GinoRamaglia.it - Materiali per l'arte
.
GinoRamaglia.it - Tecniche, materiale e risorse per artisti
GinoRamaglia.it - Tecniche, materiale e risorse per artisti
  GinoRamaglia.it il Catalogo dei prodotti per Belle Arti Eventi e mostre d'arte Esponi le tue opere in Galleria I consigli sulle tecniche e i prodotti per l'arte  
 
 

Forum di discussione

 Benvenuto Ospite    Register  Login cerca  lista utenti

 Tutti i Forum
  Artisti in Mostra

stampa Post reply  Post New Topic

Subject "Il tappeto di segatura" Giuseppe e Valeria Canone
Messaggio di Gino il sabato 30 aprile 2011 alle 09:45   -  forum administrator-  forum moderator
Città: Napoli   Iscritto il: venerdì 29 giugno 2001   Posts: 12606   View Gino's profileProfilo Search for other posts by GinoCerca Visit Gino's homepagewww Quote

Il  tappeto di segatura

di Giuseppe e Valeria Canone


la tradizione dei tappeti inizia ad affermarsi in Italia e nello specifico a Camaiore, nel corso dell’800, probabilmente con i servitori spagnoli al servizio dei Borbone, che avevano l’abitudine di realizzare tappeti di fiori per accogliere i loro signori, quando questi arrivavano per soggiornare nelle ville della Versilia. Furono proprio alcuni servitori a suggerire agli abitanti di Camaiore di addobbare le strade della città con tappeti di fiori, in occasione della processione del Corpus Domini.

L'istituzione di una festa per celebrare il Corpus Domini, l'Eucaristia, si deve all'iniziativa della beata Giuliana di Retinnes (Liegi), nata nel 1193.

Il culto del Corpus Domini si diffuse in Europa di pari passo con la definizione dogmatica della transustanziazione, la dottrina cattolica che afferma che l'ostia, al momento della consacrazione, si trasforma realmente nel corpo e nel sangue del Cristo.

Un largo impulso alla devozione al "Santissimo Sacramento" venne dai racconti del "miracolo di Bolsena" del 1264: un prete boemo, incredulo, durante la messa spezzò un'ostia, da cui sgorgò del sangue.

Nelle zone dell'Europa cattolica la celebrazione della festa si consolidò ulteriormente nel periodo della Controriforma, in opposizione ai credi protestanti che negavano la transustanziazione.
A Camaiore la processione con il Santissimo Sacramento è attestata già alla fine del XV secolo.

L' evoluzione tecnica dei tappeti di fiori, si trasformò verso la seconda metà dell'800 in tappeti di “segatura”, che ebbe però il suo massimo sviluppo tra gli anni `70 e `80, per l'impegno di artisti locali che riproducevano capolavori della pittura antica o rappresentavano temi legati all'attualità.

Questa tradizione, si diffuse anche in Campania, dove nella città di Torre del Greco veniva festeggiata (e si festeggia ancora), la Festa dei 4 Altari legata ai riti religiosi del “Corpus Domini”, l'ultimo fine settimana di giugno.

Durante la Festa dei 4  Altari si celebra ancora oggi il ricordo della guadagnata autonomia dei torresi dalle famiglie feudatarie dei Caracciolo e dei Carafa D'Andria.

Un'eredità della vicina Napoli che già nel 1600  festeggiava il Corpus Domini al Largo del Castello allestendo per l'occasione una scenografia sontuosa e particolare.

Un altro elemento decorativo si aggiunse all'usa degli altari.

Un'antica abitudine voleva che venissero realizzati tappeti di fiori lungo le strade,  sostituiti poi, con tappeti di segatura colorata, che rappresentavano figure sacre in stile barocco.

A Napoli, invece, la tradizione dei tappeti di “segatura”si legò all'inizio del secolo scorso, ai riti religiosi legati alle festività Pasquali, dove per l'occasione veniva allestito l'Altare della “Reposizione” erroneamente detto in maniera popolare “Il Sepolcro” , che veniva visitato in più chiese dai fedeli.

Purtroppo  pian piano verso la fine del '900, questa tradizione “artistica e popolare”, (oggi potrebbe essere definita un fior fiore di “installazione”), è andata quasi perduta ed in Campania e nello specifico a Napoli, non se ne sente più parlare.

Quest'ultima, a mia figlia Valeria (che fa la pittrice), è sembrata una buona motivazione per convincermi (data la mia giovanile e ventennale esperienza in questo lavoro), a realizzare insieme un “tappeto” per la Parrocchia della SS. Annunziata in via Fonseca, 26.

Nell'occasione è stato riprodotto il dipinto di Caravaggio “L'incredulità di Tommaso” sul pavimento antistante l'Altare del Sacro Cuore.

 

Giuseppe Canone

scultore

Info:

gcanone@libero.it

 

 



Attenzione: per inviare una risposta devi prima effettuare il login
Se non sei ancora registrato, vai alla pagina registrati. E' gratis!

 Vai a Post reply  New post


 

SEGUICI SU: