei, l'artista tedesco è da sempre fine sperimentatore del mezzo fotografico e delle sue numerose possibili declinazioni. Ruff si distingue da altri fotografi tedeschi della sua generazione - sovente accomunati sotto la dicitura "Scuola di Dusseldorf" - proprio per la sua capacità e determinazione nel cambiare metodo e approccio al linguaggio fotografico: sono i suoi soggetti a determinare nuove indagini e inaspettate soluzioni stilistiche. Partendo infatti dal presupposto che la fotografia sia in grado di catturare solamente la superficie delle cose, "l'autenticità di una realtà prestabilita e manipolata", Ruff volge tutto il suo interesse alla costruzione dell'immagine ed alla sua manipolazione durante i processi di stampa. Ne è riprova la sua predilezione per il colore a scapito del bianco e nero asciutto, caratteristica che cambia completamente la tradizione della fotografia documentaristica.

The Grammar of Photography è il titolo non casuale della retrospettiva a lui dedicata. Si tratta di una selezione di 120 lavori che tracciano un percorso pressoché completo della sua produzione, dalla metà degli anni Ottanta sino ad oggi. Una vera e propria "grammatica" della fotografia ove, capitolo dopo capitolo, Ruff si esercita in sperimentazioni linguistiche che provano a rileggere, ogni volta attualizzandolo e contestualizzandolo, il codice fotografico. In mostra compare infatti una serie di immagini "stereo" e di ritratti "ritoccati" realizzati secondo la tecnica in uso a metà Ottocento. Un percorso che parte quindi dai primi e innovativi ritratti - primi piani dei compagni di accademia, dopo qualche anno esplosi nei grandi formati che lo hanno reso celebre in tutto il mondo - per proseguire con l'infinità dei cieli puntellati di stelle e delle notti spiate attraverso la metallica luce verde delle ottiche in uso ai militari, sino alle serie realizzate negli ultimi anni, in cui prepotentemente l'immagine tecnologica, con tutte le sue declinazioni, sfonda, dilatandolo, il campo fotografico tradizionale, per creare link decisamente sorprendenti. Nonostante ciò, Ruff guarda sempre ai fondamenti del linguaggio fotografico, riconducendo innanzitutto ad esso ogni nuovo ragionamento, teorico ancor prima che tecnologico. Così si spiegano la serie "Abstract" e ancor più l'incredibile e commovente lavoro dedicato alle "Macchine" in uso presso le tipografie, come del resto i "Nudi" scaricati dal web e "ridipinti" su pellicola. Quasi fosse una sorta di riassunto epocale, che parte dalla sua esperienza ma si confronta con il mondo intorno, l'ultima serie JPG - ampiamente rappresentata in mostra e nel catalogo - racchiude in sé molti degli elementi che hanno da sempre caratterizzato il lavoro di Ruff. Accanto alla bellezza misteriosa di lontani siti archeologici o al romanticismo languido di alcuni paesaggi campeggiano severe le immagini della Cecenia, vulcani che eruttano, frammenti drammatici dell'11 settembre newyorkese. Un nuovo modo, esasperato forse, di rileggere le tipologie del mondo senza mai scostarsi da quella tradizione e da quell'approccio tipici della grande fotografia tedesca, oggi senza alcun dubbio la maggior espressione esistente. Non deve stupire, allora, che dopo il breve interregno di Jeff Wall, l'Accademia di Dusseldorf abbia voluto Thomas Ruff per la cattedra appartenuta per decenni a Bernd Becher.



Titolo: Thomas Ruff - The Grammar of Photography
Fino al 15 ottobre 2006
Ingresso: tutti i giorni, chiuso il martedì, 12.00-18.00; Intero 3 ?, Ridotto 2 ?
Galleria di piazza San Marco 71/c
Palazzetto Tito, Dorsoduro. Venezia
Informazioni: Giorgia Gallina, Francesca Volpato
Ufficio stampa Fondazione Bevilacqua La Masa
press@bevilacqualamasa.it
0039.041.5207797
Dorsoduro 2826, 30123 Venezia




Messaggio di Gino il sabato 9 settembre 2006 alle 08:57   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

notizie del 8/9/2006



ROMA, ESTERNO NOTTE
Torna la notte insonne della capitale. Alla sua quarta edizione, la nottata più lunga e movimentata dell'anno è ormai un appuntamento irrinunciabile. Mentre si aprono musei, gallerie, palazzi e negozi, e mentre la città si riempie di concerti, proiezioni e spettacoli, un gigante di ferro sta a guardare. Messo in ghingheri per l'occasione. È il Gazometro, vero e proprio monumento dell'era industriale. Super-illuminato... [leggi]

fino al 10.IX.2006
New York, New York
Montecarlo, Grimaldi Forum

La belva ferita dall'11 settembre 2001 ritorna in tutto il suo splendore. Celebrata e ricordata in una grande mostra nel principato di Monaco. Con l'eleganza e l'esperienza di due curatori d'eccezione. [leggi]

fino al 13.XI.2006
Fabrizio Boschi
Firenze, Casa Buonarroti

Un uomo di natura "spiacevole, inquieta e collerica". Un'immagine che ha a lungo messo in ombra il pittore, precoce nell'introdurre a Firenze il naturalismo romano e la sensualità di Rubens... [leggi]

arteatro_interviste
Jérôme Bel/ Pichet Klunchun and myself

In tour mondiale con la sua ultima pièce, Pichet Klunchun and myself, da Berlino a Milano, Jérôme Bel mette in scena una "prova a porte aperte" per indagare il concetto di intercultura. Lo abbiamo incontrato. [leggi]

exibinterviste - la giovane arte
Giacinto Occhionero

La fuliggine del plexiglas e la Roma che non t'aspetti. Aereografi, ventilatori per dipingere e un'ex fabbrica di detergenti (che più affollata non si può). La parola a un artista che parla. Parecchio. [leggi]


Exibart.radio del 8/9/2006



> biennalearchitettura, e fu padiglione italia. banalmente.
> biennale architettura, grandi ospiti per la serata artexperience by domus academy.
> e voi chi preferite? musei-attivatori o musei-attrattori? sul prossimo exibart.onpaper.
> nasce a terni cortofonino, il primo festival di cortometraggi realizzati col videofonino.


gli eventi di oggi: (9/9/2006)



...si svolgono in giornata
Como, Senti chi parla! I Musei si presentano info...
  [palazzo del broletto]

Roma, Don't Sleep..Live Art! info...
  [vicolo del bollo]

Roma, La notte dei sogni info...
  [palazzo barberini]

Roma, Paola Goldoni info...
  [agave bistrot - libreria]

Roma, Sleep-No Sleep info...
  [chiesa del santo volto di gesu']

Roma, Studio Azzurro - Dove va tutta 'sta gente info...
  [galleria alberto sordi]

Roma, Viedram info...
  [ied - istituto europeo di design 2]

Scicli, Buongiorno notte info...
  [galleria koine' scicli]



...vernissage di oggi
Albano Sant'Alessandro, Stefania Scarnati - Corallidi info...
  [la galleria outlet center]

Albissola Marina, Luiso Sturla - Le pulsioni romantiche di Sturla info...
  [galleria d'arte anna osemont]

Arezzo, Naturalità info...
  [galleria comunale - palazzo chianini-vincenzi]

Ascoli Piceno, Generazionalmente II info...
  [galleria d'arte la sfinge malaspina]

Barolo, L'immagine svelata info...
  [castello falletti - enoteca regionale del barolo]

Belvedere Marittimo, Generazionalmente II info...
  [galleria il faro]

Bergamo, Bunker info...
  [sala viscontea]

Biella, Bruno Beccaro - Volti per caso info...
  [galleria sant'angelo]

Bogliasco, Enrico Sirello - Prima del quadro info...
  [ulisse]

Burago Di Molgora, Enrico Lazzini - Faemina info...
  [sala consiliare]

Busca, Claudio Massucco info...
  [galleria soqquadro]

Cagliari, Valentina M - 2 ans info...
  [studio 20 arte contemporanea]

Cherasco, Gianpaolo Cantelmo - La mia Natura info...
  [evvivanoe']

Civitanova Marche, Paola Iannone info...
  [contemporaneamente arte]

Feltre, Feltreartecontemporanea 2006 info...
  [sedi varie]

Ferrara, Rosie Lawrence info...
  [palazzo san crispino]

Firenze, Streetquarter info...
  [ambasciata di marte]

Forio, Cinzia Fiaschi - Colorinmovimento info...
  [galleria del monte arte contemporanea]

Garbagnate Milanese, Sentieri dell'Arte 2006 info...
  [sedi varie]

Gavi, Alice Belcredi info...
  [gaviteca - castellari bergaglio]

La Morra, Roberto Marchetto - Le forme nascoste info...
  [cantina comunale]

Lesa, Sonja Quarone - Qui, altrove....un tempo info...
  [excalibur arte contemporanea]

Lucca, Giorgio Ulivi - Coloreria info...
  [galleria d'arte contemporanea giò art]

Manciano, Claudio Castelli - Sinestesi analogico-generative info...
  [teatro montemerano]

Merano, Sound Zero info...
  [kunst meran/o arte]

Milano, Fiorella Iori - Costellazioni info...
  [club francesco conti]

Milano, Rinko Kawauchi - Aila info...
  [galleria carla sozzani]

Modena, Fotografia di strada info...
  [fotomuseo giuseppe panini]

Montecatini Terme, Massimo Biagi / Giorgio Bertozzi info...
  [accademia d'arte - pinacoteca]

Palermo, Kals'art festival 2006 - Girato a Palermo info...
  [ex deposito locomotive di sant'erasmo]

Pavia, Golgi, architetto del cervello info...
  [museo della tecnica elettrica - nuovi istituti universitari]

Pietrasanta, Gianfranco Stacchi / Cristiana Cravanzola info...
  [chiostro di san francesco]

Pistoia, MaiMao info...
  [collezione gori - fattoria di celle]

Pontassieve, XV Rassegna Incontri d'Arte - Lisa Nocentini info...
  [la barbagianna]

Portobuffolè, Nord-Est: artisti a confronto info...
  [casa gaia da camino]

Rimini, Paola Filipucci - Ri/velarsi info...
  [galleria dell'immagine]

Roma, Architetture del bianco info...
  [mlac - museo laboratorio di arte contemporanea]

Roma, Carlo Dell'Amico - Città trafitta. Stella, sposa, Roma-amoR al cioccolato info...
  [mlac - museo laboratorio di arte contemporanea]

Roma, David Fagioli - Una sola non basta in gran tempesta info...
  [galleria ugo ferranti]

Roma, Emanuele Biagioni - L'Emozione della Realtà info...
  [galleria tartaglia arte]

Roma, Freak dolls info...
  [galleria stella]

Roma, Generazionalmente II info...
  [galleria consorti]

Roma, Giuseppe Chiari e Piero Mottola - Opere ed emissioni info...
  [studio stefania miscetti]

Roma, Jordan Samper - Visioni urbane info...
  [accademia del superfluo - cappella orsini]

Roma, Kabukie info...
  [istituto giapponese di cultura]

Roma, Le stanze segrete info...
  [biblioteca corviale]

Roma, Notturno Saviniano 2006 info...
  [liceo artistico statale e biblioteca multimediale alberto savinio]

Roma, The night watchmen info...
  [real academia de espana]

Roma, Ydra, il femminile specchiato, il femminile sognato info...
  [tad conceptstore]

San Benedetto Del Tronto, Generazionalmente II info...
  [galleria genus]

San Gimignano, Art in Park 2006 - Armanda Verdirame info...
  [hotel villa san paolo]

Simeri Crichi, Luca Alinari / Antonio Possenti info...
  [villaggio valtur]

Sondrio, Neo iconica info...
  [galleria camaver kunsthaus]

Thiene, Maurizio Bottoni info...
  [ex tinaia - villa fabris]

Varese, Temalibero info...
  [sala veratti]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Estonia info...
  [associazione culturale spiazzi]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - No.RA. Nordic Research Application info...
  [isola di san servolo]

Venezia, Antonio Dei Rossi - Murrine d'Oro VestiTele info...
  [galleria arte daniele luchetta]

Vernasca, Jack in the box info...
  [oratorio della madonna delle grazie]

Volterra, Luoghi d'incontro info...
  [pinacoteca - palazzo minucci solaini]




Messaggio di Gino il sabato 9 settembre 2006 alle 08:59   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

Il Settecento in mostra alla Galleria di Palazzo Cini a San Vio a Venezia

TESTE DI FANTASIA DEL SETTECENTO VENEZIANO

inaugurazione venerdì 8 settembre | ore 18.00 | a cura di giuseppe pavanello e renzo mangili | galleria di palazzo cini a san vio | venezia


Dal 9 settembre 2006 Palazzo Cini a San Vio riapre al pubblico con una mostra dedicata alle Teste di Fantasia del Settecento Veneziano, organizzata dall'Istituto di Storia dell'Arte della Fondazione Giorgio Cini in collaborazione con CapitalArt.
La mostra, a cura di Giuseppe Pavanello e Renzo Mangili, vede esposta una serie di "teste di fantasia" o "teste di carattere", opere di numerosi artisti attivi a Venezia nel Settecento: circa trenta tele, parte di una collezione omogenea costituita tra la fine del Seicento e fine Settecento che formava il singolare parato decorativo di una sala del Castello di Somma Lombardo (in provincia di Varese), proprietà dei Visconti di Modrone.

Il nucleo più consistente è stato recentemente ritrovato, ancora indiviso, in una collezione privata, mentre il resto è stato pazientemente rintracciato in altre ubicazioni, anche museali. Emblematico il caso di uno dei Tiepolo della serie, il Ragazzo con libro del Museum of Art di New Orleans, scorporato dall'insieme all'inizio del Novecento e, fino a ieri, unico titolo noto.
La collezione del Castello di Somma Lombardo ha una peculiarità: il committente fece ricorso, per il suo programma intitolato alla 'testa di fantasia', ad artisti a lui contemporanei, diversi per stile e per fama, ma tutti attivi nella capitale della Serenissima.
Il puro elenco degli artisti, presenti nella serie "Visconti" con una o più opere ed esposti a San Vio, suggerisce l'importanza storica ed estetica del florilegio: Pietro Bellotti, Sebastiano Ricci, Silvestro Manaigo, Bortolo Litterini, Antonio Pellegrini, Girolamo Brusaferro, Santo Piatti, Nicola Grassi, Francesco Polazzo, Giambattista Piazzetta, Egidio Dall'Oglio, Giuseppe Nogari, Giambattista Pittoni, Gaspare Diziani, Bartolomeo Nazzari, Giambattista Mariotti, Felicita Sartori, Nazario Nazzari, Mattia Bortoloni, Giambattista Tiepolo, Giacomo Ceruti, Pietro Longhi, Giambettino Cignaroli, Francesco Fontebasso, Jacopo Marieschi, Domenico Maggiotto, Giuseppe Angeli, Alessandro Longhi, Giambattista Mengardi, Francesco Maggiotto, Giuseppe De Gobbis, Saverio Dalla Rosa.

La mostra Teste di Fantasia del Settecento Veneziano ricostruisce quindi il prezioso ciclo disperso e fornisce l'occasione per approfondire un capitolo poco sondato dell'arte settecentesca.



Teste di Fantasia del Settecento Veneziano
Dal 9 settembre al 22 ottobre 2006
Orari di apertura: Tutti i giorni 10.00-13.00 e 15.30-18.30. Chiuso il lunedì
Ingresso alla Galleria di Palazzo Cini: Intero ? 6.50 Ridotto ? 5.50 (studenti fino ai 26 anni; over 65; residenti del comune di Venezia; titolari Venice Card)
Catalogo: Marsilio Editori
La mostra Teste di fantasia del Settecento veneziano è stata organizzata con il sostegno della Regione del Veneto.
Informazioni:
Istituto di Storia dell'Arte Fondazione Giorgio Cini
tel. 041 2710230
fax 041 5205842
arte@cini.it
www.cini.it




Messaggio di Gino il lunedì 11 settembre 2006 alle 08:47   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

gli eventi di oggi: (10/9/2006)



...vernissage di oggi
Castellammare Di Stabia, Rassarch 2006 info...
  [pontile porto davide]

Cavaso Del Tomba, Milvia Turrini - NaturaLmente info...
  [asolo golf club]

Padula, Ortus Artis 2006 info...
  [certosa di san lorenzo]

Palermo, Natalie Rossi - La Santuzza info...
  [santuario di montepellegrino]

Roma, Una vita per l'Africa info...
  [auditorium - parco della musica]

Seriate, Luigi Facchinetti Forlani - Scappare con l'anima info...
  [palazzo comunale]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Habitar Portugal 2003-2005 info...
  [fondaco marcello]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Project Belgrade: Transition-ism info...
  [scoletta di s. giovanni battista e del ss. sacramento]

Venezia, Franco Cimitan - Il cuore della civetta info...
  [galleria santo stefano]

Venezia, L'ultima torre info...
  [torre dell'orologio - palazzo ferretto]

Venezia, Space and Empty info...
  [teatro junghans]




Messaggio di Gino il lunedì 11 settembre 2006 alle 08:47   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

gli eventi di oggi: (11/9/2006)



...vernissage di oggi
Capri, Pasquale Cipolletta - Al richiamo della luce info...
  [municipio]

Genova, Mario Napoli - New York: 11 settembre info...
  [sheraton hotel]

Palermo, Daniela Lupi info...
  [galleria d'arte contemporanea garage]

Torino, Variazioni info...
  [universita' degli studi - ii facolta' di architettura - castello del valentino]

Venezia, B.Zarro - Michael Angel's , la Pietas universale info...
  [stazione ferroviaria santa lucia]




Messaggio di Gino il lunedì 11 settembre 2006 alle 08:52   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

Gulay Alpay Solo Exhibition
September 8 - 17, 2006
 
 
 
 
 
Curator: Tchera Niyego
 
Location: Turkish Center - Culture and Tourism Office Gallery, 821 United Nations Plaza - New York, NY 10017
 
more details: www.gulayalpay.com
 
NY Gershwin Hotel invited Gulay Alpay for 2006 Artists in Residence program. She will show at Gershwin Art gallery her silk pop art painting during September.
 
Gulay Alpay has a group show “doodle” at Broadway Gallery in New York.
 
“Gulay Alpay’s work crosses barriers of language and culture, speaking of the universal appreciation for nature’s beauty. Her heart-felt commitment inspires us all.” (Meltem Onhon, Director, Turkish Culture and Tourism Office, New York)
 
“Gulay Alpay’s work displays delicacy and fragility, revealing a deep respect for something fundamental; some primal, indigenous sense of shape and color, yet she creates with bursts of contemporary idioms. Her paintings are playful, spirited, freeform and deceptively complex. There’s not a single corner, hard edged, geometric line to be found in her composition, instead the shapes are as fluid as the submerged sounds that fuel her imagination. There are connections to Sigmar Polk, Arshile Gorky, Kandinsky, Pollock, De Kooning, and less obvious, Josef Beuys. Alpay’s oeuvre is organic, her shapes biomorphic.
The fact that almost all of her work is on silk is itself a trademark, a signature. Some of the work is unframed, hung like a banner suggesting freedom of material and color; the form does not confine them. On the other hand, when the works are framed, she places a layer of foam behind them that stretches the silk into deeper curves, extending the shape and colors. This method gives it a playful, satirical, even Pop-arty, dimension. Like taking a piece of exotic tapestry or embroidered pillow case fabric and framing it to the wall, Alpay plays with the boundaries between craft and fine art. It is humorous and ironic, and in the end you take notice: you are surprised by its beauty and grace. (Abraham Lubelski)
 
Gulay Alpay’s work displays delicacy and fragility, revealing a deep respect for something fundamental, some primal, indigenous sense of shape and color, yet she creates with bursts of contemporary idioms. Her paintings are playful, spirited, freeform and deceptively complex. There’s not a single corner, hard edged, geometric line to be found in her composition, instead the shapes are as fluid as the submerged sounds that fuel her imagination.
There are connections to Sigmar Polk, Arshile Gorky, Kandinsky, Pollock, De Kooning, and less obvious, Josef Beuys.
Alpay’s oeuvre is organic, her shapes biomorphic. In her latest series, she’s inspired to save the whales, but the images are part of the abstract motifs with occasional words and phrases that are distractions from an otherwise controlled, well-articulated, passionate technique. It has been ten years since Alpay was initially inspired by the songs of whales, and her work has become freer and more experimental since this point.
The fact that almost all of her work is on silk is itself a trademark, a signature. Some of the work is unframed, hung like a banner suggesting freedom of material and color; the form does not confine them. On the other hand, when the works are framed, she places a layer of foam behind them that stretches the silk into deeper curves, extending the shape and colors. This method gives it a playful, satirical, even Pop-arty, dimension. Like taking a piece of exotic tapestry or embroidered pillow case fabric and framing it to the wall, Alpay plays with the boundaries between craft and fine art. It is humorous and ironic, and in the end you take notice: you are surprised by its beauty and grace. (Abraham Lubelski)
 
writer-criticer-artist: Yilmaz Zenger
I have seen the paintings of Gülay the first time in New York in Broadway Gallery’s archive. At first glance the material used have confused my mind: Silk. Besides, it carried me to my own past, to the silky dresses we have produced with Güler Umur. They had been hand-painted. Painting silk is inister. It is completely different from painting on canvas. It is a must on dressings, but here why as a peinture? First I thought maybe Gülay expects a kind of experimentalism for the form of the painting. But, where it reaches now -in her own words- the transparency and light-reflect ability of silk gives value to the painting as one can look at the paintings both from inside and outside. Gülay finds her material special and valuable due to its thin transparent texture, reflect ability of light, hard to get wrinkled, easy going with silk ink, openness to the spontaneous surprises… giving opportunity and freedom for big scale works, being light and easy to transform… presenting different material choices from canvas… easy to exhibit and most of all the best for the things Gülay wants to show. She loves her material, and thinks about it as a magical material upon which she can reflect her spontaneous expressions of her energy and spirit immediately.
 
It is obvious that she doesn’t intend to present paintings in the ordinary way.  The carriers of art objects aren’t considered important, we don’t put them in the design process. Gülay turns this upside down and gives the best place to the carrier. Thus her paintings take the long way till she gets her brush in her hand. Besides, she says that she finishes the painting in her head before she begins to paint with brush. She says she works very fast and without break once she begins. Her paintings approve this speed and continuity as well. The paintings define the needs as they appear. Forms appear, articulate in this process and the content is vowen just like a silk. As a result, this extraordinary speed takes her mind after her hand and the paint produces itself by almost being woven on Gülay’s loom. An orgasm with all spontaneous sensitivities out of will -colours, calligraphy, but under control by the experience. Almost a physical satisfaction. A sharp conflict between the material and the content.
 
According to Gülay, her last work is an illuminated, transparent painting room for her paintings. Well. This definition clears her analysis upon the painting and audience relation. The two dimension of painting follows another here in this image-carousal surrounding the audience where she arrived with her instinct of passing over of the painting plane. In short, this micro cosmos which have been formed by the differentiation of relations with the paintings, forms a 3rd dimension which the relations call a mental benefit into being. She says that there will be the sounds of whales in the room -the original recordings of Jim Nollman. The audience will be able to walk in and around the art object. I think that music is the right support for this 3rd dimension. The desire for painting big scales is like an emulation to the productivity of a documentary camera. The so-called space is a clear definiton, almost cinematographicaly.... In short these are her dreams on the projection of painting.
 
If we come to the content of the paintings of Gülay, I am afraid that my knowledge of perception and design will be out of service. I feel in a place where I m not totally competent and I can tell about my feelings in the name of being an audience.
 
She is a professional painter who have stabilized, completed her way of painting, in the literal sense. When it comes to the content of the painting, experimentalism have been pushed back where it had to be. The analogy in her paintings is a product of this dignity. Why she says that “my painting involves concepts beyond the classical senses of time and space.. It is as if there is more than one space and time and where one finishes, the other begins is also unknown’’, and why she tightly holds on to the two dimension is maybe because of the pressure of our traditional art. It is also possible to say that her effort for third dimension is also a reaction to this pressure. Abraham Lubelsky defines her position in the painting cosmos as playful, satirical, even Pop-arty and he adds "Like taking a piece of exotic tapestry or embroidered pillow case fabric and framing it to the wall, Alpay plays with the boundaries between craft and fine art. It is humorous and ironic’’, “There are connections to Sigmar Polk, Arshile Gorky, Kandinsky, Pollock, De Kooning, and less obvious, Josef Beuys."
 



Messaggio di Gino il lunedì 11 settembre 2006 alle 08:56   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

IED: che corso vuoi dare alla tua vita?

ISTITUTO EUROPEO DI DESIGN

Da quarant'anni l'Istituto Europeo di Design opera nel campo della Formazione e della Ricerca, nelle discipline del Design, della Moda, delle Arti Visive e della Comunicazione.

Oggi è un Network Internazionale in continua espansione, con Sedi a Milano, Roma, Torino, Madrid, Barcellona e São Paulo, che offre un servizio di formazione completo, teorico e pratico, ai giovani creativi che si affacciano alle nuove professioni emergenti.

Dal 1966 IED ha sviluppato una metodologia didattica innovativa e diversificata, incentrata sulla cultura del progetto, sulla sinergia tra tecnologia e sperimentazione, creatività, strategia e comunicazione integrata, aspetti di mercato e nuove professionalità.

Le Scuole di "Sistema IED"
IED Moda Lab, IED Design, IED Arti Visive e IED Comunicazione
sono le Scuole di "Sistema IED" , realtà complete nella struttura e nell'offerta in costante complementarità, che rispondono alle esigenze del mondo del lavoro, attraverso percorsi didattici mirati alle reali necessità dei settori di riferimento, unificate dalla comune cultura del progetto.

Ogni scuola offre un'ampia offerta formativa: corsi triennali post-diploma, master e corsi di aggiornamento e specializzazione. I Corsi Triennali Post Diploma sono pensati per coloro che vogliono acquisire una conoscenza completa del processo creativo nella disciplina scelta e forniscono strumenti efficaci per inserirsi con sicurezza nel mondo del lavoro. I Corsi di Aggiornamento e Specializzazione si rivolgono a chi, gia in possesso di una preparazione culturale di base nel settore di interesse, desideri approfondire o aggiornarsi su temi specifici. Per chi vuole, invece, acquisire competenze specialistiche in settori nei quali abbia gia una formazione accademica e professionale l'Istituto offre una ampia selezione di Master, Corsi di Formazione Avanzata e Research Study Program.

I Master IED

I Master e i corsi di formazione avanzata organizzati dall'Istituto Europeo di design si rivolgono a laureandi, neolaureati, operatori aziendali e professionisti che desiderano acquisire o approfondire una competenza specifica nelle aree del design, della comunicazione, del marketing e della multimedialità.
La struttura didattica scelta per raggiungere questi obiettivi si basa su un armonico rapporto tra teoria e pratica che consente ai partecipanti, attraverso esercitazioni e simulazioni su case history, di sviluppare competenze a livello pratico operativo.
Le lezioni sono tenute da professionisti di rilievo del mondo del design, dello spettacolo e della comunicazione, provenienti in gran parte da studi professionali di rilievo e aziende leader di settore, che sono i partner per la realizzazione dei nostri master.
Per stabilire un contatto diretto con il mondo del lavoro e mettere in pratica gli strumenti operativi appresi in stretta connessione con l'evoluzione dei diversi settori, l'Istituto offre la possibilità di effettuare stage presso le principali realtà di riferimento. La frequenza dei corsi prevede formule weekend o full time, particolarmente adatte per chi è gia entrato nel mondo professionale.
Dal 2002 l'istituto propone i Master Research Study Program (RSP) , percorsi di ricerca a tempo pieno caratterizzati da approfondimenti specializzanti in aree disciplinari, che hanno assunto, oggi, una propria identità e che richiedono professionisti altamente qualificati, che svolgano la propria attività di progettisti in ambiti specifici rispetto ai tradizionali campi di applicazione professionale.

Master RSP (Annuali)
Sono percorsi di ricerca a tempo pieno, di durata annuale, caratterizzati da uno stretto rapporto di collaborazione con aziende che supportano attivamente lo sviluppo di progetti sperimentali nei campi e nelle competenze specifiche acquisite in questi anni da ciascuna sede dell'Istituto.

Master
Corsi master a tempo pieno, con formula semestrale o annuale, della durata minima di 400 ore. Sono particolarmente indicati per studenti laureati e professionisti che intendono approfondire le loro competenze su argomenti specifici attraverso l'esperienza progettuale.
Corsi di Formazione Avanzata
Corsi di diversi livelli e durata, dalla Specializzazione all'Alta Formazione. Erogati in formula full time o week end, diurna o serale, sono particolarmente adatti a chi è già inserito nel mondo professionale.

Fra i corsi previsti per l'anno accademico 2006/2007 segnaliamo

DESIGN
Interior Design RSP- Milano
Industrial Design for sport extreme design RSP - Torino
Interior Design Master - Roma
Food Design - Progettare i modi e i luoghi del cibo Master - Roma
Interior Yacht Design FA - Roma

ARTI VISIVE
Packaging Design RSP - Milano
Graphic Design Management Master - Milano
Videogame Design Master - Milano
Graphic Design - Direzione e progettazione creativa FA - Roma
Web Design e strategy FA -Roma

MODA
Beauty & SPA Management RSP - Milano
Fashion And Textile Design RSP - Milano
Marketing per i beni di lusso Master - Roma
Stylist per lo spettacolo Master - Roma
Fashion Show FA - Milano

COMUNICAZIONE
Events Management RSP - Milano
Progettazione Editoriale - Dall'ideazione alle strategie di marketing e comunicazione RSP - Torino
Comuinicazione d'Impresa e relazioni pubbliche Master - Milano
Comunicazione e Marketing Master - Roma
Scrittura Pubblicitaria FA - Roma



Per maggiori info www.iedmaster.it



Messaggio di Gino il martedì 12 settembre 2006 alle 08:44   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

notizie del 11/9/2006



TOTONAPOLI
Riunioni, divorzi e nozze coi fichi secchi a Napoli. E mentre l'ufficio di ri-collocamento della Regione lavora a pieno regime, al Pan si profila un cambio della guardia. A costo (quasi) zero... [leggi]

fino al 15.X.2006
Alberto Viani
Matera, Chiese rupestri

In occasione del centenario della nascita, Matera dedica a Viani una straordinaria antologica. E i cunicoli oscuri di un cenobio rupestre s'illuminano del mistero delle forme pure, monumentali e potenti... [leggi]

resoconto
Mirades paraŀleles
Barcellona, MNAC

A confronto fotografi italiani e spagnoli del secondo dopoguerra. Due paesi in costruzione. Due identità gemelle e diversissime. Miseria e nobiltà nell'obiettivo senza filtri di due generazioni di reporter. [leggi]

fino al 15.IX.2006
Steven Gontarski/ Michael Anderson
Napoli, Changing Role

Convergenze parallele in un clima distensivo, paradigmi culturali a confronto. Tra un modello basato su un sistema artistico di prelievo e una ricetta produttiva efficace, il passo è breve. [leggi]

fino al 27.IX.2006
Andrea Contin - Lu pisce
Padova, Ex-Scuderie di Palazzo Moroni

Il mare, l'amore, la morte. Una canzone di Modugno in sottofondo. E la storia di un pesce spada che rinuncia alla vita. Andrea Contin si fa pescatore. E racconta storie di flutti e sentimenti... [leggi]

fino al 5.X.2006
Dahmane - Nude Mood
Roma, Mondo Bizzarro

Erotismo no-limits. Perché la courbetiana origine del mondo è anche l'origine di tutte le sue depravazioni. Ma senza scandalo. Purché l'immagine sia raffinata ed elegante. [leggi]

exiwebart_project
Chattando con l'aldilà

Internet come Dio. Novello oracolo dei nostri giorni. Un progetto tencologico firmato da un artista sfida lo spettatore ad intraprendere una conversazione con lo spirito della Rete. Archeologia mediale e fascino del paranormale... [leggi]


Exibart.radio del 11/9/2006



> biennalearchitettura, la gara francia-germania a chi ce l'ha più alto.
> writers internazionali in rassegna a modena, per la quinta edizione di icone.
> festival di palazzo venezia, fra i documentari d'arte c'è anche un "grand tour" d'autore.


gli eventi di oggi: (12/9/2006)



...vernissage di oggi
Como, Linee di fuga info...
  [milly pozzi arte contemporanea]

Locarno, 1/4 Century info...
  [fondazione patrizio patelli]

Milano, Elisabetta Rogai - Genesi info...
  [galleria schubert]

Milano, Ichiro Fukuscima - Zappa e pennello info...
  [milarte]

Milano, Luciano Minguzzi - Materia viva info...
  [associazione culturale renzo cortina]

Milano, Nicolò Quirico - Il Bestiario dell'Ora Blu info...
  [lifegate cafe']

Napoli, Bruno Agolini - Tra parentesi trasparenti info...
  [picagallery]

Parma, Luca Piola - Inshallah info...
  [galleria san ludovico]

Roma, Città d'ascolto info...
  [galleria la pigna - palazzo maffei marescotti]

Roma, Facce da cinema info...
  [palazzo venezia]

Roma, Osservazione 2006 - info...
  [studio arte fuori centro]

Roma, Stefano Bolcato info...
  [caffetteria dart - chiostro del bramante]

Terni, I volti dell'acqua info...
  [videocentro - ex officine bosco]

Torino, Duilio Gambino - Hollywood Party info...
  [cinefolies]

Torino, Keiko Goto - Luminosità info...
  [libreria agora']

Verona, Mantegna e le Arti a Verona 1450-1500 info...
  [municipio - palazzo della gran guardia]




Messaggio di Gino il martedì 12 settembre 2006 alle 08:47   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

Yayoi Kusama per la prima volta alla Galleria Civica di Modena

YAYOI KUSAMA. METAMORFOSI

inaugurazione 16 settembre | ore 12 | a cura di angela vettese con milovan farronato | galleria civica | modena


La Galleria Civica di Modena ospita la prima mostra personale di Yayoi Kusama in un museo italiano: inaugura infatti sabato 16 settembre alle 12 alla Palazzina dei Giardini in c.so Canalgrande a Modena la mostra "Yayoi Kusama. Metamorfosi", a cura di Angela Vettese con Milovan Farronato. La rassegna si inaugura contemporaneamente alla personale dell'artista svizzero Ugo Rondinone.

Progettata dall'artista medesima, la mostra si compone di installazioni ambientali, quadri e sculture oggettuali. Lo spettatore si troverà all'interno di un ambiente oscurato, nel quale sono stati distribuiti punti di colore illuminati: un modo per rendere appariscente quanto possa essere allucinato un semplice locale domestico, oppure camminerà in una stanza fatta di forme biomorfe e trasformata in un divertente labirinto, per giungere poi ai quadri in cui l'artista dipinge con maniacalità i suoi cerchietti o riempie scatole, scarpe, contenitori improbabili di piccole forme inquietanti, come microrganismi che ci assediano e come piccole escrescenze che crescono senza controllo. Ecco allora che emergono i fulcri su cui è disegnata l'esposizione e l'intera produzione dell'artista: l'odio/amore per il controllo, appunto, ma anche il fare manuale e la creatività in generale come antidoto all'ansia.

Persa dentro a un puntino e moltiplicata da muri di specchi: è così che vediamo Yayoi Kusama, la più importante artista giapponese vivente. Il fatto è che a Tokyo, negli anni Cinquanta, era difficile essere una ragazza con desideri di originalità e indipendenza. Sostenuta da un narcisismo divertito ma devastata da una sensibilità ossessionata, spinta dal desiderio di porsi allo stesso livello dei maschi, aiutata dal suo talento multiforme, Yayoi Kusama se ne andò negli Stati Uniti dove visse tra il 1957 e il 1973. Inserita nel fermento artistico di New York, non si sottrasse ad happening per la pace in Vietnam e soprattutto per l'autonomia femminile. Malgrado abbia girato film, redatto riviste e partecipato ad attività sperimentali di ogni tipo, il suo lavoro è ampiamente riconoscibile per l'utilizzo di pallini, reticoli, specchi e tutto ciò che mette in crisi la percezione, comunicando il suo disagio con opere che generano da una parte un vissuto giocoso, dall'altra una perdita dell'orientamento. La sua poetica si è comunque incrociata con quella di molti protagonisti del nostro tempo: ricordiamo le collaborazioni col musicista Peter Gabriel, con il fotografo Nobuyoshi Araki, con lo stilista Issey Miyake. Dopo la vasta notorietà raggiunta grazie a mostre tenute nei maggiori musei del mondo, in Italia l'hanno resa particolarmente nota le sue partecipazioni alla Biennale di Venezia, nel 1966 e nel 1993, quando fu scelta come rappresentante per la propria nazione d'origine: la ragazzina ribelle aveva vinto, anche se forse a prezzo del proprio stesso equilibrio.



YAYOI KUSAMA. Metamorfosi
Dal 15 settembre 2006 al 7 gennaio 2207
Palazzina dei Giardini. Galleria Civica di Modena
c.so Canalgrande, Modena
Info: Tel. +39 059 2032911, 2032940
fax 2032932
Orari: da martedì a venerdì 10,30 -13,00; 15,00 -18,00 sabato, domenica e festivi 10,30 -18,00. Chiuso il lunedì, 15,16 e 17 settembre, in occasione del festivalfilosofia 2006, apertura dalle 9,00 alle 23,00
Organizzazione e Produzione: Galleria Civica di Modena e Fondazione Cassa di Risparmio di Modena
Immagine: YAYIOI KUSAMA, Video Room, 2001, Installation view: Solo exhibition "Yayioi Kusama" at Maison de la culture du Japon, Paris ©Yayoi Kusama





Messaggio di Gino il martedì 12 settembre 2006 alle 09:47   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

Il mare bagna Napoli e la sua Notte Bianca: per la seconda edizione di quello che si propone come il più importante appuntamento internazionale della città, il tema sarà "Il Mediterraneo, un mare di cultura".

Anticipata da alcune iniziative che si svolgeranno nei due giorni precedenti, l’edizione 2006 della Notte Bianca di Napoli si terrà il prossimo sabato 30 settembre. L’intera città si prepara, sulla scorta dell’esperienza maturata l’anno scorso, ad accogliere e far vivere suoni, sguardi e gesti di artisti di differenti origini e culture.
Da sempre, Napoli, con il suo porto ed il suo profilo geografico, è l’approdo naturale dei popoli, delle culture e delle tradizioni provenienti dai Paesi che si affacciano sul Mediterraneo.

Questa sua innata vocazione l’ha resa, nei secoli, un esempio tra i più significativi di come i linguaggi di culture diverse si incontrino e si mescolino generando espressioni artistiche uniche e irripetibili. E, in occasione della Notte Bianca, sugli oltre cento palcoscenici della città, nelle piazze, per le strade, fra i monumenti, quei linguaggi si mostreranno, si confronteranno, si contamineranno, cercando e riconoscendo in se stessi le matrici comuni, le assonanze e le differenze.

Per l’occasione, dunque, Napoli si apre al mare e mare essa stessa diventa, accogliendo, nel cuore delle sue municipalità, le espressioni artistiche dei vari Paesi del Mediterraneo: l’area nord della città riceverà i metissages francesi e i ritmi dispari provenienti dai Balcani; la zona orientale incontrerà le tradizioni della Grecia, della Turchia, del Libano, della Siria, dell’Albania e di Cipro; le municipalità a sud ospiteranno le storie dolenti e il futuro di speranze di Israele e Palestina, l’incanto dell’Egitto e il fascino di Libia e Tunisia; ad ovest giungeranno i profumi del Maghreb e i colori della penisola iberica. Ovunque, poi, l’Italia e le tradizioni del suo teatro, della sua musica, della sua danza, dal Salento alla Sicilia, dalla tammorra alla pizzica, fino a Napoli e alle mille espressioni della sua arte.

Tre continenti sbarcheranno in città: la molteplicità delle culture in perenne mutamento dei Paesi dell’Europa meridionale; il mistero del Nord Africa che, seppure tanto presente nelle radici più profonde del nostro DNA culturale, può apparire oggi, più di ieri, lontano, diverso o addirittura incomprensibile; le dolorose contraddizioni e la storia densa del Medio Oriente asiatico.

Culture che verranno declinate sotto le diverse latitudini, coniugate al passato, al presente e al futuro.

Culture che si incontreranno e si confonderanno, senza paura di perdersi.
Tutte insieme, tutte in una notte, tutte rappresentate sul palcoscenico di una città che, per una notte, diventa teatro.

Diventa mare, un mare di cultura.

Info:

http://www.nottebiancanapoli.com/



Messaggio di Gino il mercoledì 13 settembre 2006 alle 09:38   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

notizie del 12/9/2006



BIENNALE STATISTICA
Città. Architettura e società mette in mostra i grandi numeri, i processi urbani ricevono rappresentazioni ad effetto accentuate dalla scala logaritmica. La progettazione architettonica, scansata già dal tema, non riesce a riapparire propositivamente se non attraverso poche modalità radicali. Alla Biennale d'Architettura del 2006 troppa statistica e poco progetto. [leggi]

fino al 20.IX.2006
Dennis Oppenheim
Roma, Volume!

Dal passato al presente, dagli spazi pubblici a quelli privati di una non galleria. Per cambiare la percezione del contesto, attraverso un processo cognitivo disturbante e disturbato. E con un marchingegno. [leggi]

fino al 27.X.2006
Sarah Ciracì - Ying yang bang
Napoli, Blindarte

Opere d'arte tecnologicamente eleganti trattano, con tagliente ironia, le angosce dell'uomo moderno. Sarah Ciracì invita l'uomo a prendere coscienza di sé stesso. Parlando di un atomo. [leggi]

design_tendenze
Il luogo ambiguo del progettare

Non ci sono più cose ma solo trasformazioni. Immersi in un ambiente instabile, i giovani designer pensano oggetti che aiutino a resistere oppure a sciogliersi nella trasformazione. In ogni caso, sembrano più a loro agio nel porre domande fluide... [leggi]

infumo_vitamina f
Se il fumetto è fai-da-te

Il principio è abbastanza semplice: ci si connette al sito, si scaricano gratuitamente i fumetti, una volta scaricati si leggono e tutto può finire lì. Oppure si può stamparli: ognuno sceglie in che ordine raccogliere le storie, su che carta stampare e come rilegare il tutto... [leggi]

fino al 29.IX.2006
Marco Acquafredda
Siena, Accademia dei Fisiocritici

Il viaggio evolutivo e temporale affrontato attraverso un inedito percorso fatto di animali realizzati in corda. Così Marco Acquafredda interviene in un museo di storia naturale. Nella sezione zoologica, naturalmente... [leggi]


Exibart.radio del 12/9/2006



> da tremlett ad ann veronica janssens, la ricca stagione del ventennale per alfonso artiaco.
> da gerhard richter a mircea cantor. enwezor presenta la seconda biennale di siviglia.
> immaginare corviale. documentario della fondazione olivetti al docfest di palazzo venezia.


gli eventi di oggi: (13/9/2006)



...vernissage di oggi
Firenze, Il ponte sul Mediterraneo info...
  [museo di storia naturale]

Mantova, Mantegna a Mantova 1460-1506 info...
  [palazzo te]

Milano, Emilio Colella - ObraZone info...
  [obraz]

Milano, Giorgio Tonti info...
  [libreria bocca]

Milano, Henri Cartier-Bresson - Biografia di uno sguardo info...
  [photology]

Milano, Il lavoro inciso info...
  [fondazione stelline - palazzo delle stelline]

Milano, Michele Tria - L'elegia del nudo info...
  [circolo della stampa - palazzo serbelloni]

Milano, Textile files: dall'archivio di Massimo Osti info...
  [la rinascente]

Padova, Mantegna e Padova 1445-1460 info...
  [musei civici agli eremitani]

Potenza, Elisa Laraia - Identity Exchange info...
  [pinacoteca provinciale]

Roma, Officina emiliana info...
  [musei capitolini]

Terni, Elia Cosimi - Il Silenzio del Ferro info...
  [palazzo gazzoli - pinacoteca comunale]

Vado Ligure, Arte per la vita 2006: Colori e Futuro info...
  [villa groppallo]

Venezia, Margarita Andreu - Annotare info...
  [galleria michela rizzo]




Messaggio di Gino il mercoledì 13 settembre 2006 alle 18:09   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

Ugo Rondinone torna alla Galleria Civica di Modena

UGO RONDINONE. GIORNI FELICI

inaugurazione 16 settembre | ore 12 | a cura di milovan farronato con angela vettese | galleria civica | modena


Dopo aver partecipato alla collettiva "EGOmania", Ugo Rondinone torna alla Galleria Civica di Modena con la sua prima personale in un museo italiano intitolata "Ugo Rondinone. Giorni Felici", curata da Milovan Farronato con Angela Vettese.
La mostra inaugurerà a Palazzo Santa Margherita sabato 16 settembre alle ore 12, contemporaneamente alla personale dedicata a Yayoi Kusama. Rondinone presenta una serie di lavori inediti - alcuni dei quali pensati appositamente per Modena.
Ugo Rondinone è stato definito un artista visionario intrappolato nella realtà. La sua poetica infatti, che fa uso di stili e tecniche che contemplano la fotografia e la scultura, la pittura e altri mezzi, ci permette di entrare in un suo mondo interiore, dominato da melanconia e rassegnazione. Alla Galleria Civica di Modena lo spettatore sarà sospinto tra poderose pareti oblique specchianti variamente istoriate dall'artista con tenui disegni; dovrà fronteggiare muraglie spigolose e aggressive che forse nascondono nel loro interno immagini e rivelazioni o forse intendono dare forma al vuoto. Dovrà seguire attraverso oltre trecento fotografie in bianco e nero con accompagnamento sonoro una ricerca sentimentale che sembra naufragare: due figure infatti si rincorrono e si cercano in uno scenario ovattato dalla neve senza mai trovarsi, percorrendo costantemente direzioni opposte.
Metaforicamente, ogni sua mostra si dipana come un corridoio su cui si affacciano varie porte che conducono ad altrettante stanze e ad altrettanti ingressi, dove si incontrano emozioni e stati d'animo differenti: dall'armonia allo sconforto, alla sensazione di essere vittima di continue metamorfosi. Tra i suoi paesaggi, i suoi clown abbandonati per terra, i suoi alberi tridimensionali bianchi, le sue colonne sonore minimali, il visitatore può sentirsi come disorientato e perso in un labirinto mentale. Rondinone è come un viaggiatore capace di trattenere a sé e riportare agli altri le proprie memorie; che si tratti di un fitto groviglio di rami e fogliame o di una distesa infinita di acque calme, egli mostra sempre un senso di arrendevolezza di fronte alla vita, alla sua grandezza, alla responsabilità che ci impone l'essere uomini. Nessuna sfida in questo modo di intendere l'esistenza, ma piuttosto un'accettazione del nostro destino sia dolce che malinconica.



UGO RONDINONE. Giorni felici
Dal 15 settembre 2006 al 7 gennaio 2207
Palazzo Santa Margherita, Galleria Civica di Modena
c.so Canalgrande 103, Modena
Orari: da martedì a venerdì 10,30 -13,00; 15,00 -18,00 sabato, domenica e festivi 10,30 -18,00. Chiuso il lunedì 15,16 e 17 settembre, in occasione del festivalfilosofia 2006, apertura dalle 9,00 alle 23,00
Info: Tel. +39 059 2032911, 2032940
fax 2032932
Organizzazione e Produzione: Galleria Civica di Modena e Fondazione Cassa di Risparmio di Modena
Immagine: sunrise, october 2004, calco in alluminio, cast aluminium. Courtesy Galerie Eva Presenhuber, Zürich




Messaggio di Gino il mercoledì 13 settembre 2006 alle 18:11   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

Identità territoriale e sviluppo. Corso di alta formazione all'Istituto Luigi Sturzo

PROGETTARE UN DISTRETTO CULTURALE:
FINANZIAMENTI, STRUMENTI, MODELLI DI GESTIONE

2-3-4-5-6 ottobre 2006 | istituto luigi sturzo | palazzo baldassini | via delle coppelle 35 | roma


La nuova e aggiornata edizione del corso "Progettare un distretto culturale: finanziamenti, strumenti, modelli di gestione" si propone di fornire gli strumenti necessari per la progettazione di un distretto culturale inteso come modello di sviluppo economico-sociale di un territorio, basato sulla valorizzazione delle risorse identitarie e sull'attivazione di sinergie innovative tra gli attori locali.

In un mondo di crescente competitività dei luoghi e dei territori, le comunità sono alla ricerca delle proprie specificità culturali, come elemento distintivo per uno sviluppo armonioso e durevole. In questo scenario il modello del distretto, ponendo l'identità locale al centro delle dinamiche sociali e produttive, può rappresentare un'opportunità per la costruzione di sistemi territoriali unici capaci di innescare processi di crescita sostenibile.

Il corso è rivolto a funzionari e dirigenti degli Enti Locali, operatori culturali, agenti di sviluppo, consulenti e laureati in discipline umanistiche, economiche e giuridiche. L'approccio metodologico prevede lavori di gruppo per favorire una progettazione partecipata da parte dei corsisti. Il progetto formativo trova completezza nella possibilità per ogni partecipante di lavorare concretamente ad un'idea progetto attraverso la quale analizzare in che modo il patrimonio identitario rappresenti un fattore di sviluppo.

La quota di partecipazione è di ? 500,00. Le iscrizioni scadono il 28 settembre 2006.



Corso di alta formazione: Progettare un distretto culturale: finanziamenti, strumenti, modelli di gestione.
Il programma e la scheda di iscrizione sono scaricabili dal sito www.sturzo.it
Per maggiori informazioni è possibile contattare il numero di telefono 06.6840421, oppure scrivere a corsi@sturzo.it




Messaggio di Gino il mercoledì 13 settembre 2006 alle 19:23   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

Notte Bianca in Accademia...

 

Pittura, Scultura, scenografia, Fotografia, VideoArte, Performance

Mostre Proiezioni Musica e tanto divertimento!!

La Consulta Studentesca dell'Accademia di Belle Arti di Napoli vi invita a partecipare alla selezione di opere a tema libero per le mostre che si organizzeranno in occasione della " Notte Bianca " del 29 Settembre 2006 negli spazi dell' Accademia.

I partecipanti potranno inviare - cd audio - ( per selezione musicale ), foto delle opere in formato JPG o progetti entro il 15 Settembre 2006 all'indirizzo @mail consulta@libero.it o far pervenire le opere direttamente nell'aula n° 7 della Consulta Stedentesca aperta nei giorni 4-7-11-13-15 Settembre dalle ore 11.00 alle ore 12.00 specificando generalità, corso e anno di appartenenza.

 

Per info sull'evento :

Pako : 3398417133

Di Maro: 3287188019

Formisano: 3291659267

Zaccariello : 3333094333

 

Per Info VideoArte:

Spagnuolo : 3491273914

 

Per Info Performance:

Agresta : 3395872361




Messaggio di Gino il giovedì 14 settembre 2006 alle 09:15   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

notizie del 13/9/2006



I NUOVI CONQUISTADORES
L'Istituto Cervantes, istituzione che diffonde all'estero la cultura iberica, apre a Palermo. In un'antica chiesa spagnola, finalmente restaurata e dedicata alla promozione dell'ispanica cultura. Si parte con una mostra. Diciassette artisti dalla collezione Caja de Burgos sbarcano in Sicilia, che torna terra di Borbone... [leggi]

fino all'8.X.2006
Pio II. La città, le arti
Siena, Palazzo Squarcialupi

Enea Silvio Piccolomini: papa, studioso umanista, amante e mecenate delle arti e dell'architettura. Ma soprattutto fautore di un grande rinnovamento, la svolta rinascimentale dell'arte senese... [leggi]

fino al 31.XII.2006
Transavanguardia
Man, Nuoro

Un'inversione di tendenza, alla fine degli anni settanta, determina la nascita della Trasavanguardia. Rivisitazione in chiave contemporanea di figurazione ed astrazione, tra recupero della manualità e citazionismo... [leggi]

fashion
I dj della moda

Uno coreografo-scenografo e l'altro architetto. Animano un marchio che remixa le schegge dei linguaggi della cultura del progetto. Un sito avventuroso, campagne-stampa azzeccate, il difetto come gioiello. Ecco a voi Frankie Morello. [leggi]

fino al 22.X.2006
Fotografia di strada
Modena, Fotomuseo Giuseppe Panini

Un evento che testimonia il forte legame tra l'Impero asburgico e la città emiliana. E mostra un'immagine di Vienna in corsa verso il progresso. Prima della caduta definitiva. [leggi]

fino al 15.X.2006
Francesco Pignatelli
Venezia, Flora Bigai

Rivedere i capolavori del Rinascimento con la luce e l'ombra che si scambiano di posto. È il Reversed Renaissance di Francesco Pignatelli. Dove le immagini si purificano. [leggi]


Exibart.radio del 13/9/2006



> obraz, nuova sede con una mostra di "ritratti di famiglia".
> istanbul design week, per sei giorni la creatività parla turco.


gli eventi di oggi: (14/9/2006)



...si svolgono in giornata
Venezia, Giornata d'incontri sul contemporaneo info...
  [fondazione querini stampalia]



...vernissage di oggi
Bologna, Artelibro Festival del Libro d'Arte 2006 info...
  [palazzo re enzo]

Bologna, Il Gruppo di Scicli info...
  [galleria forni]

Bologna, Il Segno nel Libro info...
  [palazzo d'accursio]

Bologna, Sala di consultazione info...
  [neon>campobase]

Eboli, >contest of contemporary art info...
  [complesso monumentale di san francesco]

Faenza, Renato Mambor / Concetto Pozzati info...
  [gam - galleria d'arte moderna e contemporanea]

Firenze, Botticelli, Verrocchio e oltre info...
  [istituto universitario olandese]

Firenze, Enrico Savelli - Al Centro dell'Essere info...
  [giardino di boboli]

Firenze, Reliquie del tempio di Buddha Maitreya info...
  [palazzo medici riccardi]

Forlì, Crisalide 2006 - Atto libero info...
  [sedi varie]

Milano, 15 volte 1 volto info...
  [spazioinmostra]

Milano, America info...
  [associazione sassetti cultura]

Milano, Effetto Atene info...
  [fondazione mudima]

Milano, Manuela Bedeschi - Silenzi info...
  [galleria cavenaghi arte]

Milano, Marco Petrus - Carnet di viaggio info...
  [libreria degli atellani]

Milano, Matteo Bertini - Our Space info...
  [room arte contemporanea]

Milano, Menchu Lamas - L'Ombra nella Mano. Il viaggio delle Forme info...
  [galleria credito valtellinese]

Milano, Olivier Richon info...
  [nepente art gallery]

Palermo, Loredana Longo - explosion#8/Sweets info...
  [francesco pantaleone artecontemporanea]

Rancate, Il segno della Scapigliatura info...
  [pinacoteca cantonale giovanni zust]

Roma, 3+1 info...
  [villa medici - accademia di francia]

Roma, Eterogenea #1 info...
  [akkademia dei prossimali]

Roma, Mimmo Frassineti - La strada dell'utopia. I graffiti di Via Tor di Nona info...
  [galleria luxardo]

Roma, Serse - Il cielo sopra il Cremlino info...
  [lipanjepuntin arte contemporanea]

Roma, Step in Step out #2 - Gianluca & Massimiliano De Serio info...
  [fondazione adriano olivetti]

Torino, L'arte nel tappeto info...
  [catartica arte contemporanea]

Venezia, La dolce vita a Venezia info...
  [la gaia scienza]

Venezia, Michèle Teysseyre info...
  [le bistrot de venise]




Messaggio di Gino il giovedì 14 settembre 2006 alle 09:17   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

Firenze. Sonorità elettroniche alla Leopolda

NEXTECH FESTIVAL. MUSICA ELETTRONICA E AMBIENTE VISIVO

21-23 settembre 2006 | dalle 18 a tarda notte | stazione leopolda | firenze


E' pronta al via la prima edizione di Nextech Festival, l'appuntamento dedicato alla musica elettronica ed al suo rapporto con le nuove forme dell'arte contemporanea.

Il festival si svolgerà dal 21 al 23 settembre presso la Stazione Leopolda, ed è realizzato da Musicus Concentus, Intooitiv, Stazione Leopolda Srl e Controradio, con il contributo dell'Assessorato alla Cultura del Comune di Firenze nell'ambito delle manifestazioni di FirenzEstate '06.

Nextech Festival illustra la centralità e la vitalità della scena musicale elettronica, senza dubbio il fenomeno più rilevante delle recenti cronache sonore, in grado di coinvolgere tanto gli interessati alle nuove tendenze, alla ricerca ed alla sperimentazione, quanto gli amanti dei "beat" dance.

Il programma di Nextech Festival si segnala per la sua ricchezza, dal 21 al 23 settembre, dall'ora dell'aperitivo a notte fonda. La Stazione Leopolda ospiterà circa venti appuntamenti tra concerti e dj set, oltre ad una serie di installazioni e videoproiezioni che animeranno le imponenti navate della Stazione Leopolda.

Tra gli ospiti del festival si segnalano: il 21 gli statunitensi Liars, Andi Toma dei Mouse On Mars, il 22 Ellen Allien & Apparat con "Orchestra Of Bubbles", Mirko di Lazy Fat People; il 23 celebrati dj quali Pascal Feos resident del Cocoon Club di Ibiza e Marc Houle, legato all'etichetta M-Nus di Richie Hatwin.

Di fianco alle illustri presenze internazionali Nextech Festival sottolinea il valore della scena musicale elettronica italiana contando sulle partecipazioni del collettivo ZimmerFrei e dei gruppi ¾ HadBeenEliminated e Drama Society, i romani Pigneto Quartet insieme ad opere di Davide Bertocchi, Deborah Ligorio, Christian Niccoli e Marco Samoré, raggruppate nel progetto "Pause" curato da Matteo Chini.
Nextech Festival inoltre rimarca la vitalità della scena musicale elettronica toscana, con le presenze di David Love Calò, Simone Fabbroni, Gabry Fasano, con David C. e Alex Redman, con Autobam, con Letizia Renzini aka Dj Molli.

Dalle ore 18 - con ingresso gratuito fino alle 21.30 e biglietti dai costi particolarmente contenuti per le attività notturne - Nextech Festival presenterà un percorso esplorativo tra le molte musiche elettroniche d'oggi, in una avvolgente alternanza di sonorità, immagini ed installazioni, tra vibranti battiti techno e delicate atmosfere minimal.



NEXTECH FESTIVAL. Musica elettronica e ambiente visivo
21-23 settembre 2006
Stazione Leopolda
viale Fratelli Rosselli, 5 Firenze
Dalle ore 18 a tarda notte
Realizzato da Musicus Concentus, Intooitiv, Stazione Leopolda Srl, Controradio, nell'ambito delle manifestazioni di FirenzEstate '06 dell'Assessorato alla Cultura del Comune di Firenze.
Biglietti: Ingresso libero dalle 18 alle 20.
21 e 22 settembre dalle 21.30 biglietti euro 13,00 (con consumazione) ridotti 10,0 - 23 settembre biglietti dalle 21.30 euro 20,00 (con consumazione) ridotti 15,00
Info tel. 055 287347
info@nextechfestival.com
www.nextechfestival.com




Messaggio di Gino il venerdì 15 settembre 2006 alle 09:17   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

Tre artisti francesi a Villa Medici

3 + 1. JÉRÔME LAGARRIGUE, XAVIER NOIRET-THOMÉ, SÉBASTIEN PIGNON E MAURO LUPERCHI

inaugurazione 15 settembre | gallerie e atelier del bosco | villa medici | roma


L'Accademia di Francia a Roma presenta nelle gallerie e nell'atelier del Bosco " 3 + 1 ", una mostra concepita da tre artisti francesi residenti a Villa Medici: Jérôme Lagarrigue, Xavier Noiret-Thomé e Sébastien Pignon che ha lavorato in collaborazione con Mauro Luperchi, artista italiano.

JÉRÔME LAGARRIGUE - PAESAGGIO DEL VISO
Gallerie di Villa Medici
Nato a Parigi nel 1973 e vive tra gli Stati Uniti e Parigi. Una serie di oli su tela presentati per la prima volta in Italia, una selezione nata per rivelare allo spettatore le ultime tele realizzate da questo autore, la cui residenza a Villa Medici si conclude proprio in ottobre dopo un anno di assidua ricerca e di arricchimento delle proprie strategie espressive. I lavori accomunati dalla materia pittorica indagano il legame tra arte figurativa e astratta, tra visione del volto e del paesaggio. Così come il titolo suggestivo voluto da Lagarrigue, le opere raccolte in questa mostra fanno parte di due serie: una di ritratti, l'altra di paesaggi. La loro nascita è frutto della passione dell'artista per il ripetuto incontro con il volto del reale, ed ognuna di esse è come se ci ponesse di fronte alla precisa emozione che scaturisce dal mistero del dialogo che ogni persona può istituire con persone e cose, ogni ritratto è al tempo stesso paesaggio, e ogni paesaggio manifestazione e genesi di una relazione con l'alterità che ci riconduce a noi stessi. I lavori obbediscono a una logica interiore che affiora in superficie tuttavia come continua espressione di frammenti del reale e del quotidiano. Ogni immagine viene scelta in riferimento a un preciso tempo in cui coincidono i momenti privilegiati dell'osservazione e quelli della pittura.

XAVIER NOIRET-THOMÉ - QUASI UNA RIVOLUZIONE
Gallerie di Villa Medici
Dopo Continuum-Distorsion presso il centro per l'arte contemporanea di Friburgo, nel mese di maggio, Xavier Noiret-Thomé prosegue nella sua ricerca sulla nozione di Esposizione, con la mostra Quasi una rivoluzione, nella sua dimensione enfatizzata, quella di "manifesto". Il programma è vasto e tinteggiato d'umorismo, come la tela inaugurale (OPERA, 600x250cm) che è quasi un monocromo argentato. Giocando di riflesso ai fantasmi e insieme ad essi, che il trionfale ritratto di Picasso (L'Orco spagnolo) materializza in un breve lasso di tempo, Xavier Noiret-Thomé si propone di costruire nelle gallerie di Villa Medici un percorso caratterizzato da molteplici sfaccettature. L'utilizzo dei più svariati mezzi espressivi, dalla pittura, al disegno-collage e alla scultura, produce una rottura dimensionale e di significato. Storia dell'arte e della perdita dei di lei motivi, autoritratto psicologico e fine delle utopie, in questa cosmogonia a geometria variabile gravitano Fleurs de grenade, falce e martello, Ready-Made e altre Vanità assai contemporanee (Vanità al serpente). Xavier Noiret-Thomé è nato a Charleville-Mézières nel 1971. Diplomato alle Belle Arti di Rennes, termina gli studi presso la Rijksakademie di Amsterdam. Beneficia di diverse borse di studio e residenze, tra cui attualmente una permanenza di 18 mesi presso Villa Medici. Tra le molteplici mostre, vale la pena citare: «Praxis», nel Kerguéhennec, Bignan (1994) ; «Dépaysement», Museo Dhondt-Dhaenens, Deurle (2000) ; «Cycles», Galleria Jennifer Flay, Parigi (2002) ; «Chroniques/Chromiques », Galleria Baronian-Francey, Bruxelles (2003) ; «Hyperamnésique», Galleria Philippe Casini, Paris (2004) ; «CONTINUUM DISTORSION», FriArt, Friburgo(2006). La rivista Semaine dedica il numero di giugno 2006 al suo lavoro, con un testo di Sophie Delpeux e nel n°31 della rivista L'art même Cédric Loire gli dedica un articolo. Si segnala analogamente il testo di Denys Zacharopoulos, «L'énigme de la figure», in cat. Prix de la Jeune Peinture Belge 2001, Anvers, Fonds Mercator.

SÉBASTIEN PIGNON ET MAURO LUPERCHI - MASSA
Atelier del Bosco - Villa Medici
Certo, certo aprirò le buste, il cliente non capirà niente, sarà molto sorpreso, un po' nell'aspettativa, si chiederà se non apro la mia posta davanti a lui, e penso che sarà un po' a disagio, ma sarà abbastanza buffo, abbastanza strampalato. Quindi aprirò queste diverse buste fino ad arrivare al preservativo e lì sarà la sorpresa rispetto al cliente e si sentirà rassicurato credo. E quindi dopo apro il preservativo e poi cerco di ispirargli fiducia, lo rassicuro rispetto alle buste: gli dico ecco in effetti.



3+1
Dal 15 settembre al 1 ottobre 2006
Académie de France à Rome - Villa Medici
Viale Trinità dei Monti 1 - 00187 Roma
Orari: 11.00 - 19.00 (orario continuato)
Ingresso: 5 euro (intero) - 3,5 euro (ridotto)
Le attività culturali dell'Accademia di Francia sono realizzate sotto il patrocinio del Ministère de la culture et de la communication e grazie al sostegno di Air France.
Contatto ufficio stampa - Accademia di Francia a Roma Avril Cassanas
Tel : +39 06 67 61 291
Fax : +39 06 67 61 243
stampa@villamedici.it
www.villamedici.it




Messaggio di Gino il venerdì 15 settembre 2006 alle 09:19   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

Nuovo nome e nuove idee per KUNSTART06, la 3a fiera di Bolzano

UNA FIERA GIOIELLO
NELLA PRIMA CITTA' ITALIANA PER FRUIZIONE DI CULTURA

dal 30 novembre al 3 dicembre | fiera di bolzano | messe bozen


Un appuntamento culturale di frontiera, idealmente affacciato fra l'area italiana e quella mitteleuropea. Ma soprattutto un privilegiato luogo d'incontro e di affari per un collezionismo in crescita, transfrontaliero, giovane ma esigente. Bolzano può dirsi oggi un autentico avamposto sociale e culturale proiettato sull'Europa: le nuove strutture e la scena divenuta straordinariamente vivace caratterizzano il capoluogo altoatesino con una forte offerta e domanda di cultura, che hanno indotto l'amministrazione provinciale a stanziare ingenti investimenti per la candidatura di Bolzano a capitale culturale europea per il 2019, nonché per ospitare la prossima biennale internazionale d'arte MANIFESTA 7.

Sin dagli esordi la Fiera di Bolzano si diverte a proporre raffinate commistioni con altri settori (come quella con i vini, che ha accostato all'arte le degustazioni offerte dalle migliori etichette italiane). Il vernissage di quest'anno centrerà la propria attenzione sul settore moda, proponendo le affinità di "Art & Fashion" sia come arcipelaghi culturali che come sistemi economici. Sono attesi gli interventi di stilisti, fondazioni, curatori e collezionisti. E ugualmente atteso è il ricco programma del "professional day", la giornata dedicata agli operatori del settore, per la quale è possibile accreditarsi sin d'ora attraverso l'apposito modulo pubblicato online.

Da segnalare infine che la manifestazione è ben collegata ai principali spazi pubblici operanti in Regione, come Museion, Kunst Merano Arte, Galleria Civica di Trento e Mart di Rovereto, che attraverso molteplici mostre e iniziative si proporranno come tappe d'obbligo per i visitatori.

Da venerdì 01 dicembre a domenica 03 dicembre 2006
Apertura al pubblico dalle 10.30 alle 20.30

Giovedì 30 novembre 2006 Vernissage
Inaugurazione per invitati e mass media dalle 19.00 alle 24.00

Venerdì 01 dicembre 2006 Professional Day
Programma speciale per gli operatori del settore accreditati



kunStart - 3a Fiera dell'arte moderna e contemporanea di Bolzano
Dal 30 novembre al 3 dicembre 2006
Organizzazione e informazioni:
Fiera Bolzano S.p.A.
P.zza Fiera 1 - 39100 Bolzano (BZ)
T +39 0471 516 210
F +39 0471 516 220
info@kunstart.it
www.kunstart.it




Messaggio di Gino il venerdì 15 settembre 2006 alle 09:21   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

Il video impossible.garden esplora le nuove frontiere della comunicazione, in un universo artistico della mutazione, spostandosi sui nuovi incroci possibili che innestano immagini, nuove tecnologie, culture etniche, chirurgia estetica, manifesti teorici, architettura e rapporti psicofisici tra corpo e spazio-identità.
Nuove mescolanze nascono e creano teorie di nuovi linguaggi, come costruzione di connessioni che creano situazioni plurali e nuovi incroci che ibridano gli infiniti linguaggi possibili in una dissolvenza comunicativa in cui prende forma la differenza. In uno scenario in cui cibernetica, genetica e sistemi complessi si intrecciano nella prospettiva di un futuro neobiologico, si stabiliscono nuove alleanze tra organismi e meccanismi. Il video impossible.garden sarà presentato al DiVA - Digital & Video Art Fair (KUBE Hotel, Parigi - 26-29 Ottobre 2006).
 
More details.
 


Messaggio di Gino il venerdì 15 settembre 2006 alle 09:22   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

notizie del 14/9/2006



MONDO LIBRO
Sede storica di importanti biblioteche, città con una tradizione radicata nella conservazione e nella promozione del libro, Bologna si appresta a ospitare Artelibro, terza edizione del Festival del Libro d'Arte. Dal 14 al 17 settembre la Dotta rappresenterà un'occasione unica di incontro per tutti gli addetti ai lavori e per i tanti bibliofili... [leggi]

fino al 17.IX.2006
Summer of Love
Vienna, Kunsthalle Wien

Nulla fu mai più come prima. Dalla West Coast all´Europa fino al Giappone la rivolta hippie e underground ha aperto nuovi stili esistenziali e culturali. Malgrado le maledizioni. [leggi]

fino al 23.IX.2006
MaiMao
Santomato (pt), Fattoria di Celle

1976: la rivoluzione culturale si chiude con la scomparsa di Mao Zedong. 2006: venti giovani artisti tornano sull'immagine del condottiero. Trasformandola e santificandola, cancellandola e travestendola... [leggi]

fino al 24.IX.2006
Lessico familiare
Trieste, Museo Revoltella

Dalla donazione di privati uno spaccato inedito che arricchisce la conoscenza sul gusto e i costumi di un'epoca. In una città in cui storia ed arte continuano essere dei cardini imprescindibili. [leggi]

libri_monografie
Bernard Berenson - Caravaggio
(abscondita 2006)

La parola arte esiste. Garantisce Bernard Berenson. Che, a oltre sessant'anni di distanza, qualche dubbio ce lo fa venire ancora. Partendo da Caravaggio... [leggi]

resoconto
Tre di Tre.3
Serra dè Conti (an), Antica Fornace Laterizi

L'ultimo appuntamento della rassegna marchigiana chiude con alcuni dei protagonisti dell'arte italiana. Da Giuseppe Cavalli a Mario Sasso. E con una coinvolgente performance... [leggi]


Exibart.radio del 14/9/2006



> sissi e manfredi beninati fra i vincitori delle borse di studio dell'american academy di roma.
> apre a spoleto la biblioteca giovanni carandente. 30mila libri d'arte contemporanea.
> la nuova chiacchierata mostra di banksy. vernissage misterioso a los angeles.


gli eventi di oggi: (15/9/2006)



...si svolgono in giornata
Ferrara, Arte e moda 2006 info...
  [castello estense]

Schio, Creative R'evolution - L'impresa della bellezza info...
  [teatro civico]



...vernissage di oggi
Bologna, Larry Fink - Somewhere there's music info...
  [villa delle rose]

Bologna, Omaggio a Bologna info...
  [la feltrinelli]

Bolzano, Group Therapy info...
  [museion]

Bolzano, Vai in montagna, ti dico, e mangia le fragole info...
  [ar/ge kunst galleria museo]

Campiglia Marittima, Struttura 2006 info...
  [teatro dei concordi]

Carpi, Mut-Azioni info...
  [spazio giovani mac'e']

Castel Di Lama, Natura e Morte : 24 artisti internazionali verso un'ecologia della mente info...
  [villa seghetti panichi]

Catania, Opera unica - Rosario Antoci info...
  [dietro le quinte arte contemporanea]

Civitella In Val Di Chiana, Premio Nazionale di Pittura Città di Civitella 2006 info...
  [pinacoteca di arte contemporanea]

Cortona, Donnarte 2006 info...
  [convento di sant'agostino]

Firenze, Jeppe Hein - Diagonal space info...
  [base - progetti per l'arte]

Firenze, Mauro Falzoni - La rovina romantica e le fioriture info...
  [giardino bardini]

Firenze, Rassegna fotografica Deaphoto info...
  [villa vogel]

Graffignano, Giovani Esordi 2006 info...
  [castello]

La Spezia, Giuliano Diofili - Il nudo e il morto info...
  [911 galleria d'arte]

Marigliano, Esasperatismo info...
  [sala consiliare]

Mesagne, Uccio Biondi - Da terra mia a monne terranee info...
  [castello normanno-svevo]

Milano, Andrea Failla - . alla luce del sottoscala info...
  [galleria gav]

Milano, Pietro Lista - Il fascino dei modelli della rappresentazione info...
  [miniaci art gallery]

Modena, Alfonso Borghi info...
  [il divano di george]

Modena, AMAE artgroup - Ordinary Days info...
  [lo sguardo dell'altro]

Modena, Andrea Saltini - "Chi fa di se stesso una bestia si sbarazza della pena di essere un uomo." (Umanità: guida all'uso) info...
  [canalgrande18 galleria d'arte]

Modena, Crisis info...
  [galleria san salvatore]

Modena, Festival Filosofia 2006 info...
  [sedi varie]

Modena, Figurae info...
  [galleria factory]

Modena, Il lavoro del mito info...
  [d406 arte contemporanea]

Modena, Leonardo Greco info...
  [galleria civica d'arte moderna - palazzo santa margherita]

Modena, Pani del mondo / Marina Abramovic info...
  [chiesa di san paolo - sala delle monache]

Modena, Stati d'indifferenza info...
  [spazio fisico]

Modena, Ugo Rondinone - Giorni felici info...
  [galleria civica d'arte moderna - palazzo santa margherita]

Modena, Yayoi Kusama info...
  [galleria civica d'arte moderna - palazzo santa margherita]

Monfalcone, Keiko Ichiguchi - 1945. La parola scritta sul volantino è "libertà" info...
  [sala antiche mura]

Montesarchio, Giuseppe Vele - Anabasi info...
  [galleria nuvole arte contemporanea]

Napoli, Jo Jackson - The First and last Men info...
  [404 arte contemporanea]

Narni, Andrea Abbatangelo - Exit Strategy info...
  [ex lavatoi]

Orta San Giulio, Oreste Sabadin info...
  [palazzotto della comunita']

Reggio Nell'Emilia, Natacha Anderes - Paesaggio in mutazione info...
  [km129]

Rivoli, Enzo Sciavolino info...
  [maison musique]

Roma, Giuseppe Moscatello - Dopo la partenza info...
  [spazio senzatitolo]

Roma, Le donne di Ibsen info...
  [biblioteca nazionale centrale]

Roma, Lorenzo Bruschini - Sous un manteau de fables info...
  [biblioteca comunale elsa morante]

Roma, Luca Zanchi / Valerie Honnart - La XII casa info...
  [massenzio arte - associazione culturale]

Roma, Premio L.I.Art/MArteLive 2006 - Mattia Aprile / Michel Tripepi info...
  [casina giustiniani - l.i.art]

Roma, Ringo of Dakar - Guerrieri info...
  [galleria bettivo' horti lamiani arte contemporanea]

Sassuolo, Karin Andersen - Zoomanity info...
  [paggeria arte]

Savignano Sul Rubicone, Festivalfoto 2006 info...
  [sedi varie]

Trieste, Terremoto 1976: Valli del Natisone, Val Resia, Valli del Torre info...
  [prosvetni dom]

Venezia, Attila Csörgo info...
  [galleria comunale contemporaneo]

Venezia, Carol Rama - L'opera incisa 1944-2005 info...
  [galleria internazionale d'arte moderna di ca' pesaro]

Verona, Joe Tilson info...
  [galleria d'arte giorgio ghelfi]




Messaggio di Gino il sabato 16 settembre 2006 alle 09:53   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

notizie del 15/9/2006



CÉZANNE CENTANS
Un viaggio d'antan nei luoghi cezanniani alla ricerca del capolavoro sconosciuto. Tra le asprezze della Montagna Sainte-Victoire, la pace dell'Estaque, la solitudine della tenuta di Jas De Bouffan. Alla scoperta di un maestro che molto ha da insegnare alla contemporaneità. Nel centenario della sua morte... [leggi]

fino al 3.XII.2006
Il Paradiso di Tintoretto
Venezia, Palazzo Ducale

Dalle fiamme nasce un Paradiso. Nelle sale del Maggior Consiglio viene raccontata la storia di uno straordinario concorso. Vincono il Veronese e Francesco Bassano (figlio). Ma toccò a Tintoretto... [leggi]

fino all'1.XI.2006
Volterra d'oro e di pietra
Volterra (pi), Palazzo dei Priori

Per una volta Volterra abbandona gli Etruschi. Per riscoprire il proprio fasto medioevale. Grazie ad una ricca rassegna che analizza più di mille anni di produzione artistica... [leggi]

resoconto
Fruz. Una nuova generazione di artisti in regione
Monfalcone (go), Sala Antiche Mura

Sei artisti. Una stanza per una sera ciascuno, con le chiavi per chiudere la sala. Così la giovane arte si mette in gioco. E in mostra. Succede a Monfalcone... [leggi]

exibinterviste - la giovane arte
Roberto Ago

L'arte come dispositivo semantico d'après Duchamp. Quattro chiacchiere con Roberto Ago: la scelta di lasciare Roma per Milano, la lezione di Fabro e Garutti e un'analisi disincantata del panorama italiano della giovane arte. [leggi]

fino al 30.IX.2006
Antonio Serrapica - Petrolio
Napoli, Galleria d'Arte Moderna

Piccole scintille rischiarano il golfo partenopeo. Ananas su tela al sapore di combustibile per motori. Ricette fresche tra squarci ironici che bucano il cielo scuro nell'orizzonte inquinato dello spettatore. [leggi]


Exibart.radio del 15/9/2006



> bologna è ancora waiting for mambo. nuovo ciclo di serate aperitivo alla gam.
> terni per cinque giorni capitale mondiale dell'archeologia industriale.
> veltroni, non spengo il luxometro. fiat lux sull'archeologia industriale romana.
> exibart.blog coming soon. nuova piattaforma di giornalismo partecipato dentro exibart. che diventerà.


gli eventi di oggi: (16/9/2006)



...si svolgono in giornata
Perugia, Omaggio a Nuvolo info...
  [piazza san francesco al prato]

Rosignano Marittimo, La BauHaus dell'arte info...
  [palazzo marini - la casa dell'arte]



...vernissage di oggi
Albissola Marina, Federico Ferarini info...
  [bar testa]

Alessandria, Fabrizio Falchetto - Riflessioni di un omino di carta. Percorsi di poesia visiva info...
  [libreria mondadori]

Asolo, Alessandro Busato - Resina info...
  [galleria vardanega]

Assisi, Il Gruppo di Scicli info...
  [beni culturali cappuccini]

Bergamo, Mouhamadou Lamine Seck - Colori d'Africa info...
  [galleria triangoloarte]

Bertinoro, Mauro Fiorese - Once upon the blue (c'era una volta il blu) info...
  [palazzo municipale]

Biella, Agnese Marcassoli - Donne e madonne info...
  [circolo culturale orto degli angeli]

Bologna, Imperfect Realities. Over the genre info...
  [galleria artsinergy]

Bologna, Umberto Mastroianni - L'esplosione della forma info...
  [galleria stefano forni]

Bracciano, Mauro Martoriati - Scorie della Memoria info...
  [art box]

Buonconvento, Corrente 2006 info...
  [palazzo grisaldi del taja]

Buonconvento, Gianfranco Morini - Arte fresca. Non toccare info...
  [museo d'arte sacra della val d'arbia - palazzo ricci socini]

Cagliari, Nino Corona - Intorno alle cose che sono e che non sono info...
  [galleria arcivernice]

Cavaso Del Tomba, Arte e Natura 2006 info...
  [sedi varie]

Chioggia, La danza del pescatore info...
  [museo civico della laguna sud]

Chiuduno, Marco Grimaldi / Vincenzo Marsiglia - Degustarte info...
  [symposium]

Colorno, Aristide Barilli - L'intimità dipinta info...
  [reggia di colorno]

Como, Birgit Dieker - Headhunting info...
  [amt gallery]

Como, Loris Cereda - Ostinato rigore info...
  [galleria arte contemporanea e dintorni]

Daverio, Pietro Sormani - Pre-Testi info...
  [silbernagl undergallery]

Firenze, Silvaris - Progetti informali info...
  [villa bandini - biblioteca]

Gazzada Schianno, Prima era solo un sogno: il volo 100 anni info...
  [villa cagnola]

Ghilarza, L'Altrange - La scoperta dell'America info...
  [villa deriu]

Giaveno, Giulio Agostino - Pane, Arte e Fantasia info...
  [municipio]

Imola, Anna Boschi - bioScritture info...
  [galleria dal monte]

Livorno, Luciano Canaccini - La sofferenza info...
  [bottini dell'olio]

Locarno, Lex Vögtli - Eco info...
  [la rada - ex scuole comunali]

Losone, Fama / Fame info...
  [la fabbrica]

Mantova, Leon Battista Alberti e l'architettura info...
  [casa del mantegna]

Milano, Ernesto Achilli - La quiete del rosso info...
  [galleria entroterra]

Milano, Milano Film Festival 2005 info...
  [sedi varie]

Milano, Pier Toffoletti - Luminescenze info...
  [galleria san lorenzo]

Milano, Premio di Pittura Carlo Dalla Zorza 2006 info...
  [galleria ponte rosso]

Modena, AnonymitYfromAnonymouS info...
  [galleria 42 contemporaneo]

Molfetta, Giuseppe De Bartolo - L'invisibile nel visibile info...
  [convento dei cappuccini]

Monreale, Davide Orler e il mare info...
  [complesso monumentale guglielmo ii]

Montemurlo, Mauro Gazzara info...
  [fornace del borghetto di bagnolo di sopra]

Morgano, Phada Murgania 2006 - Addizioni - Paolo Vendramin info...
  [locanda stella d'italia]

Nocera Inferiore, New city landscape info...
  [associazione culturale il ponte]

Padova, IlluStrabilia 2006 info...
  [associazione culturale artelier]

Padova, Marco Disarò info...
  [bastione alicorno]

Palermo, Cristina Correnti - Dispar et unum info...
  [galleria di villa niscemi]

Palermo, Maria Pia Lo Verso - Il Giardino degli Angeli info...
  [loggiato di san bartolomeo]

Palermo, Maria Pia Lo Verso - Il giardino degli angeli info...
  [loggiato di san bartolomeo]

Pavarolo, Premio Felice Casorati 2006 info...
  [scuola elementare]

Perugia, artevita info...
  [palazzo dei priori]

Peschiera Del Garda, Athos Faccincani info...
  [sottotetto della caserma dell'artiglieria]

Pietrasanta, Vespa: Arte Italiana info...
  [chiesa e chiostro di sant'agostino]

Pisa, Incontri 2006 info...
  [centroartemoderna]

Popoli, Cecilia Falasca - Linee colore linee essenza info...
  [taverna ducale]

Pordenone, La leggenda di Primo Carnera info...
  [palazzo della provincia]

Reggio Nell'Emilia, Piero Dorazio - Opere grafiche originali info...
  [saletta galaverni]

Roddi, Enrico Paolucci 1901-1999 info...
  [castello]

San Casciano In Val Di Pesa, Franco Bruni / Kirsten Julia Lockie - Connessioni info...
  [biblioteca comunale]

San Miniato, Marco Lami info...
  [torre degli stipendiari]

Seregno, People info...
  [sergio & thao mandelli artecontemporanea]

Spoleto, Arte del Senegal - Khady Gall info...
  [micromuseo]

Spoleto, Milton Gendel - Fotografie info...
  [gcam - galleria civica d'arte moderna - palazzo collicola]

Torino, Nuvole info...
  [galleria d'arte pirra]

Treviglio, Antonio De Santis - La nuova pittura info...
  [museo civico ernesto e teresa della torre]

Treviso, Annamaria Salvadori / Carlo Scomparin - Sfogliando emozioni info...
  [palazzo scotti]

Trieste, Opere su carta info...
  [galleria torbandena]

Udine, Roberto Madrisotti - Un viaggio da due soldi info...
  [artestudio clocchiatti]

Varese, Senza spazio! info...
  [duetart gallery]

Venezia, Marika Vicari - La luce , le foglie, la pioggia in casa info...
  [galleria l'occhio]

Verona, Miljenko Bengez info...
  [galleria incorniciarte]

Vicenza, Michelangelo - Benché non sia mia professione info...
  [museo palladio - palazzo barbaran da porto]

Vigevano, Vivienne Westwood - Shoes 1973-2006 info...
  [castello visconteo sforzesco - museo internazionale della calzatura]




Messaggio di Gino il sabato 16 settembre 2006 alle 09:55   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

Collettiva dinamizzante al Museion di Bolzano

GROUP THERAPY

fino al 7 gennaio 2007 | a cura di letizia ragaglia | museion.museo d'arte moderna e contemporanea | bolzano


Ancora negli anni Trenta John Dewey con Art as Experience (1934) e Jan Mukařovský con La funzione, la norma e il valore estetico come fatti sociali (1936) hanno avviato il distacco dall'estetica dell'opera e determinato l'esperienza estetica come "qualità" inerente ad ogni esperienza realizzata. Diverse teorie estetiche ed ermeneutiche avvicendatesi nei decenni successivi si sono soprattutto concentrate sul ruolo del fruitore, sul suo piacere nel godimento estetico e, alcune - sulla base della Poetica aristotelica - hanno insistito sulla catarsi (katharsis) che come una sorta di guarigione può succedere all'esperienza estetica (aisthesis) [Hans Robert Jauss, Esperienza estetica ed ermeneutica letteraria, 1982].
Nicolas Bourriaud costruisce la sua "Esthetique relationelle" (2001) attorno ad espressioni artistiche che si manifestano attraverso le nozioni di interattività, convivialità e relazionalità ed individua in esse l'aspetto più vivo dell'arte contemporanea. Recentemente un interessante articolo pubblicato su "Artforum"(edizione estiva 2005) per mano di Joe Sconlan si interroga sull'opera nello spazio sociale e mette ironicamente in questione l'estetica relazionale di Bourriaud. Joe Scalan lamenta che l'aspetto fondamentale dell'estetica relazionale - la cattura delle potenzialità creative dello spazio sociale - informa sempre più solo la teoria e non la pratica; l'autore constata che all'insegna di un "comune senso di decenza" la mediocrità è preferibile al rischio e porta ad una soppressione generale di perversioni, fantasie, assurdità e conclude che "an aesthetic that can't allow anything bad to happen sounds more like anesthesia to me."

Sulla base di queste considerazioni nasce il progetto di mostra "Group Therapy". Con la piena convinzione che - per fortuna - continuano ad esserci artisti che non ci anestetizzano, ma anzi ci "dinamizzano" metaforicamente o concretamente, sono stati invitati a partecipare artisti che lavorano in coppia e/o in gruppo ed il cui lavoro si traduce spesso in un concreto intervento socio-culturale.
Particolare attenzione è tributata al concetto di opera come catalizzatore di relazioni, come situazione aperta, che riceve il suo senso nella partecipazione, nello scambio con il fruitore e nell'evoluzione temporale e che pertanto risulta definitivamente lontana dall'idea di un'opera puramente rappresentativa o contemplativa. A questo si aggiunge la ripresa - anche ironica - dell'antico concetto di catarsi dell'opera d'arte. La banalità di una situazione vissuta con una disponibilità diversa in un contesto modificato rispetto a quello abituale conduce ad una consapevolezza nuova delle relazioni e delle azioni codificate, conduce ad una piccola catarsi quotidiana.
Il lavoro di gruppo e/o di coppia presuppone una relazionalità a priori della realizzazione e della fruizione dell'opera, significa un dialogo sull'opera che la precede e che viene poi portato avanti dal fruitore.

Artisti: Gruppo A12 (Genova, Milano); Jennifer Allora & Guillermo Calzadilla (San Juan, Puerto Rico); Bernadette Corporation (Berlino, New York); Claire Fontaine (Paris); Clegg & Guttmann (New York, Vienna); Elmgreen & Dragset (Danimarca, Norvegia); gelitin (Vienna); goldiechiari (Roma); Superflex (Danimarca)



Group Therapy
Dal 16 settembre 2006 fino al 7 gennaio 2007
MUSEION, Museo d'arte moderna e contemporanea
Via Raffaello Sernesi 1 (39100)
+39 0471312448 (info)
+39 0471312460 (tel)
info@museion.it
www.museion.it
Orario: da martedì a domenica 10-18, giovedì 10-20
Biglietti: Normale: ? 3,50 (con MuseumCard ? 2,50) Ridotti: (studenti, anziani, gruppi): ? 2,00 (con MuseumCard ? 1,50). Ingresso famiglia ? 7,00 (con MuseumCard ? 5,00) Scuole superiori con visita guidata ? 2,50 Scuole medie con o senza visita guidata ? 1,00 MuseumCard ? 2,50
Il catalogo trilingue (italiano, tedesco e inglese) della mostra Group Therapy è edito presso il Museion e pubblica testi di Bernadette Corporation, Claire Fontaine, Martin Guttman, Letizia Ragaglia e Elisabeth Schlebrügge.




Messaggio di Gino il lunedì 18 settembre 2006 alle 09:14   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

gli eventi di oggi: (17/9/2006)



...si svolgono in giornata
Firenze, Incontro info...
  [parco d'arte pazzagli]

Roma, Marco Fedele Di Catrano - APT.1 info...
  [appartamento privato]



...vernissage di oggi
Arezzo, Le stagioni del vino info...
  [palazzo della provincia]

Bari, Bosco di fate info...
  [il giardino dei tempi - orto botanico]

Barletta, ConSensi info...
  [centro culturale zerouno]

Castelbellino, Una datazione particolare info...
  [paolo romani private art gallery]

Guiglia, Franco Fontana / Andrea Razzoli - Geometrie Metropolitane info...
  [castello]

Luino, Gottardo Ortelli - Opere scelte info...
  [palazzo verbania]

Milano, peace performances info...
  [maison espana]

Suzzara, Premio Suzzara 2006 - Il futuro della tradizione info...
  [galleria del premio suzzara - ex casa del popolo]

Taormina, Sebastiano Carta - Per questo amore che brucia dentro. info...
  [museo mazzullo - palazzo duchi]

Velo D'Astico, Ambaradan 2 info...
  [villa velo valmarana]

Venezia, Mostra dei Maestri, degli Allievi e degli Artisti Ospiti info...
  [galleria il sotoportego]

Viterbo, Aurelio Sartorio info...
  [galleria miralli - palazzo chigi]

Ziano Piacentino, Effervescenze info...
  [torre fornello]




Messaggio di Gino il lunedì 18 settembre 2006 alle 09:16   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

gli eventi di oggi: (18/9/2006)



...vernissage di oggi
Napoli, Fernando Pisacane - Storie info...
  [universita' degli studi - facolta' di architettura]

Prato, FREeSHOUT!? 2006 info...
  [sedi varie]

Roma, Ancient Contemporary info...
  [with tarsh*to studio]

Roma, Ateliers d'artista, Fondazione Pastificio Cerere - Eugenia Censi info...
  [biblioteca villa mercede]

Roma, Fabrizio Dell'Arno - Opere recenti info...
  [rufartgallery]

Roma, Johann Heinrich Wilhelm Tischbein - Il pittore poeta info...
  [casa di goethe]

Roma, La Transcritica #5 info...
  [casina delle civette - villa torlonia]




Messaggio di Gino il lunedì 18 settembre 2006 alle 10:35   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

FuocOVitale

Arte, magma e vino

Associazione culturale Arte da mangiare Onlus di Napoli

 

23 - 30 settembre 2006

CIVES / MAV Museo Archeologico Virtuale

via IV Novembre

Ercolano, Napoli

Il Programma

 

Sabato 23

Ore 10.00

Apertura al pubblico alla presenza del Sindaco di Ercolano Dott. Gaetano Daniele.

Mostra libro d’artista: a cura di Enzo Battarra.

Espongono: Vittorio Avella, Antonio Barbagallo, Angelo Casciello, Mario Ciaramella, Christian Costa, Laura Cristinzio, Antonio Davide, Antonio Di Grazia, Peppe Ferraro, Mario Franco, Enrico Grieco, Antonio Manfredi, Armando Moriconi, Renata Petti, Veronique Pozzi, Sergio Riccio, Errico Ruotolo, Vittorio Tolu, Attilio Tono, Oreste Zevola.

Ore 16.00

Visita agli Scavi di Ercolano: “Convivium”. Guida Anna Spinosa

(CampaniaIncoming prenotazioni 338 5231237 - 081 5580216)

Performance: Antonio Davide - “Dioniso feconda la vite”

Video MAV

Ore 18.00

Premio “FuocOVitale” i “corti”, a cura di Mario Franco.

Giovani artisti emergenti dell’Accademia di Belle Arti di Napoli: Jole Audero, Gianvincenzo Borriello, (DDT-Art Giuseppe Labriola) Luigi Piccirillo e Eliana Tilocca, Olga Farina e Pierluigi Grauso, Alfonso Fraia, Ezio Pierattini, Carlotta Sennato e Luca Mattei, Daniele Signorello e Paride Astarita, Davide Stasino, Eliana Vamvakinos e Michele Quercia, Enrico Vicinale.

Ore 19.00

Performance: “Terra ardente”, danzatrice Rosaria Iovine.

 

Degustazioni dei vini in mostra. A cura del sommelier Maurizio Focone patronne di Viva lo Re.

Espongono le aziende: Ametrano, Cantine del Mare, Di Meo, Lonardo, Maffini, Mustilli, Pietratorcia, Torre del Pagus, Vestini Campagnano, Villa Dora.

 

Domenica 24

Ore 11.00

Visita guidata

Ore 17.30

Videoperformance: Enrico Grieco - “Sternere Triclinium”

Ore 18.00

I vini, coordina Maurizio Focone

I prodotti del Parco Nazionale del Vesuvio

Videoproiezioni

MAV-Virtuale

 

Lunedi 25

Ore 10.00

Per Le scuole: visita guidata a cura di Ida Stanzione -“Laboratorio del Gusto”

Installazione “Porzioni d’Arte” - Cristinzio, Petti, Ricciardi e i bambini del 2° Circolo Didattico F.Giampaglia di Ercolano

Ore 16.00

Audiovisivi (proiezioni continue)

 

Martedi 26

Ore 17.30

Tavola rotonda: “Emozioni artistiche ed organolettiche, intorno al vino rosso campano”.

Moderatore: Antonio Corbo, editorialista de “la Repubblica”; Enzo Battarra, critico d’arte

Michele Manzo, SeSIRCA; Giancarlo Moschetti, Dip. di scienze degli alimenti Facoltà di Agraria di Portici; Helga Sanità, antropologia, Università degli Studi Suor Orsola Benincasa; Antonella Monaco, ampelografia e storica della vite in Campania; Maurizio De Simone, enologo

 

Mercoledì 27, giovedì 28, venerdì 29

Mostre, video proiezioni, performance

 

Sabato 30

Ore 16.00

Visita agli Scavi di Ercolano: “Convivium”. Guida Anna Spinosa

(CampaniaIncoming prenotazioni 338 5231237 - 081 5580216)

Ore 17.00

FuocOVitale proiezioni continue.

 

 

Fuori mostra: installazione di Mario Esposito: “Uomo Natura (una forma che diventa uomo)”



Messaggio di Gino il lunedì 18 settembre 2006 alle 10:43   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

 



Messaggio di Marco il martedì 19 settembre 2006 alle 09:25   -  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: martedì 11 dicembre 2001   Posts: 155   View Marco's profileProfilo Search for other posts by MarcoCerca Quote

notizie del 18/9/2006



NAPOLEIDE ATTO SECONDO
Un paio di righe, giusto un'ipotesi. Tanto poco è bastato a Gigiotto Del Vecchio per ritrovarsi sotto i riflettori (o sul banco degli imputati?). Inconsapevolmente, dice il curatore partenopeo, che ora replica al Pan can can di questi giorni. E, oltre a dare a darsi delle risposte, si fa anche qualche domanda. [leggi]

fino al 8.X.2006
Quotidiana 06
Padova, Museo Civico al Santo

Dodicesima edizione per la rassegna dedicata all'arte emergente. Tra citazioni cinematografiche, esserini inventati e giochi da Luna Park. Come quello che vuole farci prendere a martellate il testone di Cattelan... [leggi]

fino al 24.IX.2006
Viaggiatori sulla Flaminia
Umbria, sedi varie

La Via Flaminia come filo conduttore di una mostra in cui la relazione tra intervento artistico e luogo si fa particolarmente ardita e significante. Un viaggio su una strada piena di storia... [leggi]

fino al 22.IX.2006
Giuseppe Chiari / Piero Mottola
Roma, Studio Stefania Miscetti

Un maestro e un seguace. Uniti in una performance e a confronto in una mostra. Un'Idea generatrice e la sua Evoluzione. In una Roma in aria di vigilia. Aspettando la Notte Bianca... [leggi]

arteatro_festival
Wild Gift a show of live art

Atti di illusione, artifici scenici, finzione e scanzonata serietà: questi gli obiettivi del festival londinese Wild Gift. Abitare diversi luoghi della città, miscelare azioni reali e vaudeville, installazioni e performance. Per uno show di live art. [leggi]

fino al 20.IX.2006
Tino Stefanoni in terra di Siena
Siena, Magazzini del Sale

La poetica del quotidiano secondo l'ottica concettuale di Stefanoni. Siena dedica una retrospettiva all'autore del palio di agosto. Un'occasione per ripercorrere una lunga carriera... [leggi]


Exibart.radio del 18/9/2006



> dopo cacciari veltroni fa arrabbiare montezemolo. roma dopo la mostra del cinema farà concorrenza ad artefiera?
> val di chiana, si inaugura la pinacoteca di arte contemporanea di civitella.
> milano, continua con l'est europeo l'indagine di tramedautore sulla drammaturgia straniera.


gli eventi di oggi: (19/9/2006)



...si svolgono in giornata
Moncalieri, Andrea Caretto & Raffaella Spagna - Giardino Esculenta Lazzaro 01 info...
  [biblioteca civica a. arduino]

Torino, Shoja Azari - A room with view info...
  [marco noire contemporary art]



...vernissage di oggi
Bolzano, Michael Schnabel - Stille Berge info...
  [galleria foto-forum]

Firenze, Giuseppe Ciccia - Alchimie.silenzi e vibrazioni info...
  [galleria del palazzo - enrico coveri]

Ivrea, Francesco Cianciotta - Transiti info...
  [galleria spazio10]

Livorno, Vecchia Fortezza Effimera info...
  [fortezza vecchia]

Milano, Andreas Cellarius - Oh, cielo! info...
  [valeria bella stampe]

Milano, Carlo Vespa - Sabbia Nera info...
  [galleria antonia jannone]

Milano, Guido Bagini - L'Orizzonte Liquido info...
  [the flat - massimo carasi]

Milano, Non solo Ertè info...
  [pisa orologeria]

Milano, The Jean-Michel Basquiat Show info...
  [triennale - palazzo dell'arte]

Rivoli, Carlo Mollino info...
  [castello di rivoli - museo d'arte contemporanea]

Roma, Jennifer Strange - Inspired by Dante info...
  [temple university]

Torino, Carlo Mollino info...
  [gam - galleria d'arte moderna e contemporanea]

Torino, Carlo Valsecchi - New works info...
  [guido costa projects]

Torino, Epidermis. Strategie mimetiche di vitalità organica info...
  [passo blu]

Torino, Francesco Barocco info...
  [vitamin arte contemporanea]

Torino, Franco Fontana - Inediti info...
  [photo & co.]

Torino, Lara Favaretto info...
  [galleria franco noero]

Torino, Maurizio Donzelli - Mirror info...
  [41 artecontemporanea]

Torino, Nunzio info...
  [nmb studio]

Torino, Raffaelli | Ricci | Tadei info...
  [gas art gallery]

Torino, Rebecca Belmore / Nancy Spero info...
  [francosoffiantino artecontemporanea]

Torino, Sandrine Nicoletta - Interplay info...
  [galleria maze]

Torino, Thorsten Kirchhoff - Overdrive info...
  [galleria alberto peola]




Messaggio di Marco il martedì 19 settembre 2006 alle 09:28   -  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: martedì 11 dicembre 2001   Posts: 155   View Marco's profileProfilo Search for other posts by MarcoCerca Quote

Una mostra di noti writers italiani presentata dal FAI

DAL MURO ALLA TELA

22 settembre - 1 ottobre | in occasione del 50° anniversario degli affreschi di arcumeggia | fai - fondo per l'ambiente italiano | villa della porta bozzolo | casalzuigno (va)


CULTURA HIP HOP E OPERE SU TELA DI NOTI WRITERS ITALIANI

In occasione del 50° anniversario degli affreschi di Arcumeggia, il piccolo borgo in provincia di Varese famoso per essere diventato un museo a cielo aperto grazie ai suoi dipinti murali a opera di noti artisti, e sulla scia degli attuali dibattiti sulla spray art, da sabato 22 settembre a domenica 1 ottobre Villa Della Porta Bozzolo ospiterà "Dal muro alla tela", una mostra sull'arte dei "graffiti" e la cultura Hip Hop, organizzata dal FAI - Fondo per l'Ambiente Italiano in collaborazione con la Galleria Blanchaert di Milano e alcuni dei più famosi writers italiani.

Con questa esposizione temporanea a Villa Bozzolo il FAI si prefigge l'obiettivo di presentare i graffiti come vera e propria forma d'arte, proponendo ai visitatori un approccio che vuole andare oltre il banale luogo comune per cui i graffiti vengono definiti mere forme di vandalismo e di delinquenza giovanile.
Il writing è un'interessante espressione artistica che spesso non ha nulla da invidiare a quadri e affreschi. Ma mentre nel quadro la firma viene apposta sulla tela a completamento dell'opera, nel caso dei graffiti l'opera stessa non è altro che la firma che ogni artista lascia sui muri cittadini. Il fascino legato a questa colorata forma d'arte è perciò da ricercarsi nell'idea che ne sta alla base: per un writer è fondamentale la forma della lettera, tant'è che il messaggio che si vuole comunicare, se presente, passa in secondo piano per lasciare esclusivamente spazio alla sua espressione visiva e quindi alla calligrafia e allo stile utilizzati.

"Dal muro alla tela" a Villa Della Porta Bozzolo

La mostra è organizzata nello spazio espositivo cosiddetto del "baco da seta" e si sviluppa principalmente in tre sezioni:
- la prima ospita una selezione di immagini fotografiche relative alle tecniche, gli stili e i percorsi artistici degli artisti che si esibiranno nelle live performances delle due domeniche di mostra;
- la seconda sezione propone una trentina di tele di grandi dimensioni, tutte eseguite a spray, prodotte nel 1999 da alcuni dei più famosi writers italiani. Questa sezione è stata realizzata in collaborazione con la Galleria Blanchaert di Milano;
- l'ultima sezione riguarda invece le live performances: nei pomeriggi di domenica 24 settembre, sabato 30 settembre e domenica 1 ottobre alcuni artisti (a rotazione Bros, Flycat, Nail, Pho, Rendo, Skah, Sky 4, Styng 253) produrranno "dal vivo" opere a tecnica mista su pannelli di grandi dimensioni, che diventeranno parte integrante dell'esposizione. Nell'ambito delle live performances, la sera di sabato 30 settembre la filanda di Villa Bozzolo si trasformerà in una "strada" per ospitare un Hip Hop Live Show, con esibizione di break dancers, dj e rappers, nonché con la presentazione dell'ultimo CD di Flycat, "Our Sign".

Inoltre, verrà proiettato un video esplicativo sulla storia della spray art, sul suo sviluppo in Italia e sulla produzione artistica dei writers presenti a Villa Bozzolo; saranno inoltre disponibili "Hip Hop Shop" e area ristoro.

Brevi cenni storici sul writing

Il writing, in Italia meglio conosciuto come "graffiti", altro non è che l'anima visiva dell'Hip Hop, un movimento culturale e uno stile di vita, nato trenta anni fa nelle comunità afroamericane e latine del Bronx. La nascita del movimento della spray art, anche se in una forma ancora primitiva, è da ricercarsi nella Los Angeles del 1943, dove un folto gruppo di immigrati messicani illegali iniziarono a dipingere i nomi non ancora esistenti delle strade del ghetto dove abitavano. Poi, negli anni '60, il fenomeno del writing raggiunse la costa est degli Stati Uniti, per l'esattezza la zona compresa tra Philadelphia e New York: è in quegli anni, infatti, che le bande di strada cominciarono a marcare i muri del proprio territorio di azione. Ma presto alcuni precursori del writing si staccarono dalla logica delle gang e iniziarono a scrivere il proprio nome sui muri della città a titolo individuale, cercando in questo modo di emergere dal ghetto. Agli inizi degli anni '70 altra novità: grazie alla comparsa di scritte a tre colori sui vagoni della metropolitana e all'utilizzo di stili diversi, le opere iniziarono ad acquistare l'idea del movimento. Nacque così l'arte dei "graffiti" come la intendiamo ai giorni nostri.
Nel nostro Paese l'arrivo del fenomeno dei graffiti è stato sicuramente tardivo e ne è stato veicolo principale la grande diffusione, nei primi anni '80, di film americani con al centro la cultura Hip Hop e le sue quattro espressioni artistiche: la musica rap, la creazione musicale dei DJ che utilizzano due giradischi, detta djing, i graffiti e la danza acrobatica, ovvero la breakdance.

Eventi live

In occasione della mostra "Dal muro alla tela" verranno organizzati a Villa Bozzolo una serie di eventi live, pensati con l'intento di diffondere e di far conoscere ai visitatori le quattro anime della cultura Hip Hop tra musica, danza ed espressioni artistiche.
Programma delle live performances:
- Domenica 24 settembre
Dalle ore 14 alle 18 workshop e live painting con esecuzione di 3 opere su tela (160 x 300) degli artisti Flycat, Rendo, Styng 253.
- Sabato 30 settembre
Dalle ore 14 alle 18 workshop e live painting con esecuzione di 3 opere su tela (160 x 300) degli artisti Skah, Bros, Pho.
Dalle ore 18 alle 24 "Hip Hop Live Show": la filanda del "giardino segreto" si trasformerà in una "strada", con show di break dancers che eseguiranno vari stili (dagli anni '70 ad oggi), dj, rappers, esecuzione di musica dal vivo e presentazione del nuovo album di Flycat.
- Domenica 1 ottobre
Dalle ore 14 alle 18 workshop e live painting con esecuzione di 3 opere su tela (160 x 300) degli artisti Flycat, Sky 4, Nail



Dal muro alla tela
Dal 22 settembre 2006 fino al 1 ottobre
Villa Della Porta Bozzolo, Casalzuigno (Va)
Tel. 0332/624136
Orario 10-18
Orario "HIP HOP LIVE SHOW" 30 settembre 18-24
Ingresso Adulti: ? 5; Bambini (4-12 anni): ? 3; Aderenti e Residenti: ? 2

Per maggiori informazioni sul FAI consultare il sito www.fondoambiente.it
In occasione della mostra "Dal muro alla tela" sul sito internet del FAI (www.fondoambiente.it) verrà attivata un'area dedicata accessibile direttamente dall'home page, in cui sarà possibile trovare il programma completo della manifestazione, la Photogallery delle opere, le biografie degli artisti, articoli e interviste di approfondimento in tempo reale e informazioni sulla cultura Hip Hop.

Ufficio Stampa FAI:
Simonetta Biagioni - stampa - tel. 02.467615219; e-mail: s.biagioni@fondoambiente.it
Novella Mirri - radio e televisione - tel. 06.6788874; e-mail: ufficiostampa@novellamirri.191.it




Messaggio di Marco il martedì 19 settembre 2006 alle 09:54   -  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: martedì 11 dicembre 2001   Posts: 155   View Marco's profileProfilo Search for other posts by MarcoCerca Quote

Voci che nessuno ascolta

Selezionato al concorso PiAFF www.piaff.it
sez. GAI (Giovani Artisti Italiani)

 

 

testo
Carmina Esposito

costumi
Marianna Carbone

sculture/animazioni

Mario Testa

musiche

Francesco Basoli e Emilio Casadei

coreografie

Mapì Verona

tecnico del suono

Giuseppe Pepe


regia e scene

Max Coppeta

collaborazione con

Accademia di Belle Arti di Napoli

Cattedra di Scenografia - Prof. Gennaro Vallifuoco

Saint Louis College of Music - Roma

Cattedra di Composizione - M° Gianluca Podio

Università degli studi di Salerno

Dipartimento di Scienze delle Comunicazioni

Laboratorio di analisi dell'opera audiovisiva - dott. Alfonso Amendola

Dipartimento di Beni Culturali

Prof. ssa M. G. Guglielmi e dott. Antonello Tolve

Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell’Informazione

Prof. Massimo De Santo e Ing. Fancesco Colace

con il contributo di

Materiali per l’arte - GinoRamaglia.it



Messaggio di Marco il martedì 19 settembre 2006 alle 10:08   -  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: martedì 11 dicembre 2001   Posts: 155   View Marco's profileProfilo Search for other posts by MarcoCerca Quote

DI-SEGNI



Mercoledì 27 settembre 2006, presso lo STUDIO TRISORIO DI NAPOLI, in via Riviera di Chiaia 215,
e venerdì 29 settembre, presso lo STUDIO TRISORIO DI ROMA, in Vicolo delle Vacche 12 , alle ore 19.00,
sarà inaugurata la mostra DI-SEGNI a cura di Pier Luigi Tazzi, con opere di Carla Accardi, Stephen Antonakos,
Lawrence Carroll, Rebecca Horn, Bethan Huws, Anish Kapoor, Jannis Kounellis, Marisa Merz, Juan Muñoz,
Ettore Spalletti, Wael Shawky, Marco Tirelli.

Testo di Pier Luigi Tazzi:

La mostra DI-SEGNI / DRAWING(S) nelle sedi di Napoli (27 settembre) e di Roma (29 settembre) dello Studio Trisorio presenta artisti di diverse generazioni – da Carla Accardi, Trapani 1924, a Wael Shawky, Alessandria d’Egitto 1971 – e di diversa origine e cultura – nati in Italia, in Grecia, in Germania, in India, in Spagna, nel Galles, in Egitto, sulle opposte sponde del Mediterraneo o in riva ai grandi oceani; abitano da tempo grandi centri in cui si sono pienamente integrati, o solo in parte, esuli volontari, migranti o stanziali, oppure vivono ed operano in aree che avremmo detto una volta periferiche, ma non meno dense di vita e di storia, e allora cittadini del mondo attuale nelle sue varie conformazioni. Sono uomini e donne, laici e religiosi, ampiamente riconosciuti nel mercato dell’arte oppure attualmente più defilati. Il mondo di oggi nella sua infinita varietà e ricchezza è il loro terreno comune.

Oltre a questa comune condivisione quel che li unisce in questa occasione è una radice antica quanto la cultura dell’uomo: la pratica del disegno nelle sue molteplici variazioni – appunto, progetto, nota a margine, tracciato incontrollato, o texture pazientemente, appassionatamente, amorosamente, costruita, a segnare un punctum, un momentum  della loro esperienza di quel mondo e di quel tempo che condividono, anche quando se ne siano andati, ma che continuano a segnare con la presenza attuale di una loro personalissima traccia. E noi, i pochi – dice Maometto, dei dormienti nella caverna: “Solo il mio Signore sa con più precisione il loro numero. Nessuno li conosceva salvo pochi” - non li dimenticheremo mai, non li dimentichiamo.

Dalla testa, dalla mente, dal pensiero chiaro o oscuro, dal cuore di tenebra, o rischiarato da una qualche intima consapevolezza, percorrendo le misteriose e segrete vie del corpo, alla mano nei suoi moti gravi o leggeri, abili o automatici, e quindi alla pagina bianca, alla fragile tavola di iscrizione: figure, segni, macchie di colore che si espandono in superficie, che sembrano emergere da profondità insondabili a marcare uno spazio o a costruirlo a vista, minimo effimero inconcluso, e dunque aperto e generoso.

Guardiamoli allora con attenzione: ci riguardano, da vicino, o almeno più da vicino delle grandi opere.


Pier Luigi Tazzi

Firenze, settembre 2006


Per info:
STUDIO TRISORIO NAPOLI                                      
Riviera di Chiaia, 215                                                                                                                                                
Tel/fax 081 414306                                                                    
info@studiotrisorio.com                                                             
lun-ven ore 10.00/13.00 – 16.00/19.30                                       
sab ore 10.00/13.00            

STUDIO TRISORIO ROMA
Vicolo delle Vacche, 12                                                                                                                    
                   Tel/fax 06 68136189                                                                               
roma@studiotrisorio.com
mart-sab ore 16.00/20.00



Messaggio di Marco il martedì 19 settembre 2006 alle 11:39   -  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: martedì 11 dicembre 2001   Posts: 155   View Marco's profileProfilo Search for other posts by MarcoCerca Quote

Fondazione Morra - Palazzo dello Spagnuolo

Concorso Gravina 2006

Giovedì 21 settembre ore 10,30

Palazzo dello Spagnuolo – Via Vergini 19 Napoli

 

Giovedì 21 settembre alle ore 10,30 nelle sale del Palazzo dello Spagnuolo si svolgerà la cerimonia di premiazione della quarta edizione del concorso dedicato agli studenti della Facoltà di Architettura e ai loro progetti di riqualificazione del territorio urbano. Il Premio prende il nome dallo storico edificio costruito negli anni 1513-49 su commissione di Ferdinando Orsini duca di Gravina, e oggi sede della Facoltà di Architettura dell’Università di Napoli "Federico II".

Dopo l’area del Gasometro di Fuorigrotta e la Palazzina Rispoli gli studenti partecipanti si sono cimentati quest’anno sui lavori per il ridisegno di Piazza dei Miracoli al rione Sanità, sempre in linea con le finalità di riqualificazione di spazi urbani. Nella giornata di giovedì i membri della commissione giudicatrice renderanno noti i nomi dei vincitori e consegneranno i rispettivi Premi e menzioni.

Interverranno alla cerimonia di Premiazione il Prof. Benedetto Gravagnuolo – Preside della Facoltà di Architettura e l’Avv. Vittorio Brun – Vice Presidente Amministratore delegato della Napoletanagas, anche quest’anno nel ruolo di sponsor dell’iniziativa.

Durante la cerimonia di premiazione i componenti della commissione giudicatrice - Prof. Benedetto Gravagnuolo, Dott. Alfonso Principe, Prof. Francesco Bruno, Ach. Luigi Ugramin, Prof. Agostino Bossi, Ing. Massimo Passerelli, Prof. Fabio Mangone – espliciteranno le motivazioni che hanno determinato le classificazioni dei progetti vincenti fra i dodici concorrenti. I lavori di tutti i partecipanti, premiati e non, saranno esposti e visibili presso la Fondazione Morra per i dieci giorni successivi.

Per informazioni:

Fondazione Morra - Palazzo dello Spagnuolo

Via Vergini 19– 80137 Napoli

Tel. 081 44 209 23 Fax 081 45 40 64 Mail: fondazmorra@virgilio.it



Messaggio di Marco il martedì 19 settembre 2006 alle 11:56   -  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: martedì 11 dicembre 2001   Posts: 155   View Marco's profileProfilo Search for other posts by MarcoCerca Quote

Arte spagnola al Palazzo Loffredo di Potenza

REALIDAD. ARTE SPAGNOLA DELLA REALTA'

inaugurazione 22 settembre 2006 | a cura di laura gavioli | galleria civica di palazzo loffredo | potenza


"Collocata nel programma delle celebrazioni per il Bicentenario di Potenza capoluogo -dice il Sindaco di Potenza, Ing. Vito Santarsiero- "Realidad", mostra sull'arte Spagnola della realtà frutto della sensibilità e della grande professionalità di Laura Gavioli, rappresenta un evento di grande portata con molteplici significati. In un momento storico nel quale il Mediterraneo, forte delle proprie radici culturali e delle grandi potenzialità geografiche ed ambientali, torna a proporsi come luogo privilegiato per una reale prospettiva di coesione e sviluppo delle popolazioni che si affacciano su di esso, "Realidad" è per noi sia occasione per guardare al Mare Nostrum sia occasione per un ricongiungimento culturale con una civiltà, quella Spagnola, che molto ha segnato la storia del Mezzogiorno d'Italia nei decenni pre-unitari del nostro Paese. Inoltre, con questa mostra e come forse mai era avvenuto fuori dai confini iberici, abbiamo la possibilità di poter conoscere ed apprezzare in maniera organica ed unitaria, opere, artisti e filosofia ispiratrice che caratterizzano uno dei filoni delle arti figurative di maggiore rilevanza mondiale: il realismo spagnolo. Realidad vuole essere non solo una grande mostra che riporta a Potenza, nella splendida cornice di Palazzo Loffredo la grande arte, ma anche l'occasione per rafforzare l'ambizioso progetto di fare del capoluogo lucano un centro culturale d'eccellenza. "

Attraverso un centinaio di opere, la rassegna intende restituire la temperie culturale di quella generazione di artisti maturata all'Accademia di San Fernando a Madrid, dove Antonio López García e un gruppo di suoi coetanei come Francisco López, Isabel Quintanilla, Julio López Hernández, Amalia Avia, Maria Moreno e Carmen Laffón, hanno studiato e poi talvolta insegnato alle generazioni successive come guardare la cosiddetta realtà, coniugando la lezione dei maestri spagnoli, dei caravaggeschi, di Goya, con le istanze della modernità.

Negli anni sessanta del XX secolo, la Scuola di Belle Arti di San Fernando a Madrid rappresenta il centro nevralgico della sperimentazione artistica spagnola. Qui è titolare della cattedra di pittura Antonio López García, figura singolare e dotata di un forte carisma, che, rompendo con le forme dominanti, aveva deciso di approfondire gli aspetti illusionistici dell'immagine per poter arrivare alla realtà ultima delle cose. La sua estetica, all'interno di un ambiente effervescente, non immune da un certo carattere profetico, creerà una scuola nella Scuola, dando vita alla Escuela realista madrileña. Durante gli anni di studio conosce María Moreno (Madrid, 1933), pittrice dalla singolare sensibilità che sposerà nel 1961. Di lei, saranno presenti in mostra alcune opere emblematiche a partire dagli anni settanta fino ad oggi, fra cui Cocina de Tomelloso (1972) e Jardín de Poniente (2006). La poetica di Antonio López García (Tomelloso, Ciudad Real, 1936) nasce da un'autentica vena realistica e i suoi soggetti provengono dalla sua esperienza, da ciò che egli ama: le persone a lui care, la sua terra, la città in cui vive, Madrid, celebrata nei diversi dipinti che la raffigurano dall'alto, nelle vie principali e dai sobborghi periferici con le immense voragini tra i palazzi dei nuovi quartieri, i suoi angoli dimessi e malinconici. Dipinti di grandi dimensioni su cui l'autore lavora a lungo, tornandovi anche per anni, ogni volta in cui le condizioni di luce gli sembrino adatte per ridare vita al'impulso emozionale che lo aveva spinto a dipingere. A Potenza sarà presentato un nucleo di opere di pittura, di scultura e disegni di grande importanza, fra cui Carmencita jugando (1960), Madrid sur (1965 - 1985), La cena (1971-'80), Figura de hombre (bronzo, 2001). L'ossessione per la luce, elemento fondante dell'opera pittorica di López García, assume il valore di strumento conoscitivo della realtà anche nell'opera dei suoi eccezionali compagni, come Amalia Avia (Santa Cruz de la Zarza, Toledo, 1930): l'assoluta fedeltà della pittrice al motivo reale si traduce nei bellissimi scorci di città presenti in mostra, come La calle de San Mateo (1974) Despacho de leche (1994): a distanza di vent'anni, l'artista riprende lo stesso soggetto, la città, che, avvolta da una luce radente, emana un'atmosfera sospesa e misteriosa, in bilico fra sogno e realtà. La pittura di Carmen Laffón (Siviglia, 1934) ricrea l'intima calma della quotidianità, colta attraverso un particolare cromatismo che tende ad idealizzarla, pur restando fedele al dato di realtà. Il colore gioca dunque un ruolo dominante nella sua produzione artistica, come testimoniano le opere Bodegón de El Coli (1964) e la serie di paesaggi de El Coto (2005-2006). Anche nell'opera di Isabel Quintanilla (Madrid, 1934) la luce riveste un'importanza eccezionale: da qui le sue nature morte o gli interni in cui si scorgono a malapena ombre misteriose che, realizzate con molteplici velature, acquisiscono un'aura mistica, quasi irreale, inserendo l'opera in una dimensione di atemporalità, come testimoniano dipinti quali Paco escribiendo (1995) o Bodegón con ajos (2004). Presso la Scuola di Belle Arti si San Fernando a Madrid, Isabel Quintanilla conosce e in seguito sposa lo scultore Francisco López Hernández (Madrid, 1932). Dopo i suoi studi a Madrid, Francisco López viaggia in Grecia, Italia e Francia, dove approfondisce la conoscenza della scultura classica, rinascimentale e contemporanea. Il suo percorso tocca inizialmente la tematica religiosa, per poi approdare ad una visione lirica del quotidiano, filtrato attraverso figure ed oggetti cristallizzati nel bronzo, come ad esempio Nina escribiendo (1991). Anche il fratello di Francisco, Julio López Hernández, appartiene al gruppo storico della escuela realista madrileña di cui sviluppa le caratteristiche attraverso la scultura. In occasione della mostra potentina, saranno presentate opere fondamentali quali Marcela agachada (1967) e El alcalde (1972). Un gruppo di artisti più giovani, come Miguel Ángel Argüello (1941), Joan Mora (1944), José María Mezquita (1946), Matías Quetglas (1946), Antonio Maya (1950), è cresciuto portando avanti in maniera originale e spesso assai individuale, la sensibilità dei propri maestri verso ulteriori sviluppi. E ancora, una generazione dai limiti meno definiti, e anche meno definitivi, completa questo quadro della ricerca sempre in evoluzione. Sono i "giovani" Clara Gangutia, una virtuosa allieva di Antonio López capace di aggiungere una straordinaria luce dinamica alle sue composizioni, forse la lezione del cinema, Roberto Gonzáles, Jesús Ibáñez, Fernando Rodrigo,Carlos Díez Bustos.



Realidad. Arte spagnola della realtà
Dal 22 settembre 2006 al 14 gennaio 2007
Galleria Civica di Palazzo Loffredo, Potenza
Organizzazione: Comune di Potenza - Città Cultura
Ingresso: dal martedì alla domenica, ore 9.00 - 13.00 / 17.00 - 21.00. La mostra rimane aperta durante le festività
Catalogo: Marsilio editori, Venezia
Prezzo mostra: ? 3,00 intero; ? 1,50 ridotto (studenti fino a 24 anni, adulti oltre i 60 anni); l'ingresso per i portatori di handicap è gratuito e avviene da Largo Duomo.
Informazioni e prenotazione visite guidate: Galleria Civica Tel./Fax 0971-27185
Per ulteriori informazioni ed immagini rivolgersi: Ufficio Stampa Ku.ra, Rosi Fontana
Tel. 050-9711343 Fax 050-9711317
www.rosifontana.it
Ufficio stampa Comune Potenza, Loredana Costanza
Tel. 0971-415087 fax 0971-27076
ufficiostampa@comune.potenza.it
www.comune.potenza.it




Messaggio di Marco il martedì 19 settembre 2006 alle 12:36   -  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: martedì 11 dicembre 2001   Posts: 155   View Marco's profileProfilo Search for other posts by MarcoCerca Quote

 

Musica, teatro, cinema, danza? Daniele o Carotone, Kataklò o Benni, Marchetto o Madredeus? Cosa scegli per la tua Notte Bianca?

E’ on line il programma aggiornato della manifestazione.

Collegati a
www.nottebiancanapoli.com e cerca l’evento che più ti incuriosisce fra le decine di concerti, rappresentazioni, incontri ed happening previsti e comincia a programmare la tua notte di festa e di divertimento.


Sul sito troverai anche i saluti delle istituzioni e i dettagli di un’interessante iniziativa organizzata dall’Arcidiocesi di Napoli in occasione della Notte Bianca.


Se hai un’associazione e hai autonomamente organizzato anche tu un evento in occasione della Notte Bianca, vai sul sito e segnalacelo attraverso il modulo dedicato proprio alle associazioni. Compilandolo, verrai registrato nel nostro database e tutti sapranno della tua iniziativa.


E se, invece, sei titolare di un negozio, ricorda che è ancora possibile segnalare l’apertura prolungata del proprio esercizio, le offerte commerciali che vuoi proporre agli acquirenti nottambuli e le eventuali iniziative che hai in mente.


Ti aspettiamo: Notte Bianca Napoli sta arrivando!

Comitato NotteBiancaNapoli 2006

Infoline:

081-197.20.651

081-197.20.652

info@nottebiancanapoli.com

 

 



Messaggio di Marco il mercoledì 20 settembre 2006 alle 09:06   -  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: martedì 11 dicembre 2001   Posts: 155   View Marco's profileProfilo Search for other posts by MarcoCerca Quote

notizie del 19/9/2006



fino al 7.I.2007
Sound Zero
Merano (bz), Kunst Meran/Merano Arte

Il suono delle forme, il colore della musica. Pop art, arte psichedelica e street art a confronto, tra prodotti di massa, opere uniche ed enormi graffiti site specific. Un'altra mostra sonda il rapporto tra arte e musica... [leggi]

decibel_talenti laterali
John Duncan

Di Duncan, artista indiscusso del pre e del post-industrial, della body art e dell'ecologia noise, si sa praticamente tutto. Eppure la sterminata discografia, il lavoro performativo e installativo, ne hanno pluralizzato le stratificazioni. Lo abbiamo incontrato... [leggi]

NEW YORK, NEW FOLK

di luca vona

Levità del tono, ferialità, e magari disimpegno. Loro sono i nuovi Pro-Am dell'arte, i dilettanti di lusso della pittura. Che si possono permettere una ricerca 'a domicilio', lontana dagli stilemi main stream. Per consentirci di appendere in salotto un quadro senza che nostra suocera inarchi il sopracciglio. Loro sono i New Folk, e New York si appresta a celebrarli. [leggi]

fino al 29.X.2006
Rinko Kawauchi
Milano, Galleria Carla Sozzani

Immagini raffinate per cantare la fragilità dell'esistenza. E i legami profondi che uniscono l'universo intero. Poesia visiva dalle tonalità pastello. Che esalta i dettagli del quotidiano e della natura... [leggi]

fino al 23.IX.2006
Valentina M
Cagliari, Galleria Studio 20

"L'afasia porterà via le emozioni?". È un assillante dubbio quello che spinge Valentina M a scrivere per immagini e parole un racconto introspettivo che parla della necessità di essere accolti... [leggi]


Exibart.radio del 19/9/2006



> freeshout!?... e prato si fa contemporanea.
> distribuisci anche tu exibart.onpaper. ecco tutti i vantaggi per chi diventa exibart.point.
> questo non è un festival! al via a roma l'undicesima edizione di enzimi.


gli eventi di oggi: (20/9/2006)



...si svolgono in giornata
Firenze, Giampaolo Talani info...
  [stazione santa maria novella]



...vernissage di oggi
Brescia, Evoé il grido delle baccanti info...
  [sala santi filippo e giacomo]

Capalbio, Uberto Dal Pozzo d'Annone - Giochi d'estate in Maremma info...
  [castello aldobrandesco collacchioni]

Milano, Lisi Raskin - High positive void coefficient info...
  [galleria riccardo crespi]

Milano, Silvio Canini - Il venditore di ombre info...
  [galleria bel vedere]

Napoli, Carol Jackson info...
  [changing role - project room]

Napoli, Franco Canale - ll racconto della grafica info...
  [castel nuovo - maschio angioino]

Roma, Ana Maria Laurent - !Colpito! info...
  [galleria della tartaruga]

Roma, Coraggio info...
  [galleria auchan]

Roma, Francesco Canini info...
  [galleria bettivo' horti lamiani - quattro fontane]

Roma, Incontriamo le emozioni info...
  [palazzo medici clarelli - i municipio]

Roma, Museums info...
  [maxxi - museo delle arti del xxi secolo]

Roma, Net Web Art - Geografie di spazi info...
  [maxxi - museo delle arti del xxi secolo]

Roma, Soltanto un quadro al massimo: Mario Merz / Wolfgang Laib info...
  [villa massimo - accademia tedesca]

Roma, Wolfgang Garofalo - La seduzione nel segno info...
  [galleria tondinelli]

Senigallia, Circle Line #3 - Scirocca info...
  [ram - rotonda a mare]

Terni, Faccia a Faccia info...
  [centro palmetta]

Torino, Carlo Cattadori - Cuba: Gente Especial info...
  [fnac]




Messaggio di Marco il mercoledì 20 settembre 2006 alle 09:27   -  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: martedì 11 dicembre 2001   Posts: 155   View Marco's profileProfilo Search for other posts by MarcoCerca Quote

Alla Galleria Glance di Torino lo Stag Party di André Ethier

ANDRE' ETHIER. STAG PARTY

inaugurazione 19 settembre | ore 15:30 | a cura di luca vona | galleria glance | torino


In occasione delle aperture straordinarie delle gallerie d'arte contemporanea torinesi, anche la galleria Glance, nei giorni 19, 20 e 21 settembre prolungherà l'orario di apertura fino alle ore 20:30 per presentare la prima personale italiana del pittore canadese André Ethier.
Una donna con due corna di cervo compare su uno sfondo psichedelico, raffigurata con pennellate che ricordano certa pittura aborigena; un fauno giace in una posa provocante su un letto di selci, avvolto dalla notte. I piccoli dipinti del canadese André Ethier riportano alla mente la vivacità della pittura Fauve, ma i violenti accostamenti cromatici e l'intensità timbrica che conferivano alle opere di Matisse un senso di inattaccabile serenità danno vita in questi lavori a una sorta di carnevale macabro, dove sfilano uno dopo l'altro uomini, animali e creature ambigue, in cui l'identità di genere e di specie si dissolve in una visione pansessuale dell'esistenza.
Un senso primitivista che ricorda i testi utopici di David Henry Thoreau e che traspare anche nelle pennellate vigorose, nel quasi totale annullamento prospettico, nel carattere di "maschera" esibito dai soggetti rappresentati. Raramente compare qualche paesaggio, che conserva comunque un carattere bizzarro, come la montagna che sembra un ventre, con le sue viscere color cremisi, o come certi arcobaleni nel cuore della notte.
Fin dai suoi esordi l'artista ha lavorato soprattutto a una ritrattistica dal carattere fantastico, capace di ispirarsi tanto alla storia dell'arte quanto alla cultura di massa, ad esempio al cinema horror. In una serie di lavori recenti ha presentato una galleria di zombie abbigliati da hippies o da ufficiali delle SS, scheletri e spaventapasseri animati. Sono lavori che riportano in mente le danze macabre medievali, il Trionfo della Morte di Hieronymus Bosch, i Morti viventi di Gorge A. Romero e che sembrano voler sottolineare l'egemonia della Morte nei confronti dell'ideologia, dei progetti di modernità e progresso, dell' ansia produttivista e consumista, di ogni velleitaria distinzione tra gli individui.
Quella di André Ethier è una pittura che ci mostra l'uomo nella sua pura carnalità, come corpo livido e senza anima. L'alone necrofilo, l'attitudine antinaturalistica -espressa soprattutto da una esuberante tavolozza cromatica- e al tempo stesso la profonda fusione dell'uomo con la natura conferiscono alla pittura di André Ethier una carica tremendamente sovversiva. In uno dei dipinti in mostra, una donna davvero brutta, ma con indosso una abito vezzoso ritratto con particolare grazia, pensa tra se e sé "Se questo non è incredibile, allora non so proprio che significhi la parola incredibile". Di fronte all'universo fantasmagorico che prende vita in questi scintillanti lavori a olio non si può che essere d'accordo.



ANDRE' ETHIER. Stag Party
Dal 19 settembre al 27 Ottobre 2006
Galleria Glance
via San Francesco da Paola 48/E, Torino
Info: Tel. +39 348 9249217




Messaggio di Marco il mercoledì 20 settembre 2006 alle 09:30   -  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: martedì 11 dicembre 2001   Posts: 155   View Marco's profileProfilo Search for other posts by MarcoCerca Quote

Meccaniche della Meraviglia IV
2 Ottobre - 4 Novembre 2006
 
 
 
 
Circuitazione mostre d’arte contemporanea 2006 a cura dell’Ufficio Beni Culturali della Provincia di Brescia
 
Inaugurazione Domenica 1 Ottobre 2006
 
Eduard HABICHER, a cura di Walter Guadagnini | Pieve di San Zeno – Comune di Lonato
 
Elmar TRENKWALDER, a cura di Peter Weiermair | Castello Bonoris – Comune di Montichiari
 
Nanni VALENTINI, a cura di Piergiovanni Castagnoli | Ex chiesa dei Disciplini ora Auditorium Don Bertin – Comune di Calcinato
 
MECCANICHE DELLA MERAVIGLIA IV
Circuitazione mostre d’arte contemporanea 2006
a cura dell’Ufficio Beni Culturali della Provincia di Brescia
 
INAUGURAZIONI DOMENICA 1 OTTOBRE 2006
Lonato – ore 11,30
Montichiari – ore 13,00
Calcinato – ore 15,30
 
Ad ogni inaugurazione la “Strada dei Vini e Sapori del Garda” offrirà ai partecipanti assaggi di cibi e vini tipici.

I luoghi
Lonato Pieve di San Zeno
Montichiari Castello Bonoris
Calcinato Ex Chiesa dei Disciplini Auditorium Don Bertini

Gli artisti
Eduard HABICHER a cura di Walter Guadagnini
Elmar TRENKWALDER a cura di Peter Weiermair
Nanni VALENTINI a cura di Piergiovanni Castagnoli
 
La quarta edizione della mostra “Meccaniche della meraviglia”, che si terrà da domenica 1 ottobre a sabato 4 novembre 2006 presso tre Comuni dell’entroterra gardesano, ospita quest’anno tre artisti di fama internazionale: Eduard Habicher, Elmar Trenkwalder e Nanni Valentini.
 
Questo è ormai il settimo anno che la Provincia di Brescia propone mostre d’arte contemporanea, allestite in spazi architettonici di particolare pregio, quali castelli, palazzi, chiese e siti di archeologia industriale, organizzate e concepite come un percorso itinerante, con lo scopo di far conoscere e valorizzare alcuni luoghi emblematici della storia bresciana, come Torre Avogadro a Lumezzane, il Vittoriale degli Italiani a Gardone Riviera o Villa Zanardelli a Toscolano Maderno, o quegli spazi che hanno segnato lo sviluppo economico e la storia sociale delle sue valli, basti pensare ai musei del ferro e del lavoro in Valtrompia, alle ex-aree industriali della Falck di Vobarno o del cotonificio De Angeli Frua di Roè Vociano, per citarne solo alcuni.
 
La quarta edizione di “Meccaniche della meraviglia” si presenta come logica continuazione delle precedenti, offrendo la scena a tre importanti esponenti dell’arte italiana ed europea, ponendo l’accento sulle diversità che permeano le loro ricerche artistiche e offrendo gli spunti per un dialettico confronto tra le loro poetiche.
 
Anche quest’anno la scelta delle sedi espositive è stata dettata dalla volontà di favorire il rapportarsi dell’opera d’arte con lo spazio architettonico che la circonda, per questo motivo per le inquietanti sculture e le visionarie architetture di Elmar Trenkwalder è stata scelta la cornice neo-gotica del Castello Bonoris a Montichiari, mentre le sculture di Eduard Habicher saranno ospitate nella tardo-medievale Pieve di San Zeno a Lonato. Infine, le materiche terrecotte di Nanni Valentini (unico artista non più vivente presente in mostra) troveranno collocazione nell’Auditorium Don Bertini di Calcinato, ex chiesa dei disciplini recentemente ristrutturata.
 
A guidare i visitatori lungo il percorso espositivo saranno tre fra i più importanti critici contemporanei: Piergiovanni Castagnoli, Direttore del Museo d’Arte Contemporanea di Torino, Walter Guadagnini, già Direttore della Galleria Civica di Modena, e Peter Weiermair, già Direttore della Galleria d’Arte Moderna di Bologna, del Kunstverein di Francoforte e del Museo Rupertinim di Salisburgo.
 
Orari di apertura al pubblico
Dal 1 ottobre al 4 novembre 2006
Dal martedì al venerdì dalle 15 alle 19
Sabato e festivi dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19
Lunedì chiuso
 
Ingresso gratuito, tranne Castello Bonoris
Visite guidate su prenotazione per gruppi ed istituti scolastici al mattino
Per Informazioni:
Assessorato alla Cultura della Provincia di Brescia
Tel. 030.3749905 – 030.3749409 – 030.3749949
Fax 030.3749908
email:
bdattoma@provincia.brescia.it; epiantoni@provincia.brescia.it
Per ricevere materiale fotografico contattare bdattoma@provincia.brescia.it
 



Messaggio di Marco il mercoledì 20 settembre 2006 alle 10:18   -  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: martedì 11 dicembre 2001   Posts: 155   View Marco's profileProfilo Search for other posts by MarcoCerca Quote

A Milano una grande mostra di Jannis Kounellis

FONDAZIONE ARNALDO POMODORO

24 settembre 2007 - 11 febbraio 2007 | a cura di bruno corà | fondazione arnaldo pomodoro | milano


La Fondazione Arnaldo Pomodoro festeggia il suo primo anno di vita con una grande mostra dedicata all'opera di Jannis Kounellis.
Allestita dall'artista, giorno per giorno, in un infaticabile processo di costruzione, assestamento, rielaborazione di pensieri e di gesti sedimentati lungo i decenni precedenti, la mostra è essa stessa un'opera: un "atto unico", secondo l'immagine cara a Kounellis. Unica e specifica è, infatti, l'intenzionalità, plasmata vigorosamente sulla spazialità ampia e disponibile della Fondazione Arnaldo Pomodoro.
Luogo simbolo dell'industria milanese del Novecento, l'ex-fabbrica di turbine Riva & Calzoni vive in quest'occasione una seconda possibilità, che scaturisce, senza alcun piglio didascalico, dall'accostamento poetico di forme, geometrie, materiali (ferro, carbone, tela di juta, legno, pietra.). La storia non ne risulta interpretata, ma piuttosto accompagnata con lievità, come descrive Bruno Corà, curatore della mostra, nel suo saggio in catalogo.
Concentrata per lo più nella grande "navata" del piano terreno - fa eccezione il pianoforte a coda, rielaborazione di un'opera del 1972, qui appoggiato su una catasta di lamiere - la mostra, che raccoglie più di venti opere, articola il proprio andamento attorno ad alcuni archetipi (il labirinto, la luce, la vela evocatrice del viaggio.).

Come ha scritto Corà, "Concepita nella forma di un vasto organismo plastico, questa grande creazione di Jannis Kounellis - una delle più articolate e vigorose degli ultimi anni - reca nel suo asse centrale una concatenazione morfologica frutto di un unico disegno emotivo. Alla base di tale strutturazione immaginaria sta il dedalico tracciato spaziale labirintico che tutto trascina con sé nella sua enigmatica cifra di destino mitico. Su questo impianto, in cui la regola metamorfica sostiene l'intera tensione poetica, Kounellis traccia il suo "affresco" nello spazio, con una drammaturgia "a macchie" che investe, insieme al luogo e alla città, l'attualità problematica di una intera storia, affrontata con gli strumenti di una lingua emblematica che non abdica al proprio sogno costruttivo e all'idea di uno sviluppo possibile delle proprie premesse immaginarie".

La fase dell'allestimento ha rappresentato anche uno straordinario cantiere creativo offerto al cinema e alla fotografia. Ermanno Olmi ha "pedinato" l'artista lungo tutto il processo, catturandone l'andirivieni nello spazio, il metodo di lavoro, l'andamento a spirale del pensiero che si imbeve della personalità dei luoghi e progressivamente li trasforma. Il filmato verrà presentato in autunno alla Fondazione Arnaldo Pomodoro.

A sua volta, Carlo Orsi ha fotografato il "set" dell'allestimento, cogliendo anche l'affettuoso triangolo amicale che unisce Jannis Kounellis, Ermanno Olmi e Arnaldo Pomodoro. Gli scatti di Orsi costituiscono lo scheletro portante del catalogo, impaginato dallo Studio Cerri & Associati e pubblicato da Skira.




Fondazione Arnaldo Pomodoro
Via Andrea Solari 35
20144 Milano
tel. 02 89 07 53 94/5
fax 02 89 07 52 61
www.fondazionearnaldopomodoro.it

Ufficio stampa:
Cristina Pariset
tel. 02 48 12 584
cell. 348-51 09 589
fax 02 48 12 486
cristina.pariset@libero.it

Ufficio stampa interno:
Anna Chiara Cimoli
tel. 02 89 07 53 94/5
fax 02 89 07 52 61
press@fondazionearnaldopomodoro.it

Ufficio stampa Skira:
Mara Vitali Comunicazione - Lucia Crespi
tel. 02 72 95 09 62
fax 02 70 00 54 03
arte@mavico.it

LE IMMAGINI POSSONO ESSERE SCARICATE DAL SITO www.fondazionearnaldopomodoro.it NELLA SEZIONE "MOSTRE ED EVENTI" > "PRESS"




Messaggio di Marco il giovedì 21 settembre 2006 alle 08:42   -  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: martedì 11 dicembre 2001   Posts: 155   View Marco's profileProfilo Search for other posts by MarcoCerca Quote

notizie del 20/9/2006



MANTEGNA AL CUBO
Tre città per un artista. Padova, Verona e Mantova celebrano il quinto centenario della morte di Andrea Mantegna. Tra antichità classiche e scorci prospettici, tra Donatello e Leon Battista Alberti, uno dei più grandi artisti del Rinascimento. Oltre trecento opere -da gustare con calma- in una mostra destinata a passare alla storia... [leggi]

fino al 2.X.2006
Argenti a Pompei
Napoli, Museo Archeologico Nazionale

L'Archeologico tira fuori il servizio buono per raccontare l'età d'oro di Pompei e dintorni. Il risultato? Un affresco della Roma magnona servito su un piatto d'argento. Decisamente squisito... [leggi]

fino al 19.XI.2006
Ida Barbarigo
Venezia, Palazzo Fortuny

Lui e lei. Sempre a Venezia. Dall'omaggio post mortem a Zoran Music, prima dell'estate, in Laguna si celebra Ida Barbarigo, compagna del pittore goriziano. In una mostra che pare un atelier. [leggi]

design
Tord Boontje

Trasformare un oggetto comune in qualcosa di nuovo. Risvegliare le emozioni sopite, aggiungendo colori e giocando con le forme. Il design contemporaneo usa le nuove tecnologie ma, sotto sotto, è un romanticone. Le creazioni di Tord Boontje... [leggi]

fino al al 15.X.2006
Larry Fink
Bologna, Villa Delle Rose

In mostra le fatiche del fotografo newyorkese Larry Fink. Uno sguardo intimo in bianco e nero sulla musica e i suoi operatori che arriva a trascinarci. Perché anche in ognuno di noi, da qualche parte, pulsa il beat. [leggi]

fino al 21.IX.2006
Francesco Giusti
Trieste, Studio Tommaseo

La Milano che il pubblico fighetto dell'arte eviterebbe. La periferia, le fabbriche abbandonate abitate da un'umanità lontana dal mondo e da ogni dio. Ma che ha il coraggio di vivere e l'orgoglio di sorridere. [leggi]


Exibart.radio del 20/9/2006



> firenze di male in peggio. un affresco rinascimentale... alla stazione santa maria novella.
> morto a milano vico magistretti, grande maestro del design italiano.
> il grande slam newyorkese di cucchi. personale da phillips.


gli eventi di oggi: (21/9/2006)



...si svolgono in giornata
Alessandria, Inaugurazione info...
  [opificio delle arti]

Milano, Make it better info...
  [triennale - palazzo dell'arte]

Milano, Michele Chiossi - The Jap-diptyque Room info...
  [pandolfini - spazio bigli]

Palermo, John Duncan - Cinema for the blind info...
  [galleria san saverio - ersu]



...vernissage di oggi
Bergamo, Mariella Bettineschi - Voyager info...
  [gamec - galleria d'arte moderna e contemporanea]

Bologna, Annibale Carracci info...
  [museo civico archeologico]

Bologna, Lìber àperit lìbrum info...
  [ta matete]

Bologna, Seydou Keita info...
  [galleria marabini]

Cagliari, Uliano Lucas - Intorno a noi info...
  [caffe' savoia]

Cortenuova, Voi (non) siete qui info...
  [acciaierieartecontemporanea]

Firenze, Carlo Cantini - Nostalgia info...
  [oe club]

Firenze, Giampiero Poggiali Berlinghieri - Opere multimediali e interattive info...
  [fyr via dell'acqua]

Firenze, Giovanni Paszkowski - L'ora sospesa info...
  [museo marino marini]

Firenze, Helmut Newton - 72 ore a Roma info...
  [shenker culture club]

Firenze, Marco Martelli - Nature in bilico info...
  [galleria falteri]

Firenze, Nextech Festival info...
  [stazione leopolda]

Milano, Beth Brideau - Escape Route info...
  [ar contemporary gallery]

Milano, Eltjon Valle - People & Places info...
  [leonardo milan gallery]

Milano, Enrico Robusti info...
  [pittura italiana]

Milano, Franco Costalonga - Le strutture della Mente info...
  [fondazione luciana matalon]

Milano, Jan Saudek info...
  [galleria ca' di fra']

Milano, Jean-Luc Thaly - Saudade, saudade. Lisbona info...
  [fnac]

Milano, Medhat Shafik - aiqunat, territori dell'anima info...
  [spiralearte]

Milano, Silvano Tessarollo - Umano è il nostro cielo info...
  [bnd tomasorenoldibracco contemporaryartvision]

Milano, Tim Lehmacher - "Pli" and Canova works info...
  [amedeo porro]

Monza, Anselmo Bucci - Il pittore volante info...
  [montrasio arte]

Napoli, In arte... tango info...
  [castel nuovo - maschio angioino]

Napoli, La musa muta info...
  [institut français de naples le grenoble]

Napoli, Marcello Mazzella - Webality info...
  [franco riccardo artivisive]

Palermo, Teodor M. Dumitrescu / Jeff Faerber info...
  [zelle arte contemporanea]

Pavia, Arte anziano. Miracolosamente arte info...
  [villa flavia]

Pergine Valsugana, Pergine Valsugana: architettura, arte, cinema, musica, teatro, follia info...
  [castello di pergine]

Potenza, Realidad info...
  [galleria civica - palazzo loffredo]

Roma, Alberto Cravanzola 1903-1966 info...
  [museo andrea e blanceflor boncompagni ludovisi]

Roma, Another Thing info...
  [spazio bdd - bocca di dama]

Roma, Cantieri d'arte info...
  [associazione culturale lignarius]

Roma, Cina. Nascita di un impero info...
  [scuderie del quirinale]

Roma, Esterno giorno info...
  [nuova galleria campo dei fiori]

Roma, Esther Beer Percal - Vestali info...
  [la nube di oort]

Roma, Fulvio Rendhell info...
  [margutta arcade]

Roma, Igino Panzino - Rilievi 2004/2006 info...
  [galleria arte e pensieri]

Roma, O.S.I. - Residui passivi info...
  [sedi varie]

Roma, Sottovoci info...
  [scalo san lorenzo - centro di meccanizzazione postale]

Roma, Valeriano Trubbiani info...
  [museo andrea e blanceflor boncompagni ludovisi]

Savona, Teorema Fornasari - Il Progetto Spaziale di Teoremino info...
  [villa cambiaso]

Siena, Claudio Missagia - Still lifes info...
  [biale cerruti art gallery]

Torino, Incroci info...
  [galleria dieffe]

Torino, Janusz Haka info...
  [studio fornaresio]

Torino, Lorella Forte info...
  [studio di anna virando]

Torino, Shoja Azari - Windows info...
  [marco noire contemporary art]

Venezia, Guido Albanello - Panorami Veneti. Belluno, Padova, Rovigo, Treviso, Venezia, Verona, Vicenza info...
  [biblioteca nazionale marciana]

Venezia, Mario Vidor info...
  [le bistrot de venise]

Verona, Gaetano Pesce info...
  [byblos art gallery]




Messaggio di Marco il giovedì 21 settembre 2006 alle 08:45   -  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: martedì 11 dicembre 2001   Posts: 155   View Marco's profileProfilo Search for other posts by MarcoCerca Quote

Mario Schifano da Zonca & Zonca a Milano

DESERTI

venerdì 22 settembre | ore 12.00 - 21.00 | galleria zonca & zonca | milano


La Galleria Zonca & Zonca inaugura la stagione espositiva con la mostra Mario Schifano - Deserti, ciclo di dieci tele monumentali eseguite dall'artista nel 1984 in uno periodo di estrema felicità creativa. La mostra arriva a Milano dopo un viaggio 'nomade' con tappe espositive a Tripoli, Tunisi, Marrakech ed al Museo Archeologico di Crotone - Capo Colonna.
Le opere esposte testimoniano le radici dell'artista nato a Homs in Libia nel 1934 ed appaiono ispirate dai ricordi dell'infanzia come nel caso di 'Leptis Magna 20.9.34', o dal desiderio di un viaggio immaginario nei luoghi della memoria come 'Petra', 'Palmira, 'Giza. Gli smalti, le sabbie e la terra, comunicano, anche in virtù di una matericità spiccata, un'immagine di deserto quale microcosmo felice.
In occasione della mostra sarà edita una pubblicazione con un testo di Achille Bonito Oliva dal titolo Schifano - pittura in miraggio e deserto.



MARIO SCHIFANO - 'Deserti'
Pittura in miraggio e deserto
Evento: START, inaugurazione delle gallerie milanesi, che nei giorni 22, 23 e 24 settembre saranno visitabili dalle ore 12.00 alle ore 20.00

Dal 22 settembre al 10 novembre 2006
Orari: 10.30 - 13.00 / 15.30 - 19.30 da lunedì a venerdì, sabato su appuntamento
Organizzazione: Gianfranco e Elena Zonca
Catalogo disponibile in galleria, con testo di Achille Bonito Oliva
Galleria Zonca&Zonca
Via Ciovasso 4 (20121)
+39 0272003377 (tel), +39 0272003369 (fax)
info@zoncaezonca.com
www.zoncaezonca.com
Immagini:
Mario Schifano, Di notte, 1984, tecnica mista e sabbia su tela e cornice dipinta, cm 280 x 280
Attraverso il deserto senza nome 1, 1984, tecnica mista e sabbia su tela e cornice dipinta, cm 280 x 280





Messaggio di Marco il venerdì 22 settembre 2006 alle 09:26   -  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: martedì 11 dicembre 2001   Posts: 155   View Marco's profileProfilo Search for other posts by MarcoCerca Quote

notizie del 21/9/2006



I CREATIVI DEL QUARTIERINO
Piccole aeree culturali crescono. Da Via Ventura a Lambretto, passando per Brainport, grande contenitore di attività creative che presto aprirà i battenti a Milano. E che in occasione di Start si presneta ai milanesi durante questo fine settimana. Ne abbiamo parlato con il suo anfitrione, il collezionista -imprenditore - immobiliarista Mariano Pichler... [leggi]

fino al 3.XII.2006
Goya e la tradizione italiana
Traversetolo (pr), Fondazione Magnani

Un premio mancato per colpa di una modernità troppo spregiudicata. Poi il successo internazionale dei grandi ritratti di corte e l'irriverenza dei Caprichos. Una mostra che celebra la rivincita di un grande innovatore... [leggi]

architettura_biennale
States nell'uragano

Non solo Burdett. Gli aspetti criticabili di questa Biennale di Architettura vanno aldilà delle linee direttive. E le scelte di alcuni padiglioni nazionali sembrano all'insegna della comunicazione priva di contenuto. È il caso degli USA, alle prese con Katrina... [leggi]

fino al 24.IX.2006
Girato a Palermo
Palermo, Ex Deposito Sant'Erasmo

Dieci video su Palermo. Undici artisti che attraverso i loro diari di bordo esprimono la propria Weltanschauung. Raccontando l'essenza della città e mostrando inediti punti di vista... [leggi]

fino al 21.X.2006
Jeppe Hein
Firenze, Base

Acqua e fuoco si rincorrono sull'acciaio sagomato. Gli opposti coincidono in un liquido, pozione che li mescola insieme in un legame a prima vista tranquillo. I risvolti sono invece inaspettati e spettacolari... [leggi]

fino al 26.IX.2006
Marco Calcinaro
San Benedetto (ap), Palazzina Azzurra

Volti, uomini, paesaggi: tutto ruota intorno al blues. Una musica che rappresenta le comunità afroamericane e incarna la loro storia. L'emigrazione forzata, la schiavitù, la lotta per la libertà... [leggi]


Exibart.radio del 21/9/2006



> vento del cinema torna a soffiare sull'isola di procida. artefice enrico ghezzi.
> il mare a torino? basta eliminare la stazione!
> la spagnola marta gili alla direzione del parigino musée du jeu de paume.


gli eventi di oggi: (22/9/2006)



...si svolgono in giornata
Frascati, La Notte Europea della Ricerca info...
  [infn - istituto nazionale di fisica nucleare]

Milano, Tent. Academy Awards 2006 info...
  [c/o careof]

Torino, Il mare a Porta Nuova. Un progetto per la città info...
  [terrazza]

Venaria Reale, Management culturale e formazione: bilanci e prospettive info...
  [reggia]



...vernissage di oggi
Agrigento, Greta Garbo. The Mysteriuos Lady info...
  [spazi espositivi chiaramontani]

Alba, Architentare info...
  [sedi varie]

Ascoli Piceno, Eterno presente primordiale #3 info...
  [galleriainsieme - artsinergy]

Bari, John Giorno / Manlio Capaldi - Drawing Words info...
  [galleria bonomo]

Bologna, Mirko Baricchi - La casa del custode info...
  [galleria l'ariete]

Brescia, Progetto Utopia info...
  [show room nuovi strumenti]

Cagliari, Paolo Pergola - Visioni di un naufrago info...
  [may mask cafe']

Casale Monferrato, Musae: Museo Urbano Sperimentale d'Arte Emergente info...
  [sedi varie]

Casalzuigno, Dal muro alla tela info...
  [villa della porta bozzolo]

Cherasco, Antonella Tavella - Il grido del silenzio info...
  [circolo enogastronomico culturale eremo]

Città Di Castello, Arte in Umbria nell'Ottocento - Le Arti applicate info...
  [palazzo vitelli]

Ercolano, FuocOVitale. Arte, magma e vino info...
  [mav - museo archeologico virtuale]

Firenze, In Quattro Movimenti info...
  [limonaia di villa strozzi]

Firenze, Malgosia Turewicz-Lafranchi - Biwak info...
  [vera pietra serena]

Firenze, Mozart a Firenze: qui si dovrebbe vivere e morire info...
  [biblioteca nazionale centrale]

Foligno, Arte in Umbria nell'Ottocento - Dal Neoclassicismo alla Restaurazione info...
  [museo della citta' - palazzo trinci]

Giovinazzo, Sealife/La vita nel mare info...
  [vedetta della marina]

Giugliano In Campania, Alessia Carucci / Pino Faiello - Tratti Vuoti e Pieni info...
  [ex chiesa delle concezioniste]

Mantova, Luca Giovagnoli - Affari di famiglia info...
  [bonelli arte contemporanea]

Milano, A-1 53167 - Colectiva info...
  [prometeogallery]

Milano, Abbominevole / Ozmo info...
  [galleria 1000eventi]

Milano, Alexander Brodsky - Tre tavoli info...
  [galleria milano]

Milano, Burden | Cuoghi | Gander info...
  [galleria massimo de carlo]

Milano, Catherine Sullivan - The Chittendens info...
  [galleria gio' marconi]

Milano, Christine De La Garenne - Twist and shout info...
  [neon>fdv]

Milano, Daniel Gonzalez / D.G. Clothes Project - Sono incazzato nero e tutto questo non lo voglio più info...
  [viafarini]

Milano, Doriana Chiarini - Opere recenti info...
  [galleria salvatore + caroline ala]

Milano, Fabien Verschaere - Copy cat info...
  [galica artecontemporanea]

Milano, Flavio Bonetti - Storia Naturale info...
  [galleria monica de cardenas]

Milano, Gianni Colosimo - Wall Paper [Il vortice del desiderio è privo d'orizzonte] info...
  [galleria pack]

Milano, Idolls info...
  [ice age nano gallery]

Milano, Igino Legnaghi - Disciplina formale e sostanza spirituale info...
  [a arte studio invernizzi]

Milano, Jana Sterbak info...
  [galleria raffaella cortese]

Milano, Jeppe Hein - Fontane info...
  [zero...]

Milano, La terra e le nuvole info...
  [unicredit private banking]

Milano, Lambretto info...
  [brainport]

Milano, Loris Gréaud - Illusion is a revolutionary weapon info...
  [centre culturel français]

Milano, Lovett & Codagnone - The party with us info...
  [galleria emi fontana]

Milano, Luca Bertolo - La repubblica delle donne info...
  [galleria alessandro de march]

Milano, Luigi Presicce - Ventidue perdoni info...
  [antonio colombo arte contemporanea]

Milano, Maja Vukoje info...
  [studio d'arte cannaviello]

Milano, Mario Nigro info...
  [galleria dep art]

Milano, Mario Schifano - Deserti info...
  [zonca & zonca]

Milano, Mark Francis info...
  [galleria rubin]

Milano, Maurizio Pellegrin - Tutto il rosso del mondo info...
  [studio giangaleazzo visconti]

Milano, Miguel Berrocal - Ferri e bronzi, 1955/65 info...
  [lorenzelli arte]

Milano, Shape without form, shade without colour, paralysed force, gesture without motion info...
  [galleria francesca kaufmann]

Milano, Spencer Finch info...
  [galleria suzy shammah]

Milano, Start 2006 - Settembre info...
  [sedi varie]

Milano, Stefano Arienti info...
  [studio guenzani]

Milano, Story and Structure info...
  [marella arte contemporanea]

Milano, Terry Rosenberg info...
  [nowhere gallery]

Milano, The Three Cities. Milan: the factory info...
  [ex fabbrica presbitero]

Milano, Valerio Carrubba - E' strano continuare a pensare... info...
  [galleria pianissimo]

Milano, Vanessa Beecroft - South Sudan info...
  [galleria lia rumma]

Montesilvano, Il vuoto al centro info...
  [via roma]

Orvieto, Arte in Umbria nell'Ottocento - Dal Romanticismo all'Unità d'Italia info...
  [fondazione cassa di risparmio di orvieto - palazzo coelli]

Padova, Pierantonio Tanzola - Omissis info...
  [galleria sottopasso della stua]

Perugia, Arte in Umbria nell'Ottocento - Puristi, Nazareni e Romantici info...
  [palazzo baldeschi al corso]

Pieve Di Cento, Alfonso Borghi info...
  [magi 900]

Pisa, Francesco Masci info...
  [cantiere sanbernardo]

Roma, Emilio Farina - Al Fuoco! Al Fuoco! la Librària Altieri... info...
  [palazzo altieri]

Roma, Flavio de Marco - Mimesi.04 che guarda Mimesi di Giulio Paolini info...
  [studio d'arte contemporanea pino casagrande]

Roma, Giorgio Palmera - Al Jidar info...
  [galleria santa cecilia]

Roma, Joan Villaplana - Fondali Metropolitani info...
  [studio lipoli & lopez]

Roma, Un'altra voce, un altro sguardo info...
  [lavatoio contumaciale]

San Vincenzo, Enzo Masci - Emozioni in Movimento info...
  [sala espositiva comunale]

Spoleto, Arte in Umbria nell'Ottocento - La scultura info...
  [ex museo civico]

Terni, Arte in Umbria nell'Ottocento - Dal Realismo all'Art Nouveau info...
  [palazzo montani leoni]

Torino, Ale Guzzetti / Albano Morandi info...
  [fusion art gallery]

Venezia, 10. Mostra Internazionale di Architettura - Architetture di Passaggio. Sguardi sull'architettura dal Ticino info...
  [spazio culturale svizzero]

Venezia, Gabriella Scarpi - Creazioni info...
  [palazzo mocenigo - centro studi di storia del tessuto e del costume]

Villafranca Piemonte, Mirco Marchelli - Via Crucis info...
  [ex chiesa della beata vergine delle grazie]

Villanova Monteleone, Joel Tettamanti - Sguardi Identificabili info...
  [su palatu 'e sas iscolas]

Viterbo, Cantieri d'Arte 2006 - Ridisegnare i Luoghi Comuni info...
  [palazzo di donna olimpia]




Messaggio di Marco il sabato 23 settembre 2006 alle 08:56   -  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: martedì 11 dicembre 2001   Posts: 155   View Marco's profileProfilo Search for other posts by MarcoCerca Quote

notizie del 22/9/2006



BENTORNATA FACTORY
Uno spazio di 2500 metri quadrati sulle colline di Rimini. Un luogo che è allo stesso tempo un laboratorio e un centro culturale, una factory sempre in movimento. Per una visione della cultura a 360 gradi. Apre i battenti il 23 settembre Velvet Factory, espansione multimediale di uno storico club riminese. E il distretto culturale diventa realtà... [leggi]

fino al 3.XI.2006
Eretica
Palermo, Galleria Civica d'Arte Moderna

Una grande mostra svela l'anima trascendente dell'arte contemporanea. Un palcoscenico di immagini, racconti e provocazioni. Un viaggio tra sacro e profano, antico binomio che torna alla ribalta... [leggi]

fino all'1.X.2006
Andrea Galvani
Monfalcone (go), Galleria Comunale

Un cavallo con la testa affondata nei palloncini. La roccia della montagna misteriosamente ricoperta di sfere scure. Gli specchi mostrano tutto quello che sta alle spalle della fotocamera. L'intrico di un rebus visivo. [leggi]

fino al 20.X.2006
Imperfect Realities
Bologna, Artsinergy

Codici espressivi sovvertiti, manipolazioni genetiche surreali, universi psichedelici. L'immaginario mediatico e scientifico viene stravolto nelle opere di quattro artisti. Per scardinare ogni cliché... [leggi]

libri_monografie
L'Origine du monde
(bartillat 2006)

Un intero libro dedicato alla vagina più celebre della storia della pittura. Il capolavoro di Courbet sotto i riflettori. Eppure l'analisi rimane in superficie. Storia di un'occasione mancata... [leggi]

fino al 17.X.2006
Margarita Andreu
Venezia, Galleria Michela Rizzo

L'idea sopra ogni cosa. Un esercizio sul tempo e le sue trasformazioni. Due opere per un tema universale che sembra non esaurirsi mai. Sulla scia della migliore tradizione concettuale.... [leggi]


Exibart.radio del 22/9/2006



> il vuoto al centro. sette artisti sulle trasformazioni urbane in abruzzo.
> la torino radiofonica riparte con il bidone, urban container di musica e cinema.
> come ti ridisegno il quartiere sanità. assegnati a napoli i premi gravina 2006.


gli eventi di oggi: (23/9/2006)



...si svolgono in giornata
Etroubles, Italo Bolano info...
  [municipio]

Gallarate, Plaid #2 info...
  [civica galleria di arte moderna]

Rimini, Inaugurazione info...
  [velvet factory]

Roma, Visibile/Invisibile info...
  [associazione di promozione sociale artetica]



...vernissage di oggi
Arco, Antenati. Gli eroi info...
  [galleria civica giovanni segantini - palazzo dei panni]

Arezzo, Con+dominio info...
  [mega+mega centro d'arte contemporanea]

Baronissi, Teo de Palma - Tracciati dell'astrazione info...
  [frac - convento francescano della santissima trinità]

Biella, Gianni Caruso - A Man / Many Countries info...
  [galleria silvy bassanese]

Bologna, Espace vivant info...
  [nt art gallery]

Bologna, Lloyd Kelly - New Releases info...
  [galleria bongiovanni]

Bomarzo, Bomarzo a Bomarzo info...
  [palazzo orsini]

Brescia, Bruno Muzzolini - out_inSight info...
  [fabio paris art gallery]

Brescia, Dreams China info...
  [galleria marchina arte contemporanea]

Brescia, Eloisa Gobbo - Leggere attentamente l'istruzione interna info...
  [galleria delle battaglie]

Brescia, Maurus M. Malikita info...
  [atelier degli artisti]

Brescia, Paolo Conti - Frammenti e Cerchi: il punto di non ritorno info...
  [paciarte]

Brescia, Pietro Annigoni - Oltre il tempo info...
  [primo's gallery]

Brescia, Premio Emilio Rizzi 2006 info...
  [galleria gio' batta]

Brugherio, Donna in percezione info...
  [biblioteca civica - palazzo ghirlanda silva]

Caprarola, Il corso della Luna info...
  [galleria cosmo arte]

Carpi, Cinema & Fumetto. I personaggi dei comics sul grande schermo info...
  [palazzo dei pio]

Carrara, Bo Allison - The Paradigma Project info...
  [fabbrica ponte di ferro]

Catania, Claudio Testaverde - La memoria dell'acqua info...
  [libreria maieutica]

Cherasco, Paolo Bove info...
  [evvivanoe']

Chiari, Pino Pascali - Genio ribelle tra libertà e committenza info...
  [colossi arte contemporanea]

Chiasso, Al Fadhil - Extracorpi info...
  [galleria cons arc]

Chiasso, Biennale dell'Immagine 2006 - Invasioni info...
  [sedi varie]

Chieri, Francesco Capello - Fermoimmagini info...
  [af design]

Chieri, Versus XII info...
  [imbiancheria del vajro]

Cisterna Di Latina, Mirco Marcacci - Sottopelle info...
  [galleria la mimosa - palazzo caetani]

Colle Di Val D'Elsa, Piero Sani - Terra di Siena info...
  [enoteca il salotto]

Corbetta, Hsiao Chin info...
  [galleria brera 1]

Cosenza, Duccio Berti - Ritmi dei labirinti info...
  [vertigo arte]

Dronero, Il nostro tempo info...
  [museo multimediale son de lenga]

Falconara Marittima, Marino Pulviscoli / Rob Minuscoli - Due cervelli buoni per il frullatore info...
  [sala mercato coperto]

Feltre, Arianna Carossa / Lukas Zanotti - Contiguità info...
  [galleria de faveri a.rte]

Ferrara, André Derain info...
  [palazzo dei diamanti]

Forlì, Chiara Lecca - Do you want to be a Sow info...
  [enoteca vino divino]

Gazoldo Degli Ippoliti, Biennale d'Arte Postumia Giovani 2006 - Camerae Pictae info...
  [museo d'arte moderna e contemporanea]

Genova, Fascino d'Oriente info...
  [musei di strada nuova - palazzo rosso]

Giulianova, Sergio Sarri - L'uomo e la macchina info...
  [mas - museo d'arte dello splendore]

Grugliasco, Sally Soames / Elio Garis - More than portrait info...
  [nave - parco culturale le serre]

La Morra, Luigi Carbone - Illusione e poesia info...
  [cantina comunale]

Lastra A Signa, Anna Cecchetti / Tommaso Brogini - Due modi di interpretare il ritratto e non solo... info...
  [villa caruso bellosguardo]

Livorno, Tracce Fuoricentro City info...
  [sedi varie]

Maccagno, Acquisizioni 2006 info...
  [civico museo parisi valle]

Magenta, Paesaggi del mondo info...
  [viol@rte]

Marina di Massa, Monica Michelotti - Messaggi d'arte info...
  [apt]

Milano, Gianni Cuomo - Nel dubbio meglio tacere info...
  [mapp - museo d'arte paolo pini]

Milano, Jannis Kounellis info...
  [fondazione arnaldo pomodoro]

Milano, Liliana Cecchin - Milano Underground info...
  [galleria previtali]

Milano, Mario Cresci - D'après di d'après info...
  [fotografia italiana]

Mirandola, Nel segno di Pico info...
  [castello dei pico]

Padova, Fabiano Avancini - Face info...
  [galleria estro]

Padova, Ulrich Egger - Ricostruzione info...
  [galleria fioretto]

Pescara, Frank Stella info...
  [rizziero arte]

Ragusa, Theresa Lükenwerk - Drawings info...
  [piac - piattaforma internazionale arte contemporanea]

Rivoli, Ciro Palumbo / Akira Zakamoto - Le roccaforti del sogno info...
  [la torre della filanda]

Roma, Cristiano Guitarrini info...
  [galleria arch]

Roma, fuoriluogo - Guido Ricci / Francesco Barbagallo info...
  [studiomiani]

Roma, Il libro come tema, il libro come opera info...
  [gnam - galleria nazionale d'arte moderna]

Roma, L'arte di amare l'arte info...
  [palazzo corsini - galleria nazionale d'arte antica]

Roma, Omaggio a Cesare Brandi info...
  [gnam - galleria nazionale d'arte moderna]

Roma, Pier Domenico Magri info...
  [galleria crispi]

Roma, Simone Angelucci / Serena Masci info...
  [centro informagiovani]

Salerno, Patrizia Grieco - Mediterraneo info...
  [ex chiesa di sant'apollonia]

Salzano, Verdemateria info...
  [parco e filanda romanin jacur]

San Donà Di Piave, Marcello Dudovich info...
  [galleria civica d'arte moderna e contemporanea]

San Gimignano, Macchi | Roberts | Pancrazzi info...
  [galleria continua]

Sassuolo, Massimo Gurnari - Carne Scelta info...
  [annovi arte contemporanea]

Sirmione, ARTexpo info...
  [galleria civica]

Terni, Notte in colore info...
  [accademia di belle arti]

Trivignano Udinese, Matilde Tomat - Stralci info...
  [sedi varie]

Venezia, B.Zarro - Photo info...
  [imagina cafe']

Venezia, Roberto Sanchez info...
  [ambasciata di venezia]

Verona, Jacob Hashimoto info...
  [studio la citta']

Vespolate, Migra-azione. Azione 3: migraidentità info...
  [tenuta bertottina]

Vicchio, D'incanto fra i colli e il cielo del Mugello, gli angeli dell'Angelico info...
  [casa di giotto]

Vicenza, Luisa Delle Vedove / Paola Martinella info...
  [primo piano arte studio]

Vimercate, Giardini urbani info...
  [galleria magenta 52]




Messaggio di Marco il sabato 23 settembre 2006 alle 08:58   -  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: martedì 11 dicembre 2001   Posts: 155   View Marco's profileProfilo Search for other posts by MarcoCerca Quote

se la newsletter non viene visualizzata correttamente è possibile raggiungerla al seguente link.

 

 

 
       

22.09.2006

 

dop la pausa estiva il PAN ritorna con tante, nuove iniziative a cominciare con gli appuntamenti della notte bianca: reading letterari, degustazioni, rassegna video, mostre fotografiche e ancora suggestivi allestimenti per i più piccini....

lunedi a sabato
9.30-19.30
domenica e festivi
9.30-14.30
chiuso il martedì
 
presentazione   io dono, tu doni, egli dona...  
26.09.2006
ore 11.00
 

intervengono:

Nanni Costa, Direttore del Centro Nazionale Trapianti.

Angela Cortese, Assessore alle Politiche Scolastiche della provincia di Napoli

Angelo Montemarano, Assessore alla Sanità della Regione Campania

Nicola Oddati, Assessore alla Cultura del Comune di Napoli

 
 
Oggetto dell'incontro, moderato da Mario Orfeo e Maurizio di Mauro  un libro agenda sul tema della donazione e trapianto degli organi.  Il libro, frutto del concorso I giovani, la scuola e la cultura della donazione degli organi è stato realizzata grazie al contributo dell’Assessorato alle Politiche Scolastiche e Formative della provincia di Napoli e dell’Alto Comitato per i Trapianti della Regione Campania. L'agenda è destinata agli studenti dell’ultimo anno delle scuole superiori e ai loro docenti
SALA PAN
piano terra
  info: 800-20-20-23 ingresso libero
       
letteratura   giugno picasso  nottebianca
29.09.2006 
ore 19.00
 
  di Peppe Lanzetta

 

Con Peppe Lanzetta, noto scrittore napoletano, si discuterà del suo ultimo romanzo, Giugno Picasso, editore Feltrinelli (2006).

 E’ un testo che non si potrebbe capire senza tener conto del Mediterraneo, e dell’isola in cui è ambientata la storia: una Stromboli dall’accecante bellezza. Il narratore del sottoproletariato napoletano vuole ora meditare sulla vita, e scrive un romanzo sull’innocenza perduta

 


 
AULA LABORATORIO
piano terzo
 
 

  ingresso libero
 
fotografia   stili mediterranei  nottebianca
29.09.2006 
ore 20.00
  mostra fotografica di Martin Devrient  

Stili Mediterranei è il titolo della mostra del fotografo tedesco classe 1970, Martin Devrient originario della Turingia ma stabilitosi ormai in Italia già da qualche anno. In quanto documento, legato allo sguardo, al puro vedere, la è in opposizione rispetto ad ogni forma di esotismo letterario che ha cercato di riportare l’altro a sé, la differenza esotica all’identità eurocentrica, facendo dell’altro il medesimo, dell’ignoto il noto. Dell’esotismo hanno sofferto in particolare paesaggi e culture del Mediterraneo

FOYER
piano terra

 

ingresso libero
 
musica   anema e corde  nottebianca
29.09.2006 
ore 20.00

 

a cura di: Francesco De Sio Lazzari e  Luigi Mascilli Migliorini

 

Anema e corde - nuova liuteria napoletana è il titolo della mostra di strumenti musicali della asssociazione Anema e Corde, scuola di liutai  composta da sette giovani, allievi e da un anziano "maestro" La scenografia dell'installazione è suggestiva: tavolo con violini e mandolini esposti nelle varie fasi della lavorazione, dal prodotto grezzo a quello finito. La scuola insegna a costruire mandolini, violini, ed altri strumenti musicali.

FOYER
piano terra

 

ingresso libero
 
artevideo   sanguinetiana caheniana  nottebianca
29.09.2006 
ore 21.30

  a cura di Giorgio Baratta, Maria Pia De Vito  

Proiezioni video:

Sanguineti  fritti e crudi (Zitronenland)
da un’ idea di Giorgio Baratta
con Maria Pia De Vito
regia    Massimiliano Bomba
Le Cercle
regia di Robert Cahen
Produzione Boulevard des Productions

Payé

da un’idea di Giorgio Baratta e Célia Tolentino
con Edmárcia De Andrade, Manuela Intartaglia,  Bruno Leone, Vladimiro Baratta, Silvia Oviedo
regia     Giorgio Baratta
produzione  Tropico Mediterraneo 2005, 11’

Vociferazioni
di Edoardo Sanguineti
musica di Quadrivium
immagini video di Alessandro Cagol
macchine in scena di Domenico Tavernini
voce narrante: Edoardo Sanguineti
gruppo strumentale Quadrivium

SALA PAN
piano terra

 

info: 081 7958605-06

www.palazzoartinapoli.net
ingresso libero
 
degustazione   signori il mondo in fine è un'osteria!  nottebianca
29.09.2006 
ore 23.00


 

degustazione di vini e crostacei offerta dalla delegazione campana de
Le Donne del Vino

 
“I più splendidi Campania Tesori sono le dolci campane Donne del Vino”
da una conversazioni tra turisti europei in gita sul Vesuvio:
Signori, il mondo, in fondo, è un’osteria:
Noè ci ha messo il vino in frenesia:
dopo il diluvio, è il meglio che ci sia:
coronata, dolceacqua, malvasia,
qui, tra i compagni, a bere in compagnia:
chi ci patisce sua dollareria,
nemmeno stiamo a farci, noi, la spia:
ci facciamo la festa, e così sia
(Edoardo Sanguineti, da Brindisetto fiscale)


ATRIO
piano terra

 


ingresso libero
 
bambini   sorvolando il mondo   nottebianca
 
30.09.2006 
ore 20.30>23.00

durata di ogni spettacolo
15 minuti

La performance è rigorosamente a numero chiuso; nell’eventualità ci siano più spettatori del consentito (16) dovranno necessariamente attendere il turno successivo
  Le Nuvole in collaborazione con PAN | Palazzo delle Arti Napoli
età consigliata: bambini da 5 a 9 anni
 

Un percorso multiculturale alla scoperta delle abitudini dei vari popoli del mondo con particolare riguardo al Mediterraneo.

I bambini, seduti per terra, all’interno di una nuvola bianca, compiono un viaggio immaginario, sorvolando popoli e paesi diversi, dal Medio Oriente alla Grecia, dalla Francia alla Spagna.
Un’animatrice insegnerà ai bambini, parlando in quattro lingue mediterranee, alcuni semplici modi di dire. Si imparerà a conoscere le differenti usanze, musiche e danze tradizionali, i diversi modi di salutarsi e di mangiare. Particolare attenzione sarà riservata al pane, alimento comune e unificante dei diversi popoli.
Modalità di ingresso del pubblico: ad ogni spettacolo potranno partecipare fino ad un massimo di 16 bambini.  Accoglienza 15 minuti prima dell’inizio di ogni spettacolo. Il pubblico sarà accompagnato nell’aula laboratorio al terzo piano, dove sarà invitato a togliersi le scarpe e fatto accomodare dentro la nuvola. Durante lo spettacolo non sarà consentito l’ingresso
.



AULA LABORATORIO piano terzo


 

info: Le Nuvole  081 2395666

ingresso libero
 
mostra   giardino. luoghi della piccola realtà  

06.07.2006>30.09.2006


festivi ore 9.30-19.30

feriali ore 9.30-14.30

  a cura di Lorand Hegyi  
Giardino - luoghi della piccola realtà, questo il titolo dell’ esposizione, intende indagare -nell’intento di Hegyi- “lo sviluppo di nuovi contesti sensibili, la creazione di nuovi e intimi legami fra i regni e le esperienze personali che generano costellazioni estremamente sorprendenti (...) e nuovi domicili che costituiscono zone ideali per accentuare la percezione di realtà concrete”.
Dopo aver indagato -
con The giving person- le ragioni della creazione artistica contemporanea e i processi intellettuali ed emozionali che sfiorano la sfera percettiva della realtà, e dopo la narrazione di una Napoli crocevia di vitalità e fermenti creativi, aperta al dialogo internazionale descritta in Napoli presente, Hegyi riflette con Giardino sul tema del domicilio inteso non già nella sua accezione abitativa, ma in quella più segreta di un luogo personalissimo ed emozionale.
I 25 artisti in mostra propongono, attraverso diversi linguaggi -dall’installazione al disegno, dalla fotografia alla pittura- un viaggio nell’universo individuale di ciascuno alla ricerca di una dimora mentale, immaginaria, che ne aiuti la collocazione sociale in una micro-comunità, proprio nell’ambito del problema –sollevato dal filosofo francese Jean-François Lyotard- di reperire criteri di giudizio e di legittimazione che abbiano valore locale e non più universale.
Le opere in mostra raccontano dunque mondi reconditi, afflati comuni, legami poetici tra uomini e luoghi al confine tra personale e  privato, intimo e collettivo.

 

SPAZI ESPOSITIVI
piano primo

SPAZI ESPOSITIVI
piano secondo

 


 

 
info:+39.081.7958605-06
ingresso libero
 
I vs dati sono acquisiti, conservati e trattati nel rispetto del d.lgs. n. 196/2003. Il titolare dei dati potraà richiederne in qualsiasi momento la conferma dell'esistenza, la modifica e cancellazione. Tutti i destinatari della mail sono in copia nascosta (privacy l. 675/96), ma può succedere che il messaggio pervenga anche a persone non interessate, in tal caso vi preghiamo di segnalarcelo rispondendo Cancellami a questa mail precisando l'indirizzo e-mail che verrà immediatamente rimosso.
 

via dei mille 60, napoli | tel. +39.081.7958605-06-07 | fax. +39.081.7958608 | info e prenotazioni: tel. +39.081.7410067 | info@palazzoartinapoli.net | www.palazzoartinapoli.net

 


Messaggio di Marco il lunedì 25 settembre 2006 alle 08:10   -  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: martedì 11 dicembre 2001   Posts: 155   View Marco's profileProfilo Search for other posts by MarcoCerca Quote

gli eventi di oggi: (25/9/2006)



...si svolgono in giornata
Tricase, Roberto Bricalli - Grande volto info...
  [piazza cappuccini]

Viterbo, Healing/Curando info...
  [terme dei papi]



...vernissage di oggi
Firenze, Jackie Sleper info...
  [museo diocesano]

Milano, Unisex info...
  [quintocortile]

Palermo, Bianca Russo info...
  [atelier la lucciola]

Roma, Cristiano Petrucci - A bocca aperta non si mangia info...
  [galleria bettivo' horti lamiani arte contemporanea]

Roma, Susanne Kutter - Luxury-Power-Beauty info...
  [la nuova pesa centro per l'arte contemporanea]

Venezia, Daniele Scarpa Kos - Elementi di storia delle religioni info...
  [spazio ponte delle latte]




Messaggio di Marco il lunedì 25 settembre 2006 alle 08:13   -  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: martedì 11 dicembre 2001   Posts: 155   View Marco's profileProfilo Search for other posts by MarcoCerca Quote

Arte e tecnologia al teatro Palladium di Roma

ROMAEUROPA FESTIVAL 06 PRESENTA SENSI SOTTO SOPRA

dal 29 settembre al 20 ottobre 2006 | a cura di richard castelli | teatro palladium | roma


LA MOSTRA

La Mostra Sensi Sotto Sopra (29 settembre - 20 ottobre) al Teatro Palladium Università Roma Tre fa parte della sezione Arte e Tecnologia del Romaeuropa Festival 2006.

Sono tredici le installazioni presentate in Sensi Sotto Sopra, la mostra che aprirà la XXI edizione del Romaeuropa Festival occupando tutti gli spazi del Teatro Palladium in un percorso, disegnato dal curatore francese Richard Castelli, dove arte e tecnologia si fondono. Gli itinerari di Sensi Sotto Sopra trasformeranno platea, foyer, galleria in spazi percettivi in cui lo spettatore sarà fruitore e contestualmente protagonista.

Provenienti da artisti raramente visti in Italia e ad alto contenuto tecnologico le installazioni di Romy Achituv (Israele), Gregory Barsamian (Usa), Du Zhenjun (Cina), Richard Fleischer (Usa), Holger Förterer (Germania), Ulf Langheinrich & Jeffrey Shaw (Germania / Austria / Australlia), Marie Maquarie (Francia), David Moises (Austria), Sébastien Noël @ Troika (Francia / Uk), Christian Partos (Svezia), Pierrick Sorin (Francia), Studio Azzurro (Italia), Time's Up (Austria).

In prima mondiale Hemisphere, cupola di dieci metri di diametro sospesa sulla platea - realizzata da Jeffrey Shaw - che diventa spazio aperto per un'esperienza immersiva con gli impulsi visivi e uditivi dell'artista multimediale Ulf Langheinrich, fondatore insieme a Kurt Hentschläger del celebre due elettronico Granular Synthesis.

Non perdete l'esibizione dal vivo dell'inconfondibile suono elettronico di Ulf Langheinrich in Hemisphere live ogni venerdi sabato e domenica ore h 21.

IL FESTIVAL

Romaeuropa Festival 2006 - Arte e nuove tecnologie, teatro, danza e musica dal 29 settembre al 9 dicembre per la XXI edizione del Romaeuropa Festival.
39 spettacoli, di cui 30 in prima nazionale, con oltre 200 artisti provenienti da tutto il mondo animeranno l'autunno della capitale investendo i luoghi chiave della città, con un calendario suddiviso in cinque sezioni trasversali tutto il programma: Arte e Tecnologia, Vecchie Storie e Nuovi Sguardi, Orienti, Trasformazioni, Nightline.

Romaeuropa Festival 2006 (iniziativa della Fondazione Romaeuropa Arte e Cultura), sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana, con il Patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, con la partecipazione del Ministero degli Affari Esteri, è sostenuto da Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Direzione Generale per lo Spettacolo dal Vivo, DARC - Direzione generale per l'Architettura e l'Arte Contemporanee, Comune di Roma - Assessorato alle Politiche Culturali (Dipartimento Cultura Sport Toponomastica Ufficio Spettacolo), Regione Lazio - Assessorato alla Cultura, Spettacolo, Sport e Turismo, Provincia di Roma - Assessorato alle Politiche Culturali, della Comunicazione e dei Sistemi Informativi

Partner del Romaeuropa Festival 2006: Arcus, Camera di Commercio di Roma, Fondazione Cassa di Risparmio.
Main Sponsor: Gioco del Lotto-Lottomatica, Trenitalia.
Con il contributo di: Philip Morris Italia S.r.l., CNP, Acea, Club la Repubblica, Dimensione Suono Due, Ripa Hotel, Tema Celeste, Next Exit, Rai Doc, Atac, Cts.
In collaborazione con: Brancaleone/Impact, Galleria Alberto Sordi, Radio3 Rai.




Mostra Sensi Sotto Sopra
Teatro Palladium Università Roma Tre
Piazza Bartolomeo Romano 8
info e biglietteria 06 57 06 77 61
ingresso 7 euro
www.romaeuropa.net

Sensi Sotto Sopra è realizzata con il sostegno di DARC / MAXXI, main sponsor Lottomatica, media partner RDS2, nell'ambito del Festival europeo TEMPS D'IMAGES 2006, sostegni esteri Ambasciata di Francia - Cultures France, Fondazione Nuovi Mecenati, Agenzia Culturale del Québec in Italia.




Messaggio di Gino il martedì 26 settembre 2006 alle 16:30   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

notizie del 25/9/2006



IL MECENATE D'ACCIAIO
Victor Pinchuk. Un oligarca ucraino lascia la politica per dedicarsi esclusivamente agli affari. E alle attività filantropiche, tra cui anche l'arte contemporanea. Con una collezione di 300 pezzi, ha aperto il primo Art Centre del paese, curato da Nicolas Bourriaud. Siamo andati a dare un'occhiata. In quel di Kiev... [leggi]

fino al 7.I.2007
Group Therapy
Museion, Bolzano

Farlo in gruppo è meglio. Stiamo parlando di creatività, naturalmente. In mostra solo chi opera in coppia o in team. Per dimostrare che l'arte può essere un'esperienza collettiva. E catartica. [leggi]

fino al 27.I.2007
Balenciaga Paris
Parigi, Musée de la Mode et du Textile

Pinault colpisce ancora. Un'attesa monografica celebra la storica maison francese. Dalla rigorosa ricerca del fondatore Cristobal Balenciaga, all' immagine sofisticata del nuovo direttore artistico Nicolas Ghesquière. [leggi]

fino al 17.XI.2006
Guido Bagini
Milano, The flat

Orizzonti fluviali, interni retrò e vetrate razionaliste. Chi ha detto che da noi non si parla la lingua della pittura internazionale? L'opera di Bagini. Tra modernità e riflessioni crepuscolari... [leggi]

fino al 30.IX.2006
Circle Line
Senigallia (an), Rotonda a Mare

Una rotonda sul mare fa da cornice all'arte contemporanea. E il cerchio diventa tema ispiratore di un'intera esposizione. Tre progetti si susseguono e convivono sospesi tra il cielo e il mare. [leggi]

infumo_interviste
Da Tampere a Bologna

Amanda Vähämäki è nata nel 1981 a Tampere, in Finlandia. Da piccola voleva diventare la proprietaria di un negozio di animali. Poi invece è diventata fumettista. L'abbiamo scoperta sulla rivista Canicola... [leggi]

resoconto
Extempore
Suvereto (li), centro storico

Un antico borgo rurale della Val di Cornia accoglie un gruppo di artisti in erba. Impegnati nelle loro prime "prove d'autore". Tra video, ludiche performance e gallerie nomadi... [leggi]


Exibart.radio del 25/9/2006



> pigiama-vernissage. si inaugura alle due della notte la mostra veneziana di daniele scarpa kos
> bicycling roma. a radioartemobile video di rainer ganahl sulla roma by bici.
> artissima, c'è anche piero golia fra i 14 selezionati per present future.


gli eventi di oggi: (26/9/2006)



...vernissage di oggi
Bergamo, Bang! Il respiro della natura info...
  [palazzo della ragione]

Genova, Asta di settembre info...
  [casa d'aste art - palazzo del melograno]

Genova, Asta di settembre info...
  [cambi casa d'aste - castello mackenzie]

Lugano, Esprit Sphérique info...
  [galleria gottardo]

Milano, Angelo Sarleti - Not here info...
  [galleria artra]

Milano, Emergenza pianeta al femminile info...
  [studio d'ars]

Milano, Greetings from Provence... info...
  [galleria the new ars italica]

Milano, I principi e le arti info...
  [museo poldi pezzoli]

Milano, Valeria Agosti Nelli - Tempo opportuno info...
  [aus18]

Milano, Yerbossyn Meldibekov - Pastan info...
  [galleria nina lumer]

Roma, Hôtel de la Lune - Dead line info...
  [angelo mai]

Torino, Mimmo Paladino '77 - '83 / Claudio Parmiggiani '66 - '75 info...
  [e'arte gallery]




Messaggio di Gino il martedì 26 settembre 2006 alle 17:26   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

Collettiva di giovani artisti a Bari

GAP - Giovani Artisti Pugliesi

dal 27 settembre al 15 ottobre 2006| a cura di lia de venere, marilena di tursi, antonella marino | bari, sedi varie| organizzazione: romano exhibit s.r.l.


Mercoledì 27 settembre alle 18,00, presso la Sala Murat di Bari s'inaugura la mostra GAP - Giovani Artisti Pugliesi. L'iniziativa - promossa dall'Assessorato alle Culture del Comune e realizzata in collaborazione con l'Assessorato alla Pubblica Istruzione e alle Politiche giovanili del Comune di Bari, l'Assessorato alla Cultura della Provincia di Bari e le Accademie di Belle Arti di Bari e di Lecce - propone un'ampia ricognizione sulla creatività emergente in Puglia, curata da di Lia De Venere, Marilena Di Tursi e Antonella Marino.
Il successo della prima edizione (2004) della rassegna GAP - Giovani artisti pugliesi ha indotto questa amministrazione a rispettare la cadenza biennale di una rassegna che ha dimostrato di essere valido strumento per far conoscere i giovani talenti pugliesi dentro e fuori il territorio regionale. La formula ideata per il 2006 si pone in continuità con quella precedente, ma con alcune novità, che sviluppano in chiave diversa l'esigenza di relazionarsi con i luoghi e i temi più urgenti del proprio territorio e di confrontarsi con artisti provenienti da ambiti geografici e culturali diversi. Da un lato dunque viene riproposta la sezione New entries, che prevede la presentazione nella Sala Murat delle opere inedite di sedici artisti pugliesi under trenta (Valentina Chiffi, Daniele Coi, Francesca Curcetti, Daniele D'Acquisto, Valentina Dell'Aquila, Loredana Di Lillo, Danilo De Mitri, Francesco Ferruccio, Lucia Lacirignola, Carlo Leo, Luigi Massari, Giovanni Matteo, Angelo Però, Antonio Porta, Stefania Re, Antonia Giuse Sanasi). Essi sono stati scelti a seguito di una lunga e attenta ricognizione sul lavoro delle ultime generazioni dell'arte in Puglia, attraverso l'esame di percorsi che nascono in gran parte all'interno delle tre Accademie di Belle Arti della regione (Bari, Lecce, Foggia), ma non solo.

Il tema del rapporto con la propria identità è invece al centro dell'altra sezione, Gates, che mette in scena quattro giovani artisti pugliesi con più esperienze che avevano partecipato all'edizione precedente, i quali sono stati invitati a lavorare in alcuni luoghi pubblici del territorio comunale. I luoghi in questione sono stati individuati tra quelli che costituiscono i punti di accesso alla città e simbolicamente anche di transito dei flussi migratori: Porto, Aeroporto, Stazione ferroviaria e Questura. Sugli stessi spazi sono stati chiamati ad intervenire altrettanti giovani artisti stranieri, appartenenti ad alcuni paesi del Mediterraneo e dell'Europa dell'Est, da cui tali flussi più o meno direttamente provengono. Le coppie di artisti (Dario Agrimi/Irena Lagator (Montenegro) alla Stazione FF.SS.; Mirella Carella/ Jelena Vasiljev (Serbia) alla Questura (per sopravvenuti impedimenti di carattere logistico le loro opere saranno esposte nella Sala Murat); Michele Giangrande/Anila Rubiku (Albania) all'Aeroporto; Giuseppe Teofilo/Dafni&Papadatos (Grecia) al Porto/Terminal Crociere), hanno infatti prodotto delle installazioni site specific sui temi dell'accoglienza, dell'emarginazione, dello scambio e dell'incontro con l'altro in un'operazione creativa condotta in tandem che ha significato, per gli autori pugliesi, aprirsi alla cultura di provenienza degli artisti stranieri selezionati.

Invariate rimangono invece modalità e finalità del Premio: una giuria nazionale formata da critici d'arte, galleristi o direttori di musei qualificati, designerà uno o più vincitori ex aequo. In palio ancora una volta c'è la possibilità di esporre l'anno successivo in una prestigiosa istituzione museale italiana.

Alla rassegna è collegato un workshop aperto agli studenti delle Accademie di Belle Arti e della Facoltà di Architettura, condotto dal 9 al 13 ottobre dal collettivo Stalker sull'area di Punta Perotti, considerata qui come porta ideale di accesso alla città.

In occasione della vernice due navette dell'AMTAB in partenza dalla Sala Murat, rispettivamente alle 19.00 e alle 19.30, condurranno i visitatori nelle diverse sedi della mostra (Aeroporto, Porto, Stazione Ferroviaria, Questura).

All'iniziativa hanno offerto il loro sostegno: Barili, Renauto, Saverio Lorusso Arredamenti, Siderurgica pugliese, AMTAB, Amerigus, Antonelli fotovideottica Vision Multistore Falegnameria Muolo, Home Vision Point Michele Ranieri, Saicaf, San Paolo Banco di Napoli.


Inaugurazione: Sala Murat, Bari. Mercoledì 27 settembre 2006, ore 18,00
Orari di visita: Sala Murat 11.00/13.00 18.00/22.30 ; Stazione, Aeroporto Porto (Terminal Crociere) 10.00/21.00
Catalogo: Edizioni Gelsorosso - Bari
Cooperativa 'L'albero dei sogni' 080 5289624; Ufficio Stampa 339 5238312
press.gap@gmail.com




Messaggio di Gino il mercoledì 27 settembre 2006 alle 09:49   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

E’ partito il conto alla rovescia: sabato prossimo a Napoli sarà Notte Bianca!
Se ancora non hai scelto lo spettacolo a cui assistere, collegati su www.nottebiancanapoli.com: troverai il programma con tutti gli aggiornamenti e anche un utile e spiritoso vademecum che ti aiuterà a programmare la tua serata e a vivere l’esperienza di Notte Bianca con tranquillità e serenità.
Non dimenticare di consultare la pagina dedicata ai trasporti con tutti i particolari sul piano mobilità, i varchi chiusi che delimitano la zona vietata alle auto e le stazioni di Metro, Circumvesuviana e Sepsa che saranno chiuse. Per ogni informazione, c’è anche un numero verde al quale potrai fare riferimento: 800.22.33.66.
Insomma, c’è tutto per prepararti a una Notte Bianca felice e piena di allegria.
Ti aspettiamo!
 
Comitato NotteBiancaNapoli 2006
Infoline:  
081-197.20.651
081-197.20.652


Messaggio di Gino il mercoledì 27 settembre 2006 alle 10:03   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12608   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

notizie del 26/9/2006



fino al 7.I.2007
Carlo Mollino
Torino, Gam e Castello di Rivoli

Una figura forte e complessa. Dinamico, creativo, inquieto. Dal design alla fotografia, fino allo sci e all'aviazione. Sull'onda della velocità. Due mostre a Torino per raccontarlo. Ecco a voi Carlo Mollino... [leggi]

fino al 30.IX.2006
Move your mind: choose your wine
Montalcino, sedi varie

Brunello e dolci colline? Non soltanto. Montalcino apre le porte all'arte contemporanea. Ma sullo sfondo ci sono sempre loro, i grandi vini. E i video vanno in cantina. [leggi]

fino al 30.IX.2006
Andy Warhol - Famous
Trieste, LipanjePuntin

Liza Minelli, Mick Jagger, Marilyn. Le solite compagnie di Andy. Ma c'è anche Lenin su un infuocato rosso sovietico e alcuni ritratti di Andy. A Trieste lo show del principe della pop art continua. [leggi]

fino al 21.XI.2006
Marcello Mazzella
Napoli, Franco Riccardo

Webality come reality. Dove il virtuale diventa reale, e viceversa. Ma anche dove i processi comunicativi hanno un altro peso e la parola assume una dimensione figurativa. [leggi]

pre[ss]view_riviste
Studi Tizianeschi

Testate monotematiche? Ecco una rivista che raccoglie tutto quanto c'è di nuovo su Tiziano. Un ricco mix di saggi critici, recensioni, notizie su esposizioni e convegni. Condito con qualche sana polemica accademica... [leggi]


Exibart.tv del 26/9/2006



> artelibro 2006 - l'arte è sempre contemporanea?


Exibart.radio del 26/9/2006



> vino e arte per la terza edizione del viaggio in sicilia by planeta.
> venezia, ecco la commissione per punta della dogana. la regione è già schierata, ma decide bonito oliva.
> ancora sul ruolo della critica. marco meneguzzo sul prossimo exibart.onpaper.


gli eventi di oggi: (27/9/2006)



...si svolgono in giornata
Firenze, Asta di settembre info...
  [casa d'aste galleria pananti]

Napoli, Bruno Fermariello - Germinale e i nuovi dipinti info...
  [la luna nel bicchiere]

Roma, Niente da vedere niente da nascondere info...
  [fondazione adriano olivetti]

Roma, Rainer Ganahl info...
  [ram - radio arte mobile]



...vernissage di oggi
Bari, GAP - Giovani Artisti Pugliesi 2006 info...
  [sala murat]

Bergamo, Trento Longaretti info...